Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

L'Abbraccio

-15%
L'Abbraccio

  Clicca per ingrandire

Un breve, folgorante apologo sulla solitudine e sull'amore, scritto da uno dei più amati autori della grande letteratura contemporanea, e illustrato con i disegni di un'artista nota in campo... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 11 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Un breve, folgorante apologo sulla solitudine e sull'amore, scritto da uno dei più amati autori della grande letteratura contemporanea, e illustrato con i disegni di un'artista nota in campo internazionale, che ha esposto anche al Madre di Napoli e di cui è in allestimento una personale al Jeu de Paume di Parigi.

Piccolo libro, elegante e raffinato, "L'abbraccio" è quasi un dono di David Grossman ai suoi lettori, perché ne facciano a loro volta dono alle persone che amano.

Autore

David Grossman - Foto autore

David Grossman (Gerusalemme 1954), noto per il suo impegno volto a una risoluzione pacifica della questione palestinese, è uno dei più grandi narratori contemporanei. È diventato un caso letterario nel 1988 con Vedi alla voce: amore, seguito da Il libro della grammatica interiore, Che tu sia per me il coltello, Qualcuno con cui correre, Col corpo capisco, A un cerbiatto somiglia il mio amore e Caduto fuori dal tempo. Suoi sono anche alcuni celebri libri-inchiesta dedicati alla questione palestinese: Il vento giallo, Un popolo invisibile, Con gli occhi del nemico, La guerra che non si può vincere.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: Claudio - 19 gennaio 2018 Acquistato sul Giardino dei Libri

Seguo e apprezzo Grossman da tempo immemorabile, sia come saggista che come scrittore. Lo apprezzo anche come uomo per come ha gestito il dolore della perdita del figlio morto nel 2006 a causa di un razzo palestinese. Per questo apprezzo ancora di più questo libricino di poche pagine che regalo sempre molto volentieri ma solo a persone con cui sono in intimità per la commozione che questo breve dialogo tra madre e figlio mi provoca

 Commenta questa recensione

Scritto da: Valentina - 17 febbraio 2011

fantastico!

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...