Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 30 punti Gratitudine!


Le Necessità della Coscienza per il Presente e l'Avvenire

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

È una necessità del presente ampliare la coscienza in direzione del passato e dell'avvenire; dal punto di vista della scienza dello spirito questo significa realizzare la visione delle ripetute vite terrene.

7 conferenze: berlino, 25 giugno - 6 agosto 1918

INDICE:
Prima conferenza Berlino, 25 giugno 1918
Coscienza di sogno, oggettiva e veggente. I sogni rispecchiano la vita quotidiana o anche la realtà soprasensibile. L'uomo è tripartito: la testa rispecchia la vita precedente, il tronco quella attuale, le estremità e la respirazione la vita futura. L'unità dell'uomo nel corpo eterico, legato al karma da realizzare. La necessità di realizzare la visione delle ripetute vite terrene. La nuova conoscenza del mondo soprasensibile alla metà del terzo millennio. Otto Weininger lo percepì in forma caricaturale. Le Nozze chimiche di Christian Rosenkreutz di J.V. Andreae.

Seconda conferenza Berlino, 3 luglio 1918
I gruppi "naturistici" e "manganistici". Differenza fra lavoro umano e lavoro svolto dalle macchine. Lucifero nella volontà umana e Arimane nella civiltà. Reuleaux auspicava la necessità di forze artistiche per pareggiare quelle distruttive materiali. I nuovi impulsi artistici nelle forme architettoniche e scultoree del Goetheanum: l'intersecarsi delle due cupole, le colonne, le finestre colorate, le pitture delle cupole, il gruppo scultoreo. Un libro di Georg Korf.

Terza conferenza Berlino, 9 luglio 1918
Visione della vita precedente fino al secolo ottavo a.C. Nel quinto periodo postatlantico ritorna quella visione. In Occidente circoli iniziatici angloamericani contrastano la scienza delle ripetute vite terrene. Con la sport si materializza l'anima. In Oriente si contrasta in altro modo la conoscenza delle vite ripetute. Difficoltà al presentarsi del sé spirituale. Nell'Europa centrale ci si deve riallacciare alle correnti spirituali di Schlegel, Fichte, Schelling e Goethe. Aspetti grotteschi della "Società Goethe". La relazione di Layard sul cadì di Mossul.

Quarta conferenza Berlino, 16 luglio 1918
Fino al secolo ottavo a.C. si aveva nozione della vita fisica precedente, in futuro la si avrà per quella animica. Nel frattempo la massoneria e la Chiesa ostacolano l'autoconoscenza. Bernardo di Chiaravalle e la struttura animica del suo tempo: la sua forza nella fede. Flusso dell'oro in Oriente dopo la caduta dell'Impero romano. Culto degli Angeli invece che di Dio. Le crociate e l'aspirazione a mettere Gerusalemme al posto di Roma e fondare un cristianesimo non romano. Il doge Dandolo. La raccolta di reliquie. Johann Valentin Andreae e le Nozze chimiche.

Quinta conferenza Berlino, 23 luglio 1918
La storia ufficiale nega il modificarsi delle anime umane nel corso del tempo e non conosce il vero io umano, ma solo il corpo arimanico e un io astratto, luciferico. L'uomo vero è quello passato, il presente e quello futuro. La immagini mitiche relative. Cristo e il vero io umano. Il "regno dei cieli". La gnosi. Il culto cattolico. Pietro Valdo. Il principio del cattolicesimo e la scienza di Hertling. Der deutsche Reichskanzler als Prophet di B. Münz. Lebensfragen del parroco Heitler.

Sesta conferenza Berlino, 30 luglio 1918
Tre epoche del quarto periodo postatlantico: dal 747 al 27 a. C.: periodo greco e perdita del nesso col cosmo; dal 27 a.C. al 693 d.C.: la Chiesa impedisce la comprensione del mistero del Golgota; 693-1413: si oscura il nesso dell'uomo con la sfera soprasensibile. Bernardo di Chiaravalle. Rifiuto del soprasensibile da parte del socialismo come conseguenza della paralisi delle forze soprasensibili da parte del cattolicesimo. La separazione fra le due chiese: orientale e occidentale; soggetta a forze luciferica la prima, arimaniche la seconda. Affinità fra americanismo, scienza e gesuitismo. Socialismo e bolscevismo seguono "princìpi" cattolici.

Settima conferenza Berlino, 6 agosto 1918
Concetti e idee morti impediscono di vedere l'avvenire. Si accettano solo idee non vitali. La legge della conservazione della materia e dell'energia. Materia ed energia scompariranno con l'evoluzione di Venere. Il marxismo rifiuta germi nuovi per l'avvenire. Manca la percezione del divenire che si può acquisire attraverso la conoscenza soprasensibile e il rinnovamento dei misteri. Compito dell'umanità è comprendere il Cristo cosmico e il Gesù terreno. Il gesuitismo. Kautsky, il cattolicesimo male inteso, Uexküll, Woodrow Wilson, l'americanismo. Il nostro tempo deve continuare il goetheanismo, che sarà contrastato dai Gesuiti. La biografia di Baumgarten. Parole di saluto alla vecchia sede del Gruppo antroposofico di Berlino.

AUTORE

Rudolf Steiner è stato un filosofo, architetto e riformista austriaco. E’ stato il fondatore dell’antroposofia, una corrente esoterica che mischia diversi dettami della scuola teosofica e filosofico - idealista tedesca del tempo. Sin dai primi anni della sua formazione culturale, Steiner ambì a trovare la sintesi perfetta tra misticismo e scienza.

Questa ricerca continua lo portò, dopo aver conseguito il dottorato, a trasferirsi da Vienna a Weimar per lavorare al Goethe und Schiller Archiv, l’archivio Goethe. Questo lavoro gli permise di pubblicare il saggio “Introduzione agli Scritti Scientifici di Goethe” e di maturare la sua personale visione del mondo.


Nel 1894, pubblicò il suo saggio più importante, “La Filosofia della Libertà”, che proponeva un concetto rivoluzionario per l’epoca: la scoperta che il pensiero può portare alla realizzazione dello spirito del mondo.

Il tomo non raggiunse molto successo ma Steiner aveva creato una solida base per la conoscenza dello spirito, e si sentiva in grado di portare avanti le sue ricerche in questo campo senza alcuna remora. Inoltre, il lavoro su “La Filosofia della Libertà” gli permise di sciogliere una serie d’enigmi sull'esistenza che lo perseguitavano da tempo.

Le intuizioni contenute in “La Filosofia della Libertà” sono alla base dell’eredità di Steiner e hanno contributo in modo essenziale allo sviluppo delle scienze moderne. In particolare della Medicina. A Steiner, infatti, si deve il movimento della scuola Waldorf, che ha creato un approccio educativo basato sulla comprensione e l’amore.

Oggi, le scuole Waldorf sono in tutto il mondo.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su