Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 20 punti Gratitudine!


Il Codice del Cosmo

Le Cronache Terrestri Vol.6

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Molte migliaia di anni fa, l'evoluzione della civiltà umana fu guidata, fin dai suoi primi passi, da una razza di esseri straordinari, venuti da un altro mondo e depositari di conoscenze che noi umani cominciamo solo oggi a comprendere. Tutto questo Zecharia Sitchin lo ha dimostrato rileggendo i testi antichi e i resti archeologici.

Ma i suoi studi hanno aperto un'altra porta e ci rivelano la natura del "codice" grazie al quale la vita intelligente si diffonde nell'universo. Partendo dalla sapienza astronomica dei templi megalitici e dalla distinzione che esisteva nell'antichità tra "fato" e "destino", Sitchin ci svela il meccanismo che è alla base di tutte le profezie anch'esso legato a quel misterioso codice. 

Quel codice - che gli Antichi rappresentavano con l’immagine di due serpenti intrecciati - è il segreto che dà la vita e trasmette l’identità. Quel codice è il DNA.

AUTORE

Zecharia Sitchin è nato a Bacu in Russia ed ha vissuto in Palestina, dove ha studiato la Bibbia ebraica scritta in ebraico antico. Ha inoltre studiato l'archeologia del Medio Oriente, prima di trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti. Ha dedicato tutta la sua vita allo studio delle lingue semitiche ed è un'esperto di civiltà Sumera, tanto da essere uno dei pochi studiosi in grado di poter decifrare le iscrizioni scritte nei caratteri cosiddetti "cuneiformi", che ricoprono bassorilievi e le tavolette di argilla ritrovate in tutto il Medio Oriente. Nei suoi libri traduce i testi sumerici ed evidenzia le somiglianze tra i miti religiosi Sumeri, Greci e Cristiani... La sua visione è semplice ma sconvolgente: i testi sacri dei popoli antichi non è creazione fantastica, ma confusa memoria di fatti realmente avvenuti!

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 30 dicembre 2015

Secondo Sitchin gli antichi popoli conoscevano a modo loro l'esistenza del Dna, conoscenza che poi andò perduta. In questo libro cerca di darne le prove.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 maggio 2015

Con anni di anticipo il ricercatore Sitchin pone l'attenzione su quello che può essere considerato il codice della vita: il DNA. La ricerca è condotta con scrupolo, scientifico, spaziando attraverso i miti che si perdono nella notte dei tempi per cercare le tracce di cosa sia effettivamente il codice della vita. Buona lettura a tutti voi!!!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 8 aprile 2014

Tra tutti i libri di questo autore questo è forse quello che ho trovato più ripetitivo, ma comunque avvincente e interessante. Mi sono appassionta a questo autore e lo ritengo uno dei più esperti del settore. Ve lo consiglio.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 agosto 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

L'errore umano è dare per scontato i precetti imparati in precedenza. Sitchin apre una breccia nel fanatismo delle certezze e della scienza. consigliato ai pionieri delle larghe vedute.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 4 febbraio 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Interessante per la prospettiva storico/temporale con cui tratta l'argomento "mito degli dei" . Ma superficiale per le fonti. Se si fanno affermazioni così "IMPORTANTI", occorre perlomeno indicare dove le si è prese. A che testi/fonti si riferisce? Reperibili dove? Senza questo è quasi una fantasia e mi dispiace, perchè sull'origine Accado/Sumerica del mito mi troverei d'accordo, ma desidererei potere affermare che è possibile perchè conoscendo l'antico linguaggio e leggendo...le ?? tali fonti chiunque può verificarlo. Il fatto che questi miti poi si riferiscano ad extraterrestri, senza nessun supporto testimoniale non può che essere relegato nell'ambito delle pure "elucubrazioni".

Commenta questa recensione

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su