Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 26 punti Gratitudine!


Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

La Morte è di Vitale Importanza

Riflessioni sul passaggio dalla vita alla vita dopo la morte

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 12,75 invece di 15,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 190
  • Formato: 14x21
  • Anno: 2016

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

L'autrice, laureata in medicina e specializzata in psichiatria, narra le sue esperienze a contatto con i malati terminali nelle corsie degli ospedali, restituendoci intatti gli ultimi istanti dei pazienti: bambini, adulti, anziani; ci illustra gli stati d'animo dei parenti al capezzale degli ammalati, aiutandoci a comprendere con quanta grazia e pace suprema lo spirito umano si prepara ad affrontare la vita eterna.

Già, perché la morte, come emerge da queste pagine intense e commoventi, non è che un passaggio sublime e dolcissimo, che ciascuno di noi può vivere come tale, lasciandosi alle spalle i rimpianti per la vita terrena, la paura del distacco dalle persone amate e le incognite per ciò che ci attende nell'Aldilà.

Un testo illuminante che può aiutare tutti noi ad affrontare l'idea della morte con serenità e nella consapevolezza che la Verità non è di questo mondo.

Un grande classico scritto da una delle autrici più amate e rispettate sul tema della morte e del morire.

‘Le persone sono come le vetrate colorate: brillano e scintillano quando c’è il sole, ma, al calar delle tenebre, la loro vera bellezza si rivela solo se vi è una luce al loro interno”.

“Dal mio lavoro pluridecennale con gli ammalati è risultato evidente che, nonostante esistiamo da milioni di anni come esseri umani, non siamo ancora riusciti a comprendere chiaramente quella che forse è la questione più importante, e cioè la definizione, il significato e lo scopo della vita e della morte.

E mia intenzione esaminare con voi una parte di questa ricerca riguardante la morte e la vita ultraterrena”.
Elisabeth Kübler-Ross

INDICE

Qualche notizia su questo libro

Prefazione del curatore

La morte è di vitale importanza

  • Il linguaggio simbolico
  • I bambini che perdono un parente
  • Il fratello di Jamie
  • Lorrie
  • Il bambino di San Diego
  • Interpretazione dei disegni infantili
  • Liz
  • Dougy
  • Il significato della sofferenza

Il bozzolo e la farfalla

  • I quattro quadranti
  • Le cinque emozioni naturali
  • Billy
  • Jeffy
  • L’esperienza di premorte
  • I comuni denominatori

Vita, morte e vita oltre la morte

  • La signora Schwartz
  • Non si è mai soli nella morte
  • Susie
  • I bambini che vedono i parenti morti
  • La donna indiana
  • Il barbone
  • Peter
  • Corry
  • Il tunnel e la luce
  • Riesaminare la propria vita
  • La visita della signora Schwartz
  • Una delle mie prime esperienze mistiche
  • Accettare
  • La Coscienza cosmica

Guarire nel nostro tempo

  • La donna paralizzata
  • La donna delle pulizie
  • Il pallone gonfiato
  • Bernie Siegei
  • Chemioterapia
  • Gli gnomi
  • I workshop
  • Cristo
  • Di nuovo Dougy

Accettare

  • Venerdì santo
  • Suicidio come libera scelta
  • Suicidio come risultato di una depressione endogena
  • La differenza fra salvare e aiutare
  • Mia madre
  • Mio padre
  • Diagnosticare i conigli neri

Postfazione dell’editore

L’autrice

Il curatore

Album fotografico

APPROFONDIMENTI

La morte è di vitale importanza:

"Sono nata in Svizzera da una famiglia tipicamente svizzera, molto parsimoniosa e autoritaria come la maggior parte degli svizzeri, molto... illiberale, se così si può dire. Avevamo tutte le cose materiali del mondo e due genitori amorevoli.

Ma alla mia nascita io ero «indesiderata». Non che i miei non volessero figli. Desideravano tantissimo una bambina, ma la volevano graziosa, bellissima, di quattro chili. Invece io ero molto brutta e senza capelli, e fui una terribile, immensa delusione per i miei genitori."

Elisabeth Kübler-Ross

Continua a leggere l'estratto del libro "La Morte è di Vitale Importanza".

PROMOZIONI IN CORSO

La Morte è di Vitale Importanza + Impara a Vivere Impara a Morire

Impara a Vivere Impara a Morire + La Morte è di Vitale Importanza = Acquista insieme, oggi sconto 15%
€ 20,40 invece di € 24,00
Risparmio € 3,60
Compra La Morte è di Vitale Importanza + Impara a Vivere Impara a Morire
Disponibilità per la spedizione: Immediata

AUTORE

Elisabeth Kübler-Ross (1926-2004) - Psichiatra, ha svolto un lavoro pionieristico nel campo dell'assistenza ai malati terminali e della ricerca sulla morte e il morire. Per questi suoi lavori scientifici le sono state conferite da varie università lauree honoris causa. Grazie al suo impegno e alla sua instancabile attività, l'assistenza ai morenti e la ricerca sulla morte sono divenuti di grande attualità.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 24 febbraio 2016

E' un libro fondamentale, oltre che bellissimo. Spesso facciamo danni nella convinzione di agire "per il bene", soprattutto quando abbiamo a che fare con situazioni che non siamo abituati a gestire - come la morte, appunto. questo libro può evitarci di compiere errori che avrebbero conseguenze lunghe una vita.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 21 aprile 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho appena terminato la lettura di questo libro stupendo e provo un infinito senso di gratitudine per l'autrice e per il 'caso che non esiste' per aver fatto in modo che arrivasse a me. Purtroppo ho anch'io subito delle perdite importanti e mentre leggevo (spesso con le lacrime agli occhi) queste pagine, continuavo a ripetermi che sarebbe stato bello averlo letto prima! Sembra un paradosso, ma ritengo sia importante leggerlo, proprio per vivere meglio e poter arrivare a quest'appuntamento imprescindibile con la serenità di chi ha risolto le 'questioni in sospeso' di cui parla l'autrice. Tra l'altro, la lettura è scorrevolissima. Leggetelo!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 aprile 2013

la morte è di vitale importanza?già il titolo è macabro..ma come può essere importante un evento cosi traumatico?bisogna apprezzare la vita proprio perchè l' autrice vede con i propri occhi la morte..mah,io ogni qualvolta muore un parente mi sento lacerare dentro,è un pezzo di te che muore e la tua anima è dilaniata.. non si apprezza la vita vedendo la morte o stando a contatto con persone morenti..

Commenta questa recensione

Scritto da: - 30 marzo 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo libro è un inno alla vita... l'autrice, nel cercare di capire la morte e accompagnare le persone morenti, ma soprattutto chi sopravvive ad accettare la morte del loro caro, ci svela il valore e il significato della vita per ognuno di noi. I bambini sono i maggiori maestri, dovremmo imparare ad ascoltare la loro saggezza invece di pensare solo ad insegnare loro ... Un libro stimolante e semplice da comprendere.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 5 dicembre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo libro è molto bello. Riprende il libro "la morte e il morire" ma in chiave meno scientifica, più umana, e il libro "la morte e la vita oltre la morte" ma lo amplia e lo personalizza. La letture è semplice e scorrevole nonostante la delicatezza del tema. Ti toglie le paure e ti fa sentire che tutto è vita,anche la morte. Consigliatissimo!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 novembre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

libro bellissimo e facilitatore, è un testo sulla vita, sulle potenzialità, sull'amore, brioso e allegro: è rasserentante importante per crescere i figli nei loro decisivi primi anni, lo consiglio ai futuri genitori e magari ai nonni e a tutti gli adulti che sono in contatto coi bambini un libro per la crescita personale con un respiro più ampio, verso le nuove generazioni un inno alla vita e certo anche una analisi sulla morte e sulla vita dopo la morte con un rammarico, sarebbe stato importante leggerlo prima di diventare madre

Commenta questa recensione

Scritto da: - 6 novembre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Trovo questo testo molto istruttivo e toccante. Ho apprezzato la delicatezza della dottoressa K.Ross nel trattare l'argomento. Mi ci sono immersa ed in due giorni l'ho finito. Fa riflettere e ne ho fatto dono a mia madre che si avvicina ad avere un'età importante...

Commenta questa recensione

Scritto da: - 20 settembre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo è stato il mio primo libro che tratta l'argomento della vita dopo la morte, mi è stato consigliato da una persona che ha avuto un'esperienza di premorte. Nel testo l'autrice racconta del suo lavoro di accompagnamento allaldilà delle persone in procinto di morire, e con la sua grande sensibilità aiutava le persone a questo "passaggio", spesso i malati sapevano esattamente quando era vicina la loro ora ( sopratutto i bambini ) e quindi il problema maggiore era aiutare le famiglie del malato a lasciarli andare. L'autrice ci trasmette tutto l'amore, la sensibilità e la comprensione che metteva nel suo lavoro, per aprirci a una nuova prospettiva di speranza

Commenta questa recensione

Scritto da: - 22 agosto 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

La Morte è un evento certo che ciascuno di noi dovrà, presto o tardi, "vivere", eppure così poco si conosce o si è disposti a cogliere intorno a questo evento naturale e ineluttabile. E. Kunler-Ross, impegnata e compassionevole tanatologa del nostro tempo, tra le più eminenti, ci offre con questo libro l'occasione di "accendere un lumicino" sul significato della morte ed del morire. Con un linguaggio diretto e chiaro, avvalorato dalla sua lunga esperienza empirica, porta il lettore per mano verso lo svelamento di nuovi spiragli di comprensione e consapevolezza sull’arte del passaggio dal mondo della materia verso i mondi più sottili. Si, perché l’ipotesi che la Kubler-Ross ci porge, alla luce delle tantissime e profonde esperienze vissute di accompagnamento alla morte dei malati terminali, è quella della Vita Una. La morte non esiste, ma ci riesce difficile crederlo, stante la forte identificazione, specie nell’Occidente, col mondo della materia. Siamo talmente identificati con il nostro corpo fisico che il solo pensiero di perderlo ci traumatizza, pertanto siamo portati a sottovalutare l’evento della morte, ad eluderlo, attaccandoci sempre più ad una visione materialistica della vita. Il corpo fisico è solo uno dei livelli di cui siamo fatti, il più evidente e tangibile; altri corpi, via, via più sottili, partecipano alla costituzione dell’essere umano: il corpo emotivo, il corpo mentale e quello spirituale. Quando abbandoniamo il corpo fisico gli altri corpi restano vivi e vegeti. La morte non esiste, perché in un dato momento della nostra vita potremmo trovarci al di qua o al di là della porta che continuamente attraversiamo nel corso delle nostre reincarnazioni. E. Kubler-Ross, medico psichiatra di formazione agnostica e scientifico/sperimentale, ha dedicato l’intera vita al sostegno e all’accompagnamento dei malati terminali e alla comprensione del significato della morte, fino a pervenire, alla luce delle migliaia di esperienze vissute e profondamente condivise, ad una visione spirituale del nostro divenire.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA