Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 12 punti Gratitudine!


Ingredienti Pericolosi

Guida ai veleni della vita quotidiana

 
-15%

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Spesso acquistati assieme...

Pollice Green + Ingredienti Pericolosi

Ingredienti Pericolosi + Pollice Green = Acquista insieme, oggi sconto 15%
€ 14,29 invece di € 16,80
Risparmio € 2,51
Compra Pollice Green + Ingredienti Pericolosi
Disponibilità per la spedizione: Immediata

Sono più di 72.000 le sostanze tossiche presenti ovunque: in casa, in giardino, nei campi, negli alimenti, negli indumenti, nei giocattoli e nei prodotti che usiamo paradossalmente per il nostro "benessere" Pesticidi, diserbanti, additivi, edulcoranti di sintesi, diossina, ftalati, formaldeide, cloro, solventi, benzene e molti altri veleni esercitano sulla salute e sull'ambiente un impatto devastante.

Il pesante tributo lo paghiamo noi e i nostri figli con un numero crescente di casi di allergie, patologie respiratorie, malattie degenerative e tumori, che aggravano notevolmente anche il bilancio dello Stato.

Un prezzo davvero troppo alto al quale abbiamo il diritto e la possibilità di dire basta. Rachel Frély svela i retroscena, informa e insegna a leggere l'etichetta dei prodotti che usiamo e consumiamo nella quotidianità e ci aiuta a compiere scelte consapevoli, perché vivere senza veleni è possibile.

Il taglio pragmatico e la semplicità di utilizzo fanno di questo manuale un valido strumento nella scelta di uno stile di vita sano ed ecologico.

INDICE

Introduzione

  • I veleni nell'alimentazione
  • I veleni in casa: materiali da costruzione, mobili e complementi d'arredo
  • I veleni nei prodotti per la pulizia
  • I veleni nei prodotti per l'infanzia
  • I veleni in medicina
  • I veleni in giardino
  • I veleni nell'acqua

APPROFONDIMENTI

Dall'introduzione:

"Tra i diciotto milioni di composti tossici noti in chimica, più di settantaduemila vengono utilizzati nei paesi industrializzati. Di fatto, conviviamo ogni giorno con dei veleni. Si trovano ovunque: pesticidi in giardino e nei campi, prodotti per l'igiene e la pulizia della casa, complementi d'arredo, materiali da costruzione, produzione di mobili, indumenti, materie plastiche (soprattutto imballaggi e bottiglie), giocattoli ecc.

Additivi, ftalati, diossine, microchip, bisfenolo A: in tanti esercitano un impatto più o meno grave sulla nostra salute e sul nostro ambiente. Da qui l'importanza di studiare l'etichetta prima di consumare qualunque alimento o di utilizzare un prodotto. Purtroppo spesso, soprattutto in ambito alimentare, questo non è sufficiente. Infatti gli enti preposti alla regolamentazione, che dovrebbero proteggerci calcolando le dosi giornaliere ammissibili dei suddetti veleni, fanno eccessivamente riferimento agli studi forniti dai giganti dell'industria agroalimentare!

Siamo in molti a chiedere prodotti sani e di qualità, giacché ci sentiamo sempre più a disagio per la presenza di pesticidi in frutta e verdura e di sostanze inquinanti come i metalli pesanti nella carne o nel pesce. I nostri timori sono fondati. Anche limitandosi all'alimentazione, le cifre parlano da sole: "Oltre ottanta sostanze chimiche diverse, di cui trentasei pesticidi, quarantasette sospetti cancerogeni e trentasette sostanze in grado di agire da interferenti endocrini" Sono questi i risultati di un'indagine sulle sostanze chimiche presenti nell'alimentazione che i nostri figli consumano in media ogni giorno.

Facendo riferimento al menù standard dei quattro pasti giornalieri, concepito secondo le raccomandazioni nutrizionali del Ministero della Salute per bambini di circa dieci anni, l'associazione Générations Futures nel 2010 si è procurata in vari supermercati gli alimenti che compongono tali pasti, analizzando poi la presenza di inquinanti chimici. Il risultato è davvero sconfortante....".

AUTORE

Rachel Frély è redattrice capo della rivista Plantes et Nature. Giornalista specializzata nei campi della salute, dell’alimentazione, dell’omeopatia e del regno vegetale, ha scritto diverse opere su questi argomenti.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 3 novembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

il libro è interessante in quanto spiega con molta chiarezza quali sono le sostanze tossiche che troviamo giornalmente ovunque, negli indumenti, nei giocattoli per bimbi e perfino negli alimenti

Commenta questa recensione

Scritto da: - 17 luglio 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

MERAVIGLIOSO!!! Libro da avere in tutte le case, utile per fare acquisti consapevoli e cercare di eliminare il più possibile le tossine che assumiamo senza rendercene conto...

Commenta questa recensione

Scritto da: - 15 luglio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Viviamo in un mondo dove la natura viene stravolta dagli interessi di pochi che pensano egoisticamente ai loro interessi. Libro perfetto per capire e conoscere

Commenta questa recensione

Scritto da: - 2 maggio 2014

Una piccola guida che fornisce, in poche e sintetiche parole, il dettaglio di quanto sia pericoloso non voler conoscere. Spesso siamo tentati di non leggere le etichette applicate sugli alimenti o su ciò che acquistiamo, fondamentalmente perché a parte lettere e numeri, non sappiamo decifrare, “decodificare” cosa rappresentano nello specifico. Grazie a queste pagine invece possiamo immediatamente comprendere se si tratta di coloranti o di conservanti, o se invece di nitrati si parla, cosa sono e quanto male fanno. In ciascuna famiglia ci dovrebbe essere, come la buchetta della posta, una guida sul come imparare a riconoscere i veleni che vivono assieme a noi su questo pianeta. Certamente d’ora in poi, se vorremo conservare un alimento nel refrigeratore per qualche giorno, non useremo più vaschette di alluminio, e impareremo che la famosa bibita, se proprio non vorremo farne a meno, la berremo almeno in bottiglia, non certo in lattina!

Commenta questa recensione

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su