Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


L'Apocalisse

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Sulla base della rivelazione di Giovanni l'evoluzione passata e futura della Terra. La simbologia dell'Apocalisse e il significato delle chiese, dei suggelli e delle trombe. I suggelli a colore e le colonne del Goetheanum.

13 conf.: Norimberga, 17 - 30 giugno 1908
16 fotografie


INDICE:

Conferenza pubblica Norimberga, 17 giugno 1908
Scienza dello spirito, Vangelo e avvenire dell'umanità. Il tempo precedente le religioni; le mitologie, lo stato religioso. Le diverse tappe della coscienza e l'«io sono».

Prima conferenza Norimberga, 18 giugno 1908
Caratterizzazione dello spirito dell'Apocalisse. Che cosa avviene nell'iniziazione. La relazione tra l'iniziazione e l'essenza dell'Apocalisse.

Seconda conferenza Norimberga, 19 giugno 1908
L'essenza dell'iniziazione precristiana mediante la disciplina del pensiero, dell'iniziazione cristiana mediante il sentimento, e quella della volontà nell'iniziazione rosicruciana. I simboli nella specifica iniziazione cristiana e in quella rosicruciana.

Terza conferenza Norimberga, 20 giugno 1908
L'uomo e il suo destino nel nostro tempo. Il progressivo salire alla conoscenza immaginativa, ispirata e intuitiva. I sette periodi postatlantici si riflettono nei sette suggelli, nelle sette trombe e nelle sette coppe dell'ira. Le sette chiese e i sette periodi postatlantici. Le lettere alle sette chiese.

Quarta conferenza Norimberga, 21 giugno 1908
I sette periodi postatlantici si rispecchieranno nei sette periodi successivi. Le anime saranno dissuggellate sette volte. Il libro dei suggelli. Il simbolo del cavallo corrisponde all'intelligenza. L'appello dell'io-sono supera la morte. Le vesti bianche. Scomparsa e trasformazione di Sole e Luna. Spiritualizzazione dell'umanità.

Quinta conferenza Norimberga, 22 giugno 1908
I quattro stadi dell'esistenza planetaria. L'Apocalisse mostra il futuro dell'umanità. Solo alla metà dell'evoluzione terrestre l'uomo diventa tale. Gli esseri che passarono prima dell'uomo il gradino umano possono ora guidarlo. I 24 anziani, regolatori del tempo. Dalle entità rimaste indietro derivano i germi dei regni vegetale, animale e umano. Il regno minerale. L'Apocalisse ci mostra le immagini dei futuri gradi evolutivi.

Sesta conferenza Norimberga, 23 giugno 1908
Ancora sui 24 anziani e su altre entità. Gli Elohim sul Sole e Jahve. L'indurirsi dell'uomo. Vita spirituale degli atlantidi. L'io umano e l'arcobaleno. Le anime di gruppo e la guida di Jahve per l'individualizzazione, accompagnata dall'oscurarsi dello spirito, durante i primi quattro periodi di civiltà postatlantica. Il cambiamento a seguito del mistero del Golgota.

Settima conferenza Norimberga, 24 giugno 1908
Il passaggio dalla chiaroveggenza atavica all'autocoscienza. La caduta nell'abisso e la scelta umana. La risalita dell'umanità se ci si riconosce nel Cristo. Differenza fra egoismo e coscienza dell'io. La razza dei cattivi e i suoi segni esteriori. La scuola dell'amore porta al Cristo. Noè e Adamo. L'apertura dei suggelli e l'apparire dei cavalli, simboli dell'intelligenza. All'apertura del quinto suggello si mostreranno gli eletti biancovestiti, differenziati dagli schiavi della persona caduti nell'abisso. La comunità di Filadelfia nel sesto periodo di civiltà.

Ottava conferenza Norimberga, 25 giugno 1908
Il potenziamento dell'egoismo e la guerra di tutti contro tutti. La spada a due tagli del primo suggello, simbolo delle due possibilità dell'io. Necessità del male per il formarsi del bene. L'apertura dei sette suggelli e il carattere delle future civiltà. Le successive civiltà delle sette trombe. La trasformazione della terra in un corpo cosmico astrale, col suo satellite materiale per la razza dei cattivi. Le coppe dell'ira. Non è sufficiente la comprensione intellettuale del Cristo: l'uomo divora il libretto. Le due colonne, Marte e Mercurio, del quarto suggello e il libretto.

Nona conferenza Norimberga, 26 giugno 1908
La terra astrale dopo le sette trombe. L'evoluzione dell'io che si individualizza dall'anima di gruppo grazie all'azione del Cristo. La trasformazione dopo la settima tromba. Il primo e l'ultimo Adamo. Il corso dell'evoluzione. La riunificazione dell'uomo con Sole e Luna, simboleggiata dal quinto suggello. La bestia dalle sette teste simboleggia la razza dei cattivi rimasta legata al corpo. Testa e corna quali simboli occulti.

Decima conferenza Norimberga, 27 giugno 1908
L'evoluzione planetaria sempre suddivisa in sette periodi con sette stati di coscienza. I sette stati di vita e l'importanza per l'uomo del regno minerale. I sette stati di forma e l'importanza di quello fisico. Le sette epoche o razze; noi viviamo nella quinta, la postatlantica, la sesta è quella dei sette suggelIi, e la settima delle sette trombe. La bestia dalle sette teste e dieci corna, simbolo dell'evoluzione umana. Il ritorno all'animalità per chi non accoglie il principio del Cristo.

Undicesima conferenza Norimberga, 29 giugno 1908
La spiritualizzazione della terra dopo le sette trombe. I numeri dell'evoluzione e il 666. Il numero della bestia a due corna e la definitiva caduta dell'umanità cattiva. La magia nera. La grande Babilonia. Dall'altra parte, chi si unisce col principio dell'Agnello nella nuova Gerusalemme. Nell'esoterismo rosicruciano Michele è lo spirito solare che incatena il drago.

Dodicesima conferenza Norimberga, 30 giugno l908
Libertà e amore con la caduta nell'abisso della razza dei cattivi. Il principio di Sorat deriva da altre epoche cosmiche. La prima e la seconda morte. La coscienza di Giove. L'aiuto del Cristo e l'aiuto del Padre. Il destino della razza dei cattivi. La scomparsa del corpo eterico come seconda morte. La nuova Gerusalemme. Anche dopo la caduta definitiva nell'abisso della razza dei cattivi vi sarà una possibilità di salvezza su Giove. La nuova Gerusalemme è simboleggiata nel settimo suggello.

AUTORE

Rudolf Steiner è stato un filosofo, architetto e riformista austriaco. E’ stato il fondatore dell’antroposofia, una corrente esoterica che mischia diversi dettami della scuola teosofica e filosofico - idealista tedesca del tempo. Sin dai primi anni della sua formazione culturale, Steiner ambì a trovare la sintesi perfetta tra misticismo e scienza.

Questa ricerca continua lo portò, dopo aver conseguito il dottorato, a trasferirsi da Vienna a Weimar per lavorare al Goethe und Schiller Archiv, l’archivio Goethe. Questo lavoro gli permise di pubblicare il saggio “Introduzione agli Scritti Scientifici di Goethe” e di maturare la sua personale visione del mondo.


Nel 1894, pubblicò il suo saggio più importante, “La Filosofia della Libertà”, che proponeva un concetto rivoluzionario per l’epoca: la scoperta che il pensiero può portare alla realizzazione dello spirito del mondo.

Il tomo non raggiunse molto successo ma Steiner aveva creato una solida base per la conoscenza dello spirito, e si sentiva in grado di portare avanti le sue ricerche in questo campo senza alcuna remora. Inoltre, il lavoro su “La Filosofia della Libertà” gli permise di sciogliere una serie d’enigmi sull'esistenza che lo perseguitavano da tempo.

Le intuizioni contenute in “La Filosofia della Libertà” sono alla base dell’eredità di Steiner e hanno contributo in modo essenziale allo sviluppo delle scienze moderne. In particolare della Medicina. A Steiner, infatti, si deve il movimento della scuola Waldorf, che ha creato un approccio educativo basato sulla comprensione e l’amore.

Oggi, le scuole Waldorf sono in tutto il mondo.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 2 maggio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Sto ancora leggendo questo libro che come gli altri di Steiner ha bisogno del suo tempo e del giusto momento personale per poter essere compreso sentito e assimilato. "L'uomo deve conquistarsi la realtà", così dice l'autore e questo libro sicuramente ci aiuta a fare luce su quanto trattato nell'Apocalisse di Giovanni che non è di facile ed immediata comprensione. Il futuro della Terra, per quanto sia compreso in un piano divino, dipende da ogni nostro pensiero, da ogni nostra azione quindi stimola a fare del proprio meglio. Grazie

Commenta questa recensione

Scritto da: - 20 aprile 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

libro molto profondo ed impegnativo ricco di contenuti e frasi veramente profonde intense uniche e speciali che vi rimarranno dentro

Commenta questa recensione

Scritto da: - 13 luglio 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

ottimo libro ancora una volta per Steiner. L'argomento è molto specifico, leggetelo solo se vi interessa sapere cosa ne pensava riguardo al futuro dell'umanità. Leggendolo ho sentito che le sue parole risvegliavano in me conoscenze antiche.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA