L'Occhio della Fenice

  Clicca per ingrandire

L'Occhio della Fenice

Sapienza e divinazione dall'antica Cina all'antico Egitto

Umberto Capotummino

( 4 Recensioni Clienti )

  • Prezzo: € 18,50

  • Disponibilità per la spedizione: immediata!

L'autore svela l'ordinamento degli esagrammi, tramandato nel Libro dei Mutamenti, e con il codice in esso nascosto svela i segreti del Libro dei Morti. Un libro elevato e di grande spessore... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 19 punti Gratitudine!

  Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

L'autore svela l'ordinamento degli esagrammi, tramandato nel Libro dei Mutamenti, e con il codice in esso nascosto svela i segreti del Libro dei Morti. Un libro elevato e di grande spessore esoterico.

Nel Libro dei Morti degli antichi Egizi, l'Occhio della Fenice è il simbolo della congiunzione del sole con la luna all'interno delle rivoluzioni lunisolari alle quali gli antichi sacerdoti consacravano il magico uccello. Splendente sull'asse del Polo, associata alle piene del Nilo, la Fenice evoca i cicli della rinascita e l'immortalità dello spirito.

Il segreto del suo potere sta nella facoltà d'illuminare il ritorno degli astri sulle loro orbite, al levarsi della stella Sothis (Sirio), sulle acque del Nilo con l'aurora solare. Il dono del suo occhio conferisce, a chi ne conosca il segreto, la visione del destino futuro. Nell'esoterismo cinese, la Fenice è chiamata Fenghuang, il suo nome implica l'unione dell'uccello maschio, feng, con l'uccello femmina, huang; essa splende sull'antico polo celeste o, posata sull'albero Wutong, è coordinata in terra alle fioriture stagionali.

I due mondi, cinese ed egizio, teorizzano entrambi un circuito del cuore, nel quale i cicli di rinnovamento dei cieli si fondono con il destino dell'iniziato che sa decifrarne la pulsazione, intesa come numero, le cui potenze sono depositate nei segreti di più tradizioni orientali, esaminate nel presente testo.

Umberto Capotummino docente palermitano e singolare figura di studioso indipendente alieno da ogni conformismo accademico, ci offre con la sua opera un convincente saggio sull'unità della Tradizione (quella con la T maiuscola, per intenderci ), dimostrando in dettaglio - e su basi matematiche - come sia possibile la reductio ad unum fra scuole di sapienza in apparenza così distanti fra loro (e non solo in senso geografico). Ci riferiamo segnatamente al Libro dei morti degli Antichi Egizi e all'I-Ching o Libro dei mutamenti dell'antica Cina, indagati da oltre venti anni dal Capotummino nei vari aspetti filosofici, esoterici e divinatori. 

Nella tradizione cinese, la fenice egizia è chiamata Fenghuang, nome che implica l'unione dell'uccello maschio, feng, con il corrispettivo femminile, huang. La sua metamorfosi dipende dal fuoco ed è collegata al ritorno periodico degli equinozi e dei solstizi, sugli assi portanti del cosmo, nei modelli numerologici dell'I-Ching o Libro dei mutamenti. Bent Parodi

"Una magnifica opera sopratutto per gli incastri numerologici neo-platonici e neo-pitagorici per le concordanze tra le diverse Tradizioni e per l'Afflato Stellare che le pervade tutte. Mi ha impressionato come sul tema dei I Ching si possa ancora dire qualcosa di nuovo!"
Selene Ballerini

"Il mitologema solare egizio è illustrato, attraverso i testi classici, nel suo parallelismo con i culti misterici descritti da Apuleio e con il mondo dionisiaco greco, ma anche, in un apposito capitolo, nei rapporti con la tradizione indù a partire dai testi vedici. In definitiva il libro è una vera miniera di notizie che testimoniano l'impegno e la vastità del compito ch si è assunto l'Autore nelle ricerche sulle fonti dell'opera."
Gianfranco Romagnoli - Centro Internazionale Studi sul Mito

Dettagli Libro

Editore Sekhem Edizioni
Anno Pubblicazione 2005
Formato Libro - Pagine: 365 - 17x24cm
EAN13 9788890205408
Lo trovi in: Pratiche Esoteriche
Posizione in classifica: 4.435° nella classifica Libri ( Visualizza la Top 100 libri )

Autore

Umberto Capotummino, nato nel 1951, è laureato in Lettere Moderne presso l'Università di Palermo, città in cui vive e insegna. E' pubblicista, da oltre vent'anni studia e interpreta gli aspetti filosofici, esoterici, divinatori del Libro dei Morti degli Antichi Egizi e dell'I King o Libro dei Mutamenti dell'antica Cina. Articoli e saggi su questi temi, sono stati riproposti in conferenze e seminari, in particolare a Roma e Firenze.

Recensioni Clienti

5,00 su 5,00 su un totale di 4 recensioni

  • 5 Stelle

    75%
    75%
  • 4 Stelle

    25%
    25%
  • 3 Stelle

    0%
    0%
  • 2 Stelle

    0%
    0%
  • 1 Stelle

    0%
    0%

Ti è piaciuto questo libro?
Scrivi una recensione e guadagna Punti Gratitudine!

Scrivi una recensione!

Matteo 7 ottobre 2013

  Acquisto verificato

Voto:

Questo Libro che mette a confronto e approfondisce civilta' come egizia e cinese a tratti veramente molto difficile.Voto comunque positivo.

Antonio 6 febbraio 2013

  Acquisto verificato

Voto:

Libro a tratti un pò complesso ma di estremo interesse. Utile a chi voglia conoscere meglio l'esoterismo numerologico dei sistemi cosmogonici e cosmologici delle più importanti civiltà del passato. L'autore offre una buona bibliografia di base e un ricco repertorio iconografico a supporto delle sue tesi. Stimolante per chi voglia intraprendere un viaggio di conoscenza attraverso il sapere di popoli che hanno lasciato impronte profonde del loro passaggio anche in tradizioni che ci toccano molto da vicino come quella cabbalistica ebraica e quella cristiana dell'Apocalisse di San Giovanni. Accattivante l'ingegnosa intuizione, fulcro stesso dell'opera, dell'esistenza di una stretta complementarietà tra il libro dei morti egizio ed I king cinesi, assai utile anche a scopo divinatorio.

Antonio 11 gennaio 2013

  Acquisto verificato

Voto:

Un testo che approfondisce e mette a confronto due civiltà millenarie: quella Egiziana e quella Cinese. Alla ricerca di ciò che le accomuna soprattutto dal punto di vista del simbolismo e delle mantiche che sono molto di più che strumenti di divinazione. L'autore, nonché docente universitario, ci offre il frutto di uno studio meticoloso e approfondito anche dal punto di vista "scientifico". Un testo prezioso per squarciare il velo dell'ignoranza.

Umberto 2 maggio 2009

Voto:

[mail del Dr. Hawass - Inviata lunedì 30 marzo 2009 ]

Dear Mr. Capotummino, Thank you for sharing your ideas with me on the sequence of formulas in the Book of the Dead. It is clear that you have given a great deal of thought to the matter. I wish you all the best, and I hope that you will continue your research into the fascinating culture of ancient Egypt. Sincerely Zahi Hawass

Grazie per aver condiviso con me le vostre idee sulla sequenza delle formule nel Libro Egiziano dei Morti. E’ chiaro che voi avete dato un notevole contributo di idee sull’argomento. Vi auguro tutto il meglio, e spero che continuerete la vostra ricerca nell’affascinante cultura dell’antico Egitto Sincerely Zahi Hawass


Torna su
Caricamento in Corso...