Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Il Linguaggio della Dea

-15%
Il Linguaggio della Dea

  Clicca per ingrandire

Il Linguaggio della Dea, pietra miliare dell'archeomitologia, ha rivoluzionato le prospettive sulle origini della nostra cultura. L'autrice è riuscita a ricostruire la civiltà arcaica dell'Europa... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 31 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Spesso acquistati assieme...

Il Mito della Dea + Il Linguaggio della Dea

Il Linguaggio della Dea   Il Mito della Dea =

Acquista insieme
€ 64,18 invece di € 75,50
Risparmio € 11,32

AGGIUNGI AL
CARRELLO

Disponibilità per la spedizione: Immediata

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Il Linguaggio della Dea, pietra miliare dell'archeomitologia, ha rivoluzionato le prospettive sulle origini della nostra cultura. L'autrice è riuscita a ricostruire la civiltà arcaica dell'Europa Antica e a riportare alla luce la presenza centrale del femminile nella storia.

I suoi studi spaziano dal neolitico all'età del bronzo. A sostegno delle sue tesi, esamina i reperti, in parte già noti e in parte da lei stessa dissepolti durante i suoi scavi nel bacino del Danubio e nel nord della Grecia, che comprendono un vastissimo repertorio di oltre 2000 manufatti, tutti riprodotti nel volume, mostrando i nessi dimenticati tra il mondo materiale e quello dei miti di una cultura raffinata, la cui genesi è alle radici del patrimonio culturale dell'Occidente.

Il Linguaggio della Dea è forse il libro più noto della grande archeologa. Pubblicato per la prima volta nel 1989 negli Stati Uniti, è subito diventato una pietra miliare dell'archeomitologia e ha operato una rivoluzione radicale di prospettiva sulle origini della cultura europea.

Autore

Marija Gimbutas - Foto autore

Marija Gimbutas (1921-1994) - Nata in Lituania, studiò Archeologia all’Università di Vilnius. Fuggita durante l’invasione russa, si laureò nel 1946 all'Università di Tubinga. Nel 1949 si trasferì negli USA, lavorando prima ad Harvard e dal 1963 all'Università di Los Angeles come docente di Archeologia Europea. È autrice di oltre 20 opere e 200 pubblicazioni su argomenti che spaziano dalla mitologia dell'Antica Europa alla religione della Grande Dea e alle origini delle culture indoeuropee.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: Maria Elisa - 6 marzo 2018 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro molto ricco di immagini, straordinario lavoro storico e archeologico, completo. Utile a ci si avvicina per la prima volta a questo genere di argomento. La dea esisteva ancor prima della nascita delle religioni patriarcali.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Susanna - 2 ottobre 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Tutti dovrebbero avere un libro della Gimbutas, perchè apre la conoscenza personale sulla storia e le tradizioni di antichi popoli, perchè le sue ricerche sono essenziali e preziose per tutto il genere umano. questo libro è ricco di foto e notizie

 Commenta questa recensione

Scritto da: Antonella - 16 luglio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Bellissimo, un libro che ogni studioso della Dea Madre dovrebbe avere. Lo consulto spesso e l'ho fatto ultimamente per un lavoro sull'Energia Primordiale Femminile ed è stato di grande aiuto. Ma è fantastico anche solo leggerlo e ammirare le splendide manifestazioni che nel corso della storia sono state realizzate di questo archetipo cosmico. Amo questo libro.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Cristina De Angelis - 20 luglio 2012

E' un caposaldo per chi studia archeologia, è un libro eccezionale, interessantissimo, per tutti gli studiosi o semplici appassionati di mitologia, storia antica, o semplicemente per tutti coloro che amano scoprire la verità riguardo le proprie radici e riguardo un passato di cui i libri raramente parlano. Una rivelazione! Leggilo! Te lo consiglio vivamente, come tutti gli altri preziosi libri della Gimbutas!

 Commenta questa recensione

Scritto da: Alessio - 25 giugno 2012

Il linguaggio della Dea è un caposaldo per gli studiosi di archeologia e un anche per chi voglia approdare alla conoscenza delle proprie vere radici culturali e spirituali. E' un libro che apre nuovi orizzonti, facendo conoscere l'Europa Antica, un passato di cui non si parla o che, peggio, spesso viene strumentalmente male interpretato e sminuito. Gimbutas lo porta in superficie e lo analizza in ogni sfumatura e con tutti i mezzi. Un libro pieno di fotografie, disegni, decifrazioni, collegamenti, informazioni, preziose documentazioni. Joseph Campbell gli riconosce l'importanza pari alla famosa Stele di Rosetta. Come lui stesso dice questo libro ci riporta a una concezione di vita antitetica ai meccanismi adulterati che si sono imposti nell'Occidente in epoca storica. Quest'opera magnifica può stimolare la trasformazione, conoscere le nostre vere radici, può dare la spinta verso un futuro migliore, affinchè "s'inauguri un'epoca di armonia e di pace" come quella che ci mostra Gimbutas nelle sue opere descrivendo minuziosamente società pacifiche, di una spiritualità ricca, pura, naturale e non adulterata (e strumentalizzata), società in armonia con l'ambiente, basate su schemi paritari e non gerarchici e sulla mutualità tra uomo e donna, vissute nei millenni che hanno preceduto la storia riconosciuta come tale. Per risvegliarci da quest'incubo che dura da 5000 anni, per capire che sopraffazione, dominio, violenza e diseguaglianza non sono parte integrante della natura umana. Della stessa autrice, consiglio anche "le Dee viventi". "Il linguaggio della Dea" è più una impagabile preziosissima raccolta di dati e documentazioni, "le Dee viventi" è più discorsivo e scorrevole... a mio giudizio le due opere si completano l'un l'altra. Informazioni sull'autrice: Marija Gimbutas è un'archeologa d'eccellenza, pioniera nello studio della cultura dell'Europa Antica, autrice di rilevanti opere e innuverevoli articoli di interesse internazionale, presa come punto di riferimento per gli studi sull'Europa Antica, eppure qui in Italia non è abbastanza conosciuta e le sue opere di rilevanza epocale non sono inserite nei programmi di studi nelle facoltà universitarie di archeologia. E' facile comprendere il perché se si conoscono le sue opere che mettono in discussione tutti i valori attuali, quelli sociali, culturali e persino quelli spirituali, collocando le nostre radici culturali e spirituali in società pacifiche e armoniose, antitetiche rispetto a quella attuale e che oltretutto pregavano una Dea, all'interno di una spiritualità naturale, completamente opposta a quelle oggi predominanti. E' una studiosa di rilevanza internazionale, ha ricevuto un incarico ad Harvard in tempi in cui questo era praticamente impossibile per una donna. Insegnò alla UCLA. Archeologa ma anche esperta linguista, mitologa, studiosa di folclore e tradizioni orali, di etnografia, antropologia culturale, storia delle religione, conoscitrice di svariate lingue, di storia moderna e antica, con una cultura impressionante e una abnegazione eccezionale nel dedicare la sua intera vita all'archeologia e ai suoi preziosi studi. Aprì la strada ad una nuova disciplina, l'archeomitologia, che utilizza insieme lo studio di archeologia, folclore, etnologia, linguistica e mitologia: le diverse discipline intrecciandosi si convalidano le une con le altre portando a risultati più veritieri e validi. Proprio per la sua sconfinata cultura, pochi archeologi possono applicare l'archeomitologia come lei ha saputo fare, considerando che la maggior parte degli archeologi non hanno neanche una valida formazione mitologica.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Giovanna - 30 ottobre 2008

Chiunque si ritenga appassionato di culture antiche e di archeologia, delle relazioni tra la storia passata e quella presente dovrebbe leggere questo volume. Ritengo che la Gimbutas sia forse colei che ha dato maggiore spinta a certi movimenti, dando un forte contributo alla riscoperta non solo del mondo "femminile" ma di una cultura in cui sia uomini sia donne erano avvezzi al culto del femminino. Una cultura in cui il matriarcato e il ruolo di primo piano conferito alla donna davano stabilità e potere alle società. E' bellissimo poter riscoprire queste figure del passato alla luce dei cambiamenti degli ultimi decenni e questo testo resterà per sempre un marchio a fuoco nella storia della religiosità, della civiltà e finanche della politica mondiale.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Ivana - 12 ottobre 2008

Egregia riedizione di questo libro che ha reso la Gimbutas e il "suo/nostro" universo delle donne famosi in tutto il mondo.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Claudia - 3 ottobre 2008

Un libro, un mito. Il Linguaggio della Dea di M. Gimbutas è un capolavoro per tutti noi che studiamo archeologia, il suo valore è tanto più grande perchè è stato il primo a riportare in luce le testimonianze dell'importante ruolo della donna nelle società del passato. Magnifiche le foto con didascalie particolareggiate, le informazioni aggiornate, la descrizione dettagliata di ogni cultura. Un libro che sembra il concentrato e ha il valore di un'intera enciclopedia.

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...