Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

La Qabbalah Visiva

-15%
La Qabbalah Visiva

  Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 68,00 invece di 80,00 sconto 15%

    Spese di spedizione gratuite!

  • Giulio Busi

  • Tipo: Libro
  • Pagine: 497
  • Formato: 14,5x22,5
  • Anno: 2005
  • Sconto

Questo libro tenta per la prima volta una storia del disegno mistico nella tradizione ebraica. E un atlante sorprendente dell’immaginario giudaico, un’esplorazione in un territorio ancora poco... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibile per la spedizione entro 5 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 68 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Questo libro tenta per la prima volta una storia del disegno mistico nella tradizione ebraica. E un atlante sorprendente dell’immaginario giudaico, un’esplorazione in un territorio ancora poco o nulla toccato dagli studi filologici, eppure fondamentale per il confluire creativo di religione, filosofia, mistica ed estetica.

Il tema del Creatore che traccia le linee del mondo ha ispirato pensatori e mistici ebrei dall’epoca tardoantica fino nel pieno dei tempi moderni. Le prime nozioni di una dottrina del grafismo divino risalgono al giudaismo alessandrino d’età ellenistica, e nascono dall’incontro tra filosofia greca e racconto biblico della creazione. Fu in questo ambiente che il Dio creatore della Bibbia si trasformò in un artista sommo, capace di abbozzare il diagramma del mondo per mutarlo poi nei volumi e nelle superfici della natura.

Attraverso le opere di Filone Alessandrino, i testi mistici dei primi secoli dell’era volgare e il neoplatonismo giudeo-arabo, il libro ripercorre l’emergere di un logos ebraico che disegna il cosmo. Quest’elaborazione teorica fu il presupposto della grande fioritura cabbalistica che iniziò nel Duecento, e che regalò al giudaismo uno dei piu vasti patrimoni di rappresentazione grafica dell’invisibile.

A partire dalla metà del XIII secolo, i cabbalisti misero infatti a punto una raffinata tecnica di visualizzazione delle forze celesti, una topografia del divino che non ha eguali in alcuna altra tradizione occidentale.

Il volume si basa sull’esame diretto di centinaia di manoscritti e propone, per la prima volta a livello mondiale, circa centocinquanta immagini inedite, commentate in maniera rigorosa. Con i loro diagrammi, i cabbalisti fissarono sulla carta le proporzioni dell’architettura divina dei cieli. L’armonia delle forme geometriche cerca di catturare il mistero della creazione: il gioco delle sefirot, la guerra cosmica tra bene e male, il prorompere del peccato e l’enigma della clemenza divina vengono tradotti in rapporti spaziali, e spesso si coagulano in luoghi-parola, in cui la scrittura ebraica si combina con acute invenzioni formali.

Autore

Giulio Busi è professore ordinario alla Freie Universitat di Berlino, dove dirige l’Istituto di giu-daistica. Collabora con numerose riviste specialistiche e con giornali quotidiani, tra cui il «Tages-spiegel» e il «Sole 24 Ore», dove cura una rubrica settimanale dedicata al patrimonio letterario e storico del giudaismo. Tra le sue pubblicazioni recenti: La qabbalah (La-terza, Roma-Bari 1998), Catalogue of the Kabbali-stic Manuscripts in the Library of the Jewish Community of Mantua (Cadmo, Fiesole 2001), Mantova e la qabbalah (Skira, Ginevra-Milano 2001), The Great Parchement. Flavius Mithridate’s Latin Translation, the Hebrew Text, and an English Version (Nino Ara-gno, Torino 2004). Presso Einaudi ha pubblicato Mistica ebraica (con Elena Loewenthal, 1995), Simboli del pensiero ebraico (1999) e Lontano da Gerusalemme. Cronache ebraiche contemporanee (2003).


Torna su
Caricamento in Corso...