Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 22 punti Gratitudine!


Insegnamenti di Yoga Tibetano

Un'introduzione agli esercizi mentali e fisici del misticismo tibetano

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

I due sentieri del buddhismo tantrico tibetano, lo "yoga della mente" e lo yoga dell'energia", illustrati attraverso tre testi esseziali sulla Muhamudra e un'introduzione ai Sei yoga di Naropa.

Un introduzione agli esercizi mentali e fisici del misticismo tibetano.

“La natura di Buddha è onnipresente, ma la via più rapida per comprendere questa verità è scoprirla nel nostro insieme di corpo e mente”. Così l’autore riassume la dottrina essenziale del tantrismo tibetano che, mediante esercizi spirituali e particolari tecniche, quali i ‘sei yoga’, consente di comprendere come il proprio corpo, la mente e il ‘mondo oggettivo’ siano tutti manifestazioni della buddhità.

Il samsara è il nirvana, gli uomini sono dèi, le passioni impure sono espressioni dei cinque Buddha, l’illuminazione non si raggiunge estirpando le passioni o i desideri, ma identificandoli con la saggezza trascendente.

I testi qui riuniti illustrano i due sentieri della pratica tantrica, il Sentiero della liberazione, o ‘yoga della mente’, e il Sentiero dell’applicazione del metodo, o ‘yoga dell’energia’.

I tre brani che trattano la Mahamudra fanno parte del primo sentiero, che pone l’accento sull’osservare e coltivare la mente innata.

I Sei yoga di Naropa appartengono invece al secondo sentiero, che comprende le pratiche complesse e rigorose note come gli yoga del calore, del corpo illusorio, del sogno, della chiara luce, del bardo e della trasformazione. La padronanza di queste tecniche porta lo yogin a modificare sia la propria coscienza sia il funzionamento fisiologico del corpo, e a realizzare la saggezza trascendente del Buddha.

AUTORE

Garma C. C. Chang (1920-1988) è uno dei più illustri studiosi del buddhismo. Nato a Shanghai da una famiglia d’alto rango, si è accostato giovanissimo alla pratica religiosa, studiando dapprima in un monastero chan nello Jianxi, e poi in vari monasteri tibetani. Nel 1949 si è trasferito in America dove ha insegnato in molte università, fino a ricoprire nel 1966 il ruolo di professore ordinario presso il Dipartimento per gli studi religiosi della Pennsylvania State University. Tra i suoi libri ricordiamo The Hundred Thousand Songs of Milarepa, la prima traduzione integrale dei Canti di Milarepa in una lingua occidentale, e ha dottrina buddhista della totalità, pubblicato in questa stessa collana.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su