Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 24 punti Gratitudine!


Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

La Vita Oltre la Morte

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Yogi Ramacharaka si prefigge di fornire una risposta unitaria che vada oltre le singole tradizioni etniche e che sia valida sia per il buddista, come per il cattolico e l'animista. Il libro risponde a tante domande: ci ritroveremo lassù, dobbiamo subire reincarnazioni senza fine, ci annulleremo nel vuoto, spariremo come individui? È un libro positivo e aiuta a liberarsi da molte paure e ad avvicinarsi ad un concetto di vita ciclica spiritualmente ricca e serena.

AUTORE

William Walker Atkinson (alias Yogi Ramacharaka) era un personaggio misterioso. I suoi dati biografici indicano che nacque a Baltimora il 5 dicembre 1862. Della sua infanzia è noto solo il fatto che frequentò le scuole pubbliche. Nel 1889, quasi ventisettenne, sposò Margaret Foster Black dalla quale ebbe due figli. Lavorò da libero professionista fino al 1895 quando venne ammesso al Foro della Pennsylvania come avvocato. Dopo pochi anni, a seguito di una profonda crisi personale, si avvicinò alla scuola del New Thought che si prefiggeva il raggiungimento di salute, benessere e felicità attraverso il controllo delle proprie credenze e aspettative nei confronti di un principio divino positivo e benevolente. Per meglio seguire tale filone di pensiero, si trasferì con la famiglia a Chicago dove continuò la sua carriera di avvocato.


La sua carriera di scrittore ebbe invece inizio grazie a due editori del New Thought, Sydney Flower ed Elizabeth Towne, che pubblicarono i suoi scritti per lunghi anni contribuendo attivamente al suo successo. Viste le molte attività in comune, Atkinson aprì una sua scuola, la Atkinson School of Mental Science, nello stesso palazzo della New Thought Publishing Company di Flower.

Atkinson amava molto usare pseudonimi secondo il pubblico al quale si rivolgeva. Il suo nome d’arte più famoso fu "Yogi Ramacharaka" che utilizzò, dal 1900 al 1912, per pubblicare testi sull’induismo ancora oggi di grande attualità e importanza. Rimane tuttora ignoto il modo in cui l’autore sia riuscito ad approfondire a tal punto il pensiero e le scienze orientali. Ananda, un ricercatore belga cha ha analizzato l’argomento, sostiene l’ipotesi che Atkinson sia stato allievo di Baba Bharata, un famoso yogi vissuto negli Stati Uniti ai primi del 1900, a sua volta discepolo di un maestro indù dal nome originale di Yogi Ramacharaka. Altre fonti sostengono che l’autore si sia recato in Oriente per studiare presso dei maestri indù. Di certo le uniche informazioni attendibili traspaiono direttamente dai suoi scritti nei quali descrive il percorso filosofico degli studi orientali, accompagnato da pratiche esoteriche apprese empiricamente e perfezionate negli anni.

Nella maggior parte dei libri scritti come Ramacharaka. traspare il tema della necessità insita nell’uomo di riappropriarsi del corpo e della salute, prima di poter procedere verso livelli di conoscenza più elevata. Questo tema, riscontrabile anche nei rari testi occulti che trattano la fine della malattia sulla Terra, diventa in lui dominante al punto che, nel 1906, egli raccoglie in un unico testo, "La Guarigione psichica", tutte le tecniche di guarigione a lui note.

Per quindici anni, dal 1900 al 1915, la produzione con lo pseudonimo di Ramacharaka è intensissima, così come quella a nome Atkinson per quanto riguarda il filone New Thought. Nel 1908, trova anche il modo di scrivere un libro sull’ermetismo, "Il Kybalion". Nel 1915 (?), con lo pseudonimo di Magus Incognito firma un altro testo sulla simbologia Rosacroce, "La Dottrina segreta dei Rosacroce".

Circa nel 1920, Atkinson rinnegò il gruppo New Thought che si era costituito intorno ai suoi insegnamenti perché era diventato troppo settario, elemento assolutamente contrario al suo credo. Si trasferì in California e iniziò a riacquistare i diritti d’autore, che aveva venduto a editori o amici del gruppo New Thought per riappropriarsi dei suoi scritti e del loro contenuto. Da allora firmò i libri solo con il suo vero nome e iniziò la ristrutturazione organica del suo pensiero. Il capolavoro di quel periodo è "L’Energia mentale: il segreto della magia" (1935), nel quale riunì le sette lezioni di "The Secret of Mental Magic" e alcuni capitoli fondamentali di "Mental Fascination", con capitoli introduttivi e collegamenti inediti e altamente chiarificatori. Il risultato è un’opera organica di straordinaria ricchezza ed intensità. Morì a Los Angeles il 22 novembre 1932.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 23 aprile 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Espone con chiarezza e precisione l'Aldila', per chi fosse già in cammino, permette di fissare alcuni concetti e di approfondirne altri.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 13 marzo 2016

Grazie Maestro. Il mio cammino è iniziato da qui e solamente adesso, voltandomi indietro riesco a capire quanta strada ho fatto, anche se è nulla rispetto a quella che devo ancora fare. Un viandante.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 18 febbraio 2014

Un libro davvero unico per temi così profondi, esposti in una chiave piuttosto familiare a chi "ha aperto gli occhi" cioè è passato attraverso una esperienza "diretta" e non semplicemente di studio o per atto di fede nei confronti di un maestro esterno a noi. "La mente occidentale rifiuta istintivamente di accettare la verità come gli allievi orientali l'accettano. Non avendo constatato attraverso l'esperienza taluni fatti psichici e spirituali, fondamentali per uno studio approfondito, essa naturalmente ne chiede la prova concreta, prima di sentirsi disposta a procedere oltre." Con queste parole vibranti il sadhu Ramacharaka ci inizia al meraviglioso viaggio che la nostra coscienza deve percorrere per raggiungere e allo stesso tempo comprendere in maniera consapevole, l'altra "sponda" di quel fiume che ci traghetta ininterrottamente dalla vita alla morte.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 agosto 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

profondo particolarmente utile offre una visione ragionevole dell'aldilà, senza contrastare le tradizioni, interpretando in modo illuminato le religioni tradizionali. piacevole.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 20 gennaio 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro che spiega con estrema chiarezza quello che tutti pensiamo di sapere ma che non riusciamo ad organizzare in un discorso completo e coerente. Ho letto molti libri simili ma solo questo mi è parso "illuminante". Da leggere per far tesoro delle verità che l'autore ci dona.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 25 ottobre 2007

Un libro di un grande filosofo e autore prolifico rivolto, però, a un pubblico vasto. Ottima questa edizione, curata nel dettaglio: dalla scelta della copertina alla pregevole traduzione di Carla Viparelli, che è riuscita a decifrare e a esprimere il linguaggio fonte. Grandi e profonde le tematiche qui illustrate, che affondano con estrema sensibilità in un abisso oscuro quale è la linea di demarcazione tra Reale e Irreale. Il confine tra Vita e Morte ci appare così più vicino, più visibile e ciò che è dietro il sipario dell'esistenza non incute più paura, ma affascina, attrae.

Commenta questa recensione

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA