Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Lettere dall'India

Verso la cuna del mondo

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 172
  • Formato: 13,5x21
  • Foto in bianco e nero
  • Anno: 2017

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il resoconto di un viaggio in India ai primi del Novecento, un Paese ancora sotto l'egida del colonialismo, meta di commercianti, militari, avventurieri e viaggiatori assetati di esotismo e magia d'Oriente. Gozzano vi si reca in cerca del caldo, per curare una malattia polmonare che lo condurrà alla morte solo tre anni più tardi.

Egli vi si accosta con la curiosità dei viaggiatori romantici, per molti versi affascinato ma allo stesso tempo ironico, capace di mettere allo scoperto, in quelle terre occupate dagli inglesi, le contraddizioni di due mondi che si sono incontrati per forza e non per simpatia. A poco a poco, come succede a chi va in India, il suo animo si armonizza e il suo sguardo, da spietato osservatore, si fa sempre più dolce, mutando timbri e venature, fino a trasformare il cronista nel poeta che è, testimone perfetto di un'epoca giunta alla fine.

Ne risultano scritti in forma di lettere, che sono anche un testo di viaggio, un diario, una raccolta di appunti, una serie di articoli di giornale (apparsi infatti dal 1914 al 1916 su La Stampa e altri quotidiani), infine raccolti in questo volume postumo, intitolato "Verso la cuna del mondo".

AUTORE

Guido Gozzano nasce a Torino il 19 dicembre 1883 da una famiglia borghese e benestante. Iscritto a Giurisprudenza a Torino, preferisce tuttavia i corsi storico-letterari del poeta Arturo Graf e, in particolare, le lezioni libere del sabato pomeriggio. Nel 1906 scrive i componimenti de La via del rifugio, una raccolta di trenta poesie, pubblicata nel 1907. Nello stesso anno gli viene diagnosticata una lesione polmonare all’apice destro. La malattia lo costringe a viaggiare alla ricerca di climi più miti. Nel 1909 abbandona definitivamente gli studi giuridici per dedicarsi alla poesia e, nel 1911, pubblica il suo più importante libro, i colloqui, che rimangono il suo capolavoro. Nel 1912 si reca in India alla ricerca di un’impossibile guarigione. Morirà a Torino, il 9 agosto 1916, a soli 32 anni.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su