Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Il Potere della Kabbalah

Una tecnologia per l'anima

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Immaginate che esista un'antica e misteriosa saggezza che ha influenzato filosofi, scienziati e grandi individui spirituali di ogni tempo: Mosè, Platone, Gesù, Shakespeare, Newton...

Immaginate che in un tempo molto lontano una ristretta cerchia di saggi sia riuscita a comprenderla e l'abbia tramandata in testi che sono rimasti nascosti per duemila anni. Immaginate infine che questa prodigiosa saggezza possa svelare i segreti dell'universo, dare una risposta a ogni domanda, risolvere ogni dilemma.

Tale saggezza esiste, ed è stata effettivamente tenuta segreta per gran parte della storia dell'umanità: è la Kabbalah.

Con questo libro Yehuda Berg, tra le massime autorità sull'argomento, rivela e spiega in modo semplice e chiaro il complesso delle dottrine esoteriche e mistiche della Kabbalah, di quel sapere che, oggi, è la prima e più alta fonte d'ispirazione nell'ambito della ricerca spirituale e dell'autoaiuto.

AUTORE

Yehuda Berg, rabbino americano, è riconosciuto internazionalmente come un’autorità della Kabbalah, della Torah e del Talmud. Ha editato e commentato numerosi testi importanti della tradizione ebraica. Insegna presso i Kabbalah Centre di tutto il mondo, giocando così un ruolo fondamentale nella divulgazione di questo sapere.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 7 luglio 2017

Per quanto sia un libro estremamente semplice nell'esposizione, l'autore riesce a dare una infarinatura completa ed esauriente di ciò che è la kabbalah. Con uno stile asciutto e immediato, il testo ha l'obiettivo di aprire a tutti la saggezza della kabbalah, svestendola di tutto il mistero e l'osticità di secoli e secoli di occultamento. Un testo consigliato a chi si approccia ad una nuova visione.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 4 gennaio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

ricolto a chi vuole saperne di più di questa antica saggezza. è un libro che cerca di spiegare in modo "generale" , in modo introduttivo, ma che vuole essere rivolto a chi comincia a farsi delle domande. Non è un libro religioso.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 12 agosto 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro decisamente illuminante! Quando ci si risveglia certi argomenti diventano o tornano ad essere naturali e ci si sente totalmente in sintonia con loro.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 28 novembre 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Bellissimo libro adatto anche a chi, come me, ha voluto avvicinarsi per la prima volta ad un argomento così vasto, complesso e antico come la Kabbalah

Commenta questa recensione

Scritto da: - 18 novembre 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro ideale per chi si avvicina per la prima volta al mondo kabbalah, il tutto è esposto in maniera molto semplice e comprensibile che però può risultare troppo sempliciotta ed esaustiva per chi invece vuole approfondire l'argomento

Commenta questa recensione

Scritto da: - 28 settembre 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho letto questo libro per curiosità, volevo semplicemente sapere cosa fosse la famosa Kabbalah e sono rimasta affascinata da questa dottrina. Condivido pienamente le recensioni positive degli altri lettori. E' uno di quei libri che ogni tanto bisogna rileggere..

Commenta questa recensione

Scritto da: - 23 maggio 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo Libro lo consiglio a tutti , bambini e anziani donne e uomini . È la guida più esaustiva per farsi un'idea chiara su Dio la creazione e la vita in generale . Certo deve passare in pò di tempo prima che le notizie qui riportate facciano breccia nella coscienza ,come in tutte le cose . Grazie !!!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 6 aprile 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

come l'altri libri scritti dal rabbino Berg,anche questo spiega argomenti difficili con una semplicità incredibile,per chi è interessato all'argomento è un libro che non può mancare.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 dicembre 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro che ho letto tutto di un fiato... Consiglio questo volume a tutte le persone che stanno facendo un percorso di crescita interiore!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 23 ottobre 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ottimo libro, spiega in maniera molto chiara, anche per chi è un novizio del settore spiritualità, del perché ci troviamo identificati nel duale, del perché soffriamo e a cosa ci serve la sofferenza. Spiega vari modi per comprendere il valore della sofferenza e di come mantenere la propria Presenza. Consigliato.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 agosto 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro dai contenuti profondissimi capaci di cambiare la percezione di se stessi e del mondo se applicati con costanza e impegno. Yehuda Berg riesce a rendere raggiungibili e applicabili per tutti i principi della kabbalah. Assolutamente da avere per chiunque ha intrapreso un percorso di conoscenza di se stesso e della realtà. Consigliato!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 15 luglio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

E' un libro fantastico!! Appena ho iniziato a leggere non volevo proprio più smettere. Mi ha preso talmente tanto che l'ho finito in 3 giorni. Molto chiaro, vasto e con consigli utili da usare nella quotidianità.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 10 marzo 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho letto questo libro perchè mi era stato suggerito. A prima vista non mi era sembrato un gran chè ma una volta che ti addentri nella lettura vieni catturato. Quello che mi è piaciuto di più è l'estrema semplicità con cui vengono esposti gli argomenti e la suddivisione in tanti piccoli paragrafi e capitoletti che lo rendono un libro da leggere in qualsiasi situazione anche grazie al suo formato "tascabile".

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 febbraio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro bello, profondo, mozzafiato. Si legge velocemente, grazie anche ai brevissimi capitoli. l'autore spiega e dà la risposta a molte domande esistenziali, costringendo il lettore a fermarsi e a riflettere su quanto letto prima di passare al capitolo successivo. è un libro adatto a tutti, anche coloro che non sanno cosa è la kabbalah, in quanto l'autore riesce a spiegarlo in maniera semplice e chiara. Una volta letto, la saggezza della kabbalah potrà essere d'aiuto in molte circostanze e situazioni. Un libro senz'altro prezioso, da leggere e rileggere.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 13 febbraio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro molto interessante sulle leggi spirituali che governano il mondo. più persone leggeranno questo libro sulla Kaballah più persone cambieranno il loro modo di pensare e se tutti assieme riusciamo a modificare e a comportarci meglio il mondo cambierà sicuramente in meglio. sono semplici ma efficaci sistemi per vivere in modo diverso e più intelligente rispetto al mondo odierno fatto di tanta sofferenza. lo consiglio veramente . se ognuno di noi cambia e diventa ogni giorno un po' migliore nei comportamenti verso il prossimo...tutti ne sentiremo gli effetti ...se una volta questo sembrava essere una utopia , forse i tempi stanno arrivando ..lo spero per tutti gli esseri del pianeta.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 gennaio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

E' il primo libro che leggo sulla Kabbalah e credo che sia un ottimo testo per iniziare a muovere i primi passi verso questo... Nuovo modo di essere! E' chiaro, scorrevole (l'ho letto rapidamente nonostante abbia 300 pagine) di semplicissima comprensione, arriva dritto al cuore e al nocciolo della situazione. Davvero ben strutturato. Lo consiglio a chi vuole conoscere la Kabbalah per avere un'infarinatura generale. Approfondirò sicuramente con altri testi, primo fra tutti "i 72 nomi di Dio" per poi dirigermi verso qualcosa di molto più impegnativo (vorrei studiare lo Zohar vero e proprio).

Commenta questa recensione

Scritto da: - 10 novembre 2013

Ottimo libro, con chiaro e semplice per cambiare punto di vista, per riflettere e mettere in pratica quanto appreso. Forse , per i miei gusti, un pò lunga la parte iniziale.. Comunque è uno di quei libri che rileggerò anche altre volte.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 ottobre 2013

Opera mistica e favolosa quella dello scrittore ebreo yeruda bergh, grande cabalista, davvero da leggere e da prendere in considerazione per la vita di tutti i giorni.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 agosto 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro fantastico, che ti apre la mente verso un nuovo modo di vedere le cose, consigliato a tutti!!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 luglio 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Scritto da : Giuseppe 07-07-2013 Questo libro mi ha sorpreso positivamente sia per gli argomenti trattati sia per la semplicità e la chiarezza di esposizione.E' proprio un bellissimo libro che consiglio di leggere.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 27 giugno 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro compatto e sintetico che spiega nelle quasi 300 pagine i 12 principi della cabala. Per ogni principio segue una spiegazione dettagliata di tutte le implicazioni. All'interno di queste pagine trovano spazio affermazioni davvero importanti che permettono a chi legge di riflettere profondamente e di metterlo in pratica. Questo è un libro pratico per spiegare il potere intrinseco della Kabbalah. I capitoli del libro sono molto corti, concisi e centrati. Questo permette di chiarire il concetto e nient'altro. A ogni argomento è destinato il suo spazio e ogni pagine può essere letta e riletta fino a che non si capisce nella sua integrità. Un esempio per tutti, cito il sesto principio che dice: Mai addossare la colpa agli altri o alle circostanze esterne. A livello pratico i vari capitoletti sono organizzati in cinque parti. Una prima che ci spiega chi siamo, una seconda che parla della creazione, del big bange della natura di dio. La terza spiega il puzzle della creazione e della reattività. La quarta fa luce sul gioco, sul nostro avversario e l'arte della trasformazione spirituale. L'ultima parte spiega come vincere il gioco della vita. Lo scritto è chiaro, semplice, esaustivo e permette di capire in profondità il potere insito in quest'antica disciplina.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 27 maggio 2013

Libro che mi è piaciuto moltissimo, semplice, di facile lettura, esposto in maniera chiara e concisa. Forse il titolo è un po' fuorviante dato che può benissimo essere letto anche da chi di Cabala non si interessa per niente, e in effetti il libro anche se si rifà a questo antico sapere propone dei concetti che non sono nuovi per chi è addentro a pratiche esoteriche-alchemiche-magiche... In definitiva il messaggio del libro si può riassumere nell'atteggiamento pratico che adottiamo nei confronti di tutti i tipi di sfide quotidiane con cui abbiamo a che fare. Invece di lasciarci soppraffare dalla reazione istintiva senza controllo dobbiamo adottare quello che viene chiamato dall'autore un atteggiamento proattivo, essere cioè consapevoli di ciò che ci succede e non reagire meccanicamente. Il risultato sarà di aumentare la nostra energia, chiamata Luce dall'autore, e di pari passo aumenterà quello che potremmo chiamare il nostro karma positivo. Per chi vuole intraprendere un percorso di evoluzione e crescita personale questo libro è da consigliare come uno dei libri fondamentali usciti negli ultimi anni, e ripeto, il grande pregio del libro è la sua semplicità e per questo adatto a tutti.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 25 aprile 2013

Un libro per l'anima. Apre le porte ad una saggezza antica nascosta e da secoli riservata a pochi e lo fa in maniera semplice ed accessibile a tutti. Ho letto vari libri sulla kabbalah ma la tendenza e' quella di rendere le cose difficili, questo testo consente di cogliere i concetti basilari e attuare sin da subito un cambio di rotta. Questo libro ha piantato un seme e fatto nascere in me la voglia di saperne di più. Ora ho acquistato i 72 nomi di dio e lo Zohar ed iniziato un percorso di studio con il kabbalah centre. Per me rimarrà' sempre il libro che ha aperto la porta di accesso ad una conoscenza che oggi è' fondamentale per il mio percorso. Un libro che ho regalato a più persone e che certamente consiglio di leggere!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 8 aprile 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Buonissimo libro, che tocca un argomento davvero curioso e al contempo molto importante. lo consiglio a tutti.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 marzo 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Che meraviglia! Finalmente ti passa la paura e la soggezione di questo straordinario testo considerato da sempre quasi inaccessibile. Porgere questo antico e prezioso patrimonio con la strordinaria semplicità che può derivare solo da una grande padronanza è un dono importante per molti che altrimenti desisterbbero (io per prima), Grazie

Commenta questa recensione

Scritto da: - 6 febbraio 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro consigliato per scoprire una nuova via alla felicità!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 13 dicembre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

scritto in maniera molto semplice ma esaustivo, con consigli pratici. Consigliato

Commenta questa recensione

Scritto da: - 5 luglio 2012

Libro da leggere assolutamente. Semplice, e appunto per questo mtivo di una forza incredibile. Può segnare l'inizio di un cammino che ognuno deve fare per aumentare la conoscenza di se.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 23 aprile 2012

Libro molto interessante e con delle teorie nuove e affascinanti sulla creazione. Lo consiglio a tutti. E' un libro che fa bene all'anima!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 15 marzo 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Il libro mi è piaciuto anche se non condivido del tutto la seconda parte che m pare sia abbastanza dogmatica e improntata sul "dovere" e sullo "sforzo" di volontà.Tutto questo mi appare molto genitoriale e normativo in cui non viene più riconosciuto il "potere" che ciascuno di noi ha ,sia nei propri confronti che nelle relazioni con gli altri. Quando si parla della non reattività sono d'accordissimo perché il mio comportamento deriva da apprendimenti lontani in cui, al di fuori della mia consapevolezza, ero totalmente dipendente dal tipo di ambiente che avevo intorno. Quindi, c'è bisogno non di "sforzo" nè di esercizio di "volontà" ma piuttosto di un processo in cui divento consapevole che niente e nessuno può farmi "provare": io provo rabbia, gioia, allegria..... e tutta la gamma delle emozioni e sentimenti in base alla mia storia affettiva, alle mie opinioni e decisioni prese quando non avevo informazioni e sulla base di credenze del tutto autonome che mi ero formata su di me, sugli altri e sulla realtà: Per cui la mia reazione non è un dato oggettivo , ma del tutto soggettiva. Questo prevede che io sia presente a me stessa , al qui ed ora, e sia consapevole dell'altro e della situazione come mia proiezione. Se mi riapproprio del "potere" ho la capacità della scelta che non mi è imposta da un dovere morale o da una norma ma piuttosto dalla mia voglia di Essere ed Esserci , con la disponibilità a crescere e a trasformarmi con gli altri fino a quando mi sarà concesso di viaggiare per questa vita. In tutti i modi è una lettura molto interessante che mi ha dato modo di ampliare la mia conoscenza , di condividere e/o confutare ciò c he non mi piace. Grazie .

Commenta questa recensione

Scritto da: - 25 agosto 2011 Acquistato sul Giardino dei Libri

Semplice ma illuminante.... Graziella

Commenta questa recensione

Scritto da: - 5 luglio 2011 Acquistato sul Giardino dei Libri

Consiglio a tutti questo libro perche' apre la mente ad un mondo davvero luminoso!!!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 29 novembre 2009

Lo consiglio a tutti. Molto semplice nell'esposizione di concetti millennari. Base di ogni religione monoteista, ma soprattutto "manuale" di vita.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 9 settembre 2009

Potrebbe apparire uno di questi da New age ma solo in quanto usa un linguaggio molto semplice e accessibile, d'altronde è fatto apposta per essere diffuso. Trasmette invece alcuni insegnamenti fondamentali da mettere in pratica per trasmutare la sostanza emozionale.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 6 gennaio 2009

Ho affrontato la lettura di questo libro un po' prevenuto in quanto, ad una prima analisi, mi è sembrato un volume pieno di buoni propositi e intenzioni, assomigliando molto ad una certa letteratura tascabile che propina e rifila al lettore solo una vagonata di buoni consigli e affermazioni positive, che spesso risultano scontate e prevedibili.

Non solo, ma nella prefazione si sottolinea addirittura che questo libro, se correttamente compreso, contiene in sé una sorta di codice segreto, ossia quelle chiavi interpretative per capire i segreti dell'universo, la natura fisica e metafisica dell'umanità, i metodi per rimuovere ogni forma di caos, dolore e sofferenza. Da queste premesse, mi sembrava allora di aver trovato un tesoro, una guida indispensabile per la vita di ciascuno. Solo che affermazioni di questo genere le ho trovate spesso citate in molti altri volumi, di genere diverso, che si sono però dimostrati alquanto pretenziosi, enfatici ed esagerati, motivo per cui ho preferito essere prudente e cauto nelle mie valutazioni. Poi però, rileggendolo, mi sono accorto che lo stile semplice e informale, con cui l'Autore ha affrontato l'interpretazione e la spiegazione di questo testo sacro, era intenzionale in quanto finalizzato a rendere comprensibile ed accessibile a chiunque gli insegnamenti e la dottrina, le rivelazioni e la saggezza della Kabbalah e del suo testo più importante, lo Zohar. Innanzitutto, il fatto che questa sapienza iniziatica e riservata a pochi eletti sia stata messa a disposizione di tutti, indipendentemente dalla fede religiosa o dall'estrazione culturale, non può che essere riconosciuto ed apprezzato e solo questo particolare rende l'Autore, così come tutta la tradizione cabalistica che lo ha preceduto, meritevole della massima considerazione. Quanto poi al merito del libro, condivido diversi concetti, che però posso accettare con le dovute distinzioni.

Che l'essere umano sia l'artefice del proprio destino, la causa prima di gioie e dolori della sua vita e, come tale, deve attivarsi per realizzare il suo benessere fisico e spirituale, credo che sia una premessa condivisibile: ma cosa dire allora in merito a quegli eventi imprevedibili (disastri naturali, incidenti subiti, malattie psico-fisiche, ecc.) che cancellano in un attimo o dopo una lunga agonia intere esistenze? Posso allora ammettere questo principio della Kabbalah, ma solo riconoscendo anche una sorta di 'alea', di rischio, di fatalità che risulta alla fine del tutto imprevedibile e improvviso, che bisogna accogliere così com'è, ossia come un aspetto della vita umana di fronte al quale nulla si può se non accettarlo. In questo contesto, gli ostacoli e le difficoltà che incontriamo vanno visti come occasioni di crescita, momenti di maturazione e rinnovamento che possono comportare sconfitte e delusioni, ma anche vittorie e conquiste che, in quanto frutto di una serie ripetuta di prove e tentativi, sono sentite e vissute come il giusto riconoscimento e la naturale conseguenza delle nostre fatiche e del nostro impegno. Credo però che ci sia un limite a tutto, anche a quello che un essere umano può sopportare!

Altra distinzione centrale che l'Autore compie è quella tra "reazione e proazione". La 'reazione' ad un evento esterno rappresenta la manifestazione del nostro egocentrismo, ossia il comportamento che noi mettiamo in atto come conseguenza delle situazioni che viviamo, siano esse di piacere o di lotta, e questa condotta non rappresenta un'occasione di crescita in quanto stiamo semplicemente reagendo a stimoli esterni e non generando una crescita interiore. La 'proazione' invece è la trasformazione del nostro desiderio di reazione immediata con un atteggiamento più equilibrato e controllato, che ci permetterà di avere ben chiari i termini della questione e comportarci di conseguenza.

Come principio è magnifico, non c'è che dire; mi chiedo però quanti riescano a metterlo in pratica, soprattutto quando ci si imbatte nelle piccole e grandi prepotenze della vita quotidiana, che ti provocano reazioni non così equilibrate come si vorrebbe. Bella è comunque l'immagine della lampada con gli strati di vestiti che la ricoprono: la luce dentro di noi c'è ancora e si vede, nonostante tutti i difetti ed i limiti che ci accompagnano. Il nostro compito è quello di liberarci da questi veli, rimuovere le negatività del nostro 'io egoico' (rabbia, gelosia, invidia, ecc.) ed aprirci alla condivisione di sentimenti ed emozioni.

Per chi volesse corrispondere con me, ecco la mia mail: alfocentauri chiocciola tiscali punto it

Commenta questa recensione

Scritto da: - 24 luglio 2007 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro bellissimo, di facile comprensione. Questo libro ha illuminato la mia vita, mi ha reso più saggia, mi ha restituito serenità e sicurezza.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su