Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 44 punti Gratitudine!


La Filosofia del Digiuno

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In questo libro l'autore non si limita a fornire le debite istruzioni per fare il digiuno in modo corretto e aumentare così il livello di salute fisica, ma espone i benefici che ne possono derivare a livello mentale e spirituale.

Grazie a queste nuove chiavi di lettura riusciamo a comprendere perchè mai tutti i più grandi maestri spirituali e i Santi abbiano osservato un periodo più o meno lungo di digiuno trasformando il proprio corpo in un veicolo ottimale attraverso il quale fare fluire l'energia vitale al massimo del suo potenziale umano.

Capitolo dopo capitolo vengono descritti nei dettagli i 13 aspetti della vita che il digiuno semplifica, aiutando l'individuo a diventare vera causa del proprio destino e non più effetto di decisioni provenienti da altrove.

INDICE

  • Un Prologo Personale
  • Capitolo I — Digiunare per la Salute
  • Capitolo II — Digiunare per la Gioia
  • Capitolo III — Digiunare per la Libertà
  • Capitolo IV — Digiunare per il Potere
  • Capitolo V — Digiunare per la Bellezza
  • Capitolo VI — Digiunare per la Fede
  • Capitolo VII — Digiunare per il Coraggio
  • Capitolo VIII — Digiunare per l'Equilibrio
  • Capitolo IX — Digiunare per la Virtù
  • Capitolo X — Digiunare per la Spiritualità
  • Capitolo XI — Digiunare per l'Istinto
  • Capitolo XII — Digiunare per l'Ispirazione
  • Capitolo XIII — Digiunare per l'Amore
  • Venti Regole per un Digiuno Sicuro
  • Un Epilogo Individuale
  • Appendice

APPROFONDIMENTI

UN MESSAGGIO  PER SOFFERENTI  E PECCATORI
DI EDWARD EARLE PURINTON.

"Questo libro è la storia dell'emancipazione di un'anima. Soltanto coloro che soffrono e coloro che vivono nel peccato lo capiranno. Perché soltanto coloro che vivono nel peccato e coloro che soffrono sono sulla strada per la Libertà. Il peccatore agisce senza pensare - e quindi ha l'ardire di ambire a cose migliori. Chi soffre sente senza pensare — e diventa quindi ricettivo per le cose più belle. Chi usa la ragione pensa senza sentire né agire - e quindi diventa troppo intorpidito per soffrire, troppo timoroso per essere qualcosa di diverso da un virtuoso impotente.

Il mio messaggio farà appello non alla ragione del saggio comune, quel polveroso magazzino d'immondizia della razza. Ma al cuore di chi soffre ammorbidilo dall'angoscia, all'animo del peccatore rafforzato dall'abbandono, e allo spirito del bambino animato dalla sua vicinanza alle fate e agli angeli.

Mi rivolgo a coloro che sono compatiti, disprezzati e condannati come fossero fratelli e sorelle. Trasportati dalla superficie stagnante dell'essere fin nell'ingolfamento selvaggio della sua anima vorticosa, questi hanno sondato la miseria delle profondità, si sono distesi mezzi morti tra i relitti sulla riva, e ora sono in grado di apprezzare, e determinati a raggiungere, la gloria delle vette illuminate dalla Verità.

Vieni, facciamo insieme questa salita. Ho esplorato sia la valle che la cima. E ti prometto che la via è appianata.

Non essere inutilmente apprensivo alla partenza — questo non è un opuscolo da missionario. La letteratura missionaria viene distribuita da persone troppo buone per toccare la gente della porta accanto. Vedi, i pagani asiatici non avranno bisogno di fumigare a lungo dal momento che li convertiremo per posta.

Ora, ci sono migliaia di persone rispettabili che credono onestamente che la loro missione sulla Terra sia quella di riformare, convertire e ricostruire questo mondo prima che domani mattina sorga il sole.

Naturalmente devono scrivere un libro questo pomeriggio, parlare ad almeno un'assemblea questa sera, e dedicare all'esortazione personale le ore della notte che fuggono febbrilmente. Anche se poi una nuova alba li prenderà di sorpresa. E il sole sorriderà spudoratamente su una stirpe ancóra irredenta.

Questi sedicenti capi cercano devoti. Nulla se non il loro séguito giustifica la loro fede. E qualora il loro libro non fosse letto, o il loro discorso non venisse applaudito, essi si autocom-piangerebbero per quanto segnatamente avessero fallito.

È così incomprensibile. La Verità non ha forse tutta l'eternità per parlare alle anime degli uomini? E se il messaggio fosse vero, potrà morire sulle labbra che lo hanno pronunciato — e tuttavia qualche anima, da qualche parte, ne afferrerebbe il ritornello e lo farebbe echeggiare attraverso le ere."

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 17 ottobre 2016

Un libro veramente incredibile! Il titolo e l’intitolazione dei capitoli, dedicati al digiuno, non devono trarre in inganno. Il libro trasmette il messaggio e le conoscenze interiori e non dell’autore, provate direttamente sulla sua pelle. Ho trovato argomenti che non mi aspettavo, quali la condizione dell’uomo su questo pianeta e addirittura correlazioni tra individuo e energia. Mi è piaciuto molto lo stile divertente dello scrittore nel trattare i vari argomenti, Un’opera sicuramente molto utile per chi cerca una crescita spirituale e personale, con uno stile molto fluido e penetrante, nonostante scritta quasi cento anni fa.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su