Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 18 punti Gratitudine!


Il Trionfo Ermetico

La Pietra Filosofale vittoriosa

 
-15%

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Offrendo ai lettori della Biblioteca Ermetica l'opera di Limojon de Sainct Disdici Il Trionfo Ermetico, li si invita a ricostruire ancora una volta e con più ricco materiale il serico ineffabile ordito di ogni grande metafora alchemica, qui appunto « trionfante ». Non a caso Canselìet ricorda di quanto fosse debitore a questo testo FulcaneìH, uno, tra i moderni, deì maggiori descrittori « per simboli ».

Se ci si abbandona al piacere attento della lettura del Trionfo Ermetico, si dirozzerà come per incanto la sciatta visione materialistica del simbolismo analogico. Questo perché Limojon offre, come lui stesso ricorda, un testo per « addetti ai lavori ». « Questo tipo dì opere - afferma - non è per coloro che non hanno ancora alcuna infarinatura della Filosofia segreta; i più acuti osservatori noteranno a ragione che si è preferito passar sopra a molte cose che avrebbero forse meritato una spiegazione », II Trionfo Ermetico non spiega ma dichiara simboli, lì offre e li organizza nel sapiente momento del dialogo.

L'opera è composta di tre parti: un primo dialogo tra l'Oro e la Pietra, che Limojon tradusse dal tedesco in francese emendando una già esistente traduzione; un secondo dialogo che, protagonisti Pirofilo ed Eudossio, esplicita, ma sempre trasportando in altra chiave simbolica, il primo; una Lettera ai veri discepoli dì Hermes che spiega le Set chiavi della filosofia spagtrica.

Collegato con saldi fili alla concezione tradizionale dell'alchìmia, il Trionfo rimane per forma, per eleganza dì tasselli simbolici, per giustapposizioni scaltre ed ingenue, per « distrazioni » dì conoscenza subito dopo fin-serrate nella negazione, secondo l'usuale formula dello scritto alchemìco, un barocco gioiello dell'ermetismo: una lettura da convivere anche captandone soltanto le pur folgoranti intuizioni simboliche. Questo testo è ora presentato nella Biblioteca Ermetica, nella nuova, giustamente rispettosa, traduzione di Maurizio Barracano, che lo introduce accompagnandolo» inoltre dei riferimenti storici necessari.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 16 settembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ogni testo è fondamentale nel percorso e se si comprende che anche altre materie si devono prendere in considerazione per la conoscenza, riuscendo, quando si è maturi a riunirle in un campo unificato, allora ci si può considerare Adepti a pieno titolo.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 4 dicembre 2015

Questo "sapido" gioiello della "Biblioteca Ermetica" dei tipi della Mediterranee è un vigoroso viatico all'insipida e decadente "fame di magismo spettacolare" che attanaglia troppe persone oggigiorno. Questo ritorno alle origini, alla base del pensiero ermetico che comunque riposa sulla saggezza adamantina del Corpus Hermeticum, dovrebbe far riflettere quanti, sempre più spesso, siano solo alla ricerca di emozioni passeggere e illusorie. Consigliatissimo!!!

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su