Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 26 punti Gratitudine!


La Natura dei Conflitti

Manuale del discernimento interiore

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 12,75 invece di 15,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 274
  • Formato: 14,5x21
  • Anno: 2015

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Un suggerimento autorevole per eliminare i conflitti.

Ogni conflitto con il nostro simile è l’esito dell’incapacità di indagare il proprio conflitto interiore e di vedere un mondo che oltrepassa le nostre aspettative e pretese.

Qualsiasi coercizione sul mondo, pretesa, da un lato ci conduce verso una sofferenza senza scampo, dall’altro ci proietta in uno stato d’inconsapevolezza, di chi non riesce ad intravedere in ogni cosa che accade, anche la più negativa, la dimensione riflettente di una parte di noi che attende di essere conosciuta ed esaminata.

Per questa ragione ogni vicenda, felice o dolorosa che sia, è un’occasione per ritornare sui banchi dì scuola per chiederci che cosa la vita è ancora disponibile ad insegnarci.

Il saggio, seguendo un itinerario di visioni, riflessioni e schede operative, pone al centro della ricerca la via per comprendere in profondità noi stessi e ritrovare le forze interiori per aprirsi nuovamente alla gioia e alla speranza.

“Le situazioni conflittuali che oppongono l'uomo agli altri sono solo conseguenze di situazioni conflittuali presenti nella sua anima”.
Martin Buber

INDICE

Prefazione: “ALCHIMIA DELLA PACE”

Capitolo Uno: LA SCOPERTA DEL SÉ AUTENTICO

  • La “maschera”
  1. Varie tipologie di maschere
  2. Le conseguenze negative dell’ipostatizzazione della maschera
  3. Destituire la maschera
  4. “Parla alla tua maschera con sincerità”
  • “Ritrova la tua essenza”
  • Superare la paura
  • La “cura energetica”

Capitolo Due: IL LATO OSCURO DELL’ANIMA

  • Esplorare la parte sconosciuta di noi stessi
  • Che cose l’“ombra”?
  • Le conseguenze della mancata esplorazione dell'ombra
  • Esplorare l’ombra
  • Le tappe del “lavoro sull’ombra”

Capitolo Tre: LA FORZA DI RITROVARSI

  • Dalla stima di Sé alla stima del Sé
  • Il cambiamento delle convinzioni limitanti
  1. Le convinzioni limitanti sullo stato di salute
  2. Le convinzioni limitanti per il successo
  3. Le convinzioni limitanti per le relazioni affettive
  • L’origine delle convinzioni limitanti
  • Trasformare le convinzioni limitanti in potenzianti
  1. I passi fondamentali

Capitolo Quattro: LA GUARIGIONE NELLE PAROLE

  • Fondamenti di terapia antirretica
  • Sperimentare l’autenticità
  • La prassi in sei fasi
  1. La comunicazione descrittiva o constatativa o fenomenologica
  2. La comunicazione espressiva o emotiva o di autorivelazione
  3. La comunicazione valutativa, riflessiva o immaginativa
  4. La comunicazione intenzionale o teleonomica
  5. La comunicazione affermativa o assertiva o di appello diretto
  6. La comunicazione spirituale
  • I riti costellatoti
  • La metafora a lieto fine
  • Orientarsi all’amore

Capitolo Cinque: RITROVARE IL PROPRIO POTERE DIMENTICATO.

  • Principi di assertività spirituale
  • Avere una dimora
  • “Perimetrare i confini”
  • La reciprocità dell’amore
  • Non perdere se stessi
  • Difendere i confini personali
  • Proteggersi dal male
  • I confini interiori
  • Il tempo della spada
  • Il rispetto
  • Dire di No
  • Sfidare la paura
  • La dignità
  • La pratica dei confini di sé
  • L’autotutela energetica
  • Oltre il conflitto

Appendice: LOGOANALISI DI COPPIA

  • Risolvere conflitti e disaccordi
  • Le forme dell’amore
  • L’amore inquinato
  • Le cause del mancato dialogo
  • La prassi dell’intervento logoanalitico
  • L’autologoanalisi di coppia

INDICAZIONI BIBLIOGRAFICHE

APPROFONDIMENTI

Prefazione: "Alchimia della Pace":

"Ognuno di noi vorrebbe trovare una dimora, un luogo di sicurezza, ma appena si rende conto dell’assoluta impossibilità che ciò accada, si rifugia in comportamenti volti a controllare l’esistenza, rimuginando sul passato o preoccupandosi incessantemente del futuro.

Scrive a questo proposito James Hillman: “Spesso siamo così preoccupati di scoprire la ragione di quello che ci è accaduto e ad esso trovare una soluzione nell’immediato futuro che ci siamo resi incapaci di assaporare la bellezza del vento”.

Nel racconto “Tre quesiti”, Tolstoj narra di un grande re che era ossessionato dalle risposte che avrebbe dovuto darsi per diventare un bravo regnante:

“Qual è la persona più importante con cui stare?”

“Qual è la cosa più importante da fare?”

“E quando il tempo più appropriato per farla?”

I vari consiglieri gli offrirono risposte diverse ma talora così contrastanti che si trovò costretto a rivolgersi ad un vecchio e leggendario saggio che conduceva un’esistenza molto semplice da eremita sulla cima della montagna.

Travestito da normale viaggiatore, senza guardie e senza ornamenti del suo potere, il re arriva alla sommità del monte dove trova il vecchio saggio curvo intento a coltivare il giardino. Il regli pone le tre domande, ma il vecchio non risponde, lo esorta soltanto ad aiutarlo nel giardinaggio. Il sovrano, pur con qualche perplessità, accetta di svolgere il lavoro, ma dopo un po’ si stanca e si mostra impaziente per le risposte che non riceve.

Il vecchio continua tuttavia a faticare sotto il sole, finché verso sera il re girandosi nota tra le siepi un giovane ferito. Con sollecitudine si strappa la camicia per tamponargli l’uscita del sangue, lo disinfetta, lo ristora e lo cura, gli salva la vita. L’uomo, colmo di gratitudine e di vergogna, gli rivela che era giunto fin lì per assassinarlo, e che era stato ferito durante il viaggio da una delle sue guardie. L’assassinio voleva essere la vendetta dell’uomo per l’uccisione del fratello e la confisca delle terre da parte del re. Nell’udire queste parole il re si sentì mortificato e promise di restituire le terre e per il futuro di essere più avveduto.

Dopo questa vicenda il re tornò insistentemente a porre le domande al vecchio saggio, ma questi sorridendo affermò di avere già fornito le risposte.

Il re rimase perplesso, e allora il vecchio saggio fu costretto a dare voce a ciò che riteneva scontato.

La persona più importante con cui stare è quella con cui si è, quella che si palesa in quel preciso momento in cui avviene l’incontro.

La cosa più importante da fare è quella che occupa il nostro tempo presente.

Non c’è bisogno di cercare. Occorre essere attivi in quel qualcosa che si sta facendo, senza affannarsi per volere alcuna soluzione. Se il re non fosse rimasto a coltivare il giardino sarebbe stato ucciso dall’attentatore e non avrebbe avuto l’incontro che gli avrebbe fatto comprendere il senso della propria presenza, i propri errori e la necessità di lasciar fiorire il perdono. Il re si ravvede e si scusa dopo che ha salvato il suo potenziale assassino.

E il tempo più appropriato? Bene la risposta qui è “proprio” scontata: “Il presente è l’unico periodo di tempo di cui abbiamo possesso”.

Quali sono i significati sottesi al racconto del grande narratore russo?

Un primo sta nel fatto che se vogliamo giungere alla saggezza dobbiamo metterci in ricerca con umiltà e spogliati di ogni presunzione. Il re per incontrare la saggezza lascia ai piedi della montagna vestiti, decorazioni e ornamenti regali.

Un secondo sta nel fatto che dobbiamo abbandonare la fretta di sapere e controllare, perché, come il vecchio saggio ci insegna, le risposte appropriate, quelle più vere, sono la conseguenza di un’attesa “laboriosa” che non rassicura né offre facili soluzioni: “Occorre prima di tutto praticare pazientemente il giardinaggio”.

Un terzo sta nel “servizio accidentale”, ossia nel fare le cose con perseveranza e disciplina senza un’ipotetica ricompensa, nel fare le cose al meglio per poi abbandonarle, lasciarle al vento, come un mandala a cui non si deve più aggiungere nulla."
Franco Nanetti

AUTORE

Franco Nanetti è psicologo, specialista in psicoterapia cognitivo-comportamentale, ipnosi medica, programmazione neurolinguisica, didatta e supervisore in psicoterapia e counseling integrati. Svolge attività di ricerca e formazione nell’ambito della comunicazione interpersonale e della psicologia applicata presso istituti scolastici ed aziendali. Dopo un prolungato training in psicoanalisi e psicodramma analitico ha intrapreso un personale percorso di elaborazione di un modello clinico e formativo che integra i contributi dell’analisi transazionale integrata alla gestalt, della bioenergetica, della terapia razionale-emotiva, delle costellazioni familiari, della logoterapia, dell’approccio transpersonale,della psicosintesi e dell’ipnosi medica generativa. Dal 1976 ha svolto attività di docente presso le seguenti università: Bologna, Verona, Cesena, Venezia, San Marino. E’ stato per oltre un decennio coordinatore dei servizi di prevenzione delle Tossicodipendenze presso la Provincia di Bologna e ricercatore IRRSAE per l’Emilia Romagna. Ha pubblicato trentadue libri con Case Editrici di fama nazionale ed internazionale e 86 articoli di Seminari e Convegni. Attualmente insegna presso l’Università di Urbino ed è direttore del Corso di Perfezionamento in Counseling Scolastico e Presidente della Scuola di Formazione in Counseling Interpersonale Integrato AIPAC. Ha partecipato in qualità di opinionista a numerose trasmissioni televisive con RAI3, RAI2 TeleMontecarlo (intervistato da Paola Perego) e Telecentro con Roberto Conditi. Ha pubblicato in qualità di editorialista e consulente intervistato per “Il Resto del Carlino” e “Repubblica”. Molte delle sue opere sono state recensite su quotidiani e riviste a diffusione nazionale.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 29 maggio 2017

Un libro molto, molto significativo, anche se non di semplice lettura. É praticamente tutto sull'ombra, sui traumi e sulle difese inconsce. Ci apre alla consapevolezza interiore e ci da degli importanti input per lavorare sul sé. Grande Nanetti. Un autore di vero spessore! Laura

Commenta questa recensione

Scritto da: - 16 marzo 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ottimo libroAiuta a capire meglio la natura dell'essere umano,e suggerisce come modificare atteggiamenti mentali e comportamenti sbagliati ritenuti erroneamente giusti

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 giugno 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Manuale ricco e dettagliato, in alcuni punti veramente esaustivo. Una lettura sicuramente utile.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 giugno 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

E' il primo libro che leggo di questo autore e non sarà certo l'ultimo! Ho trovato molto interessante la spiegazione delle maschere che ognuno di noi indossa per mostrarsi al mondo, recitando ruoli diversi, a seconda di chi ci troviamo di fronte. Anche se in alcuni punti l'autore usa definizioni "tecniche", resta comunque sempre chiara la spiegazione psicologica di certi comportamenti e atteggiamenti nostri e delle persone con cui entriamo in contatto. Ho trovato descritti tanti "personaggi" che ho avuto il "piacere" di frequentare nella mia vita e dei quali, all'inizio, non avevo capito le vere intenzioni. Nanetti descrive molto bene chi come e quando ed anche le soluzioni per sottrarsi alle sofferenze emotive che queste persone tendono ad infliggere a chi gli sta intorno. Tutto molto interessante! Un libro utile per comprendere meglio le dinamiche psicologiche che governano i rapporti nella famiglia, nella coppia e con gli amici.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su