Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 34 punti Gratitudine!


Lettura dell'Aura

Come accrescere la consapevolezza di sé e del mondo

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 16,58 invece di 19,50 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 156
  • Formato: 13x20
  • Anno: 2015

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Una guida pratica per imparare a osservare e interpretare l’aura e i suoi straordinari colori, nei quali è celata la nostra natura mentale, emotiva e spirituale

Questo libro di successo tradotto in oltre dieci lingue è il risultato di decenni di esperienza nel campo della medianità e dell’ipnoterapia e rappresenta una guida pratica e sistematica per la lettura e l’interpretazione dell’aura.

Con metodo e sapienza, Webster mostra a chiunque desideri avvicinarsi alla materia in che modo acquisire coscienza dell’aura, intesa come manifestazione energetica dell’anima, e come osservarne e interpretarne forme e colori al fine di conoscere la natura mentale, emotiva e spirituale di una persona.

Inoltre, attraverso esercizi pratici e tecniche collaudate nei suoi corsi di sviluppo psichico, esplora il sistema dei chakra e rivela con quali mezzi riportarli in equilibrio per vivere una vita sana e felice.

INDICE

Introduzione

Capitolo 1 - Cos'è l'aura?

Capitolo 2 - Percepire l'aura

  • Rabdomanzia

Capitolo 3 - Osservare l'aura

Capitolo 4 - I colori dell'aura

Significati dei colori di base

Colori secondari

  • Suggerimenti in caso di difficoltà
  • Usare la rabdomanzia per cercare i colori
  • Stabilire i colori attraverso la numerologia
  • Prendere coscienza dei colori
    Meditazione dell'arcobaleno
  • L'aura dei colori

Capitolo 5 - I chakra

  • La quaterna
  • La trinità
  • Bilanciare l'aura
  • I cristalli

Capitolo 6 - Interpretare i colori

  • L'aura umorale
  • I significati dei colori

Capitolo 7 - La salute nell'aura

  • Cibi e bevande
  • Musica
  • Protezione dell'aura

Capitolo 8 - Crescita personale e aura

  • I chakra
    Il metodo del pendolo
    Il metodo della meditazione
    Il metodo della musica
    Musica consigliata per il chakra della radice
    Musica consigliata per il chakra sacrale
    Musica consigliata per il chakra del plesso solare
    Musica consigliata per il chakra del cuore
    Musica consigliata per il chakra della gola
    Musica consigliata per il chakra della fronte
    Musica consigliata per il chakra della corona
    Sviluppo magnetico
    Imprimere ciò che si vuole nella propria aura

Capitolo 9 - Lettura dell'aura

Appendice A - Significati dei colori

Appendice B - Parole chiave per i chakra

Glossario

Bibliografia

APPROFONDIMENTI

Dal Capitolo 1 - Cos'è l'aura?:

"Stando alla definizione del dizionario, l'aura, che deriva dal greco alos, ossia "corona", è un'emanazione invisibile o un campo di energia che circonda tutti gli esseri viventi, compresi alberi e rocce. Tale energia, sebbene avvolga gli organismi nella loro interezza, è parte di ogni cellula del corpo e riflette tutte le energie vitali sottili; pertanto, dovrebbe essere considerata un'estensione del corpo piuttosto che qualcosa che lo circonda. Le energie che fluiscono attraverso l'aura riflettono la nostra personalità, il nostro stile di vita, i pensieri e le emozioni, rivelando il nostro benessere mentale, psichico e spirituale.

Alcuni ritengono che l'aura sia semplicemente un fenomeno elettromagnetico e debba essere ignorato; altri credono che consista nella scintilla di vita e sia la dimora della nostra coscienza, la quale ci fornisce le energie necessarie a vivere e operare. Altri ancora sostengono che sia un riflesso di noi stessi, e che di conseguenza contenga un registro completo del nostro presente, passato e futuro. A mio parere, la cosa più probabile è che sia una combinazione di questi tre elementi.

Oggi tutti gli scienziati concordano che ciascuno di noi possiede un'aura fisica fatta di materia e campi di energia che circondano il corpo. Infatti, la capacità di vivere a nostro agio nei vari ambienti è dovuta alla presenza di gradienti termici che creano delle correnti d'aria prossime al corpo, il quale emette un'energia infrarossa. Oltre a ciò, possediamo dei campi elettrici ed elettrostatici di ioni che ci fanno emanare dei bassi livelli di radiazione elettro-magnetica (le onde radio) e una radiazione a bassa frequenza di cento kilocicli.

L'aura, tuttavia, contiene anche il colore il quale, come abbiamo visto, si produce dalla luce. Isaac Newton fu il primo a dimostrare questo principio nel 1666 quando osservò la luce solare passare attraverso un prisma e creare così un arcobaleno. La sua fu una scoperta straordinaria, poiché fino a quel momento si credeva che il colore fosse intrinseco agli oggetti. Sfortunatamente, come tutti i precursori. Newton venne ridicolizzato per le sue teorie, ma ciononostante proseguì con i suoi esperimenti. Provò così a far passare la luce attraverso due prismi e notò che, attraversando il primo prisma, la luce si scomponeva in un arcobaleno ma che quest'ultimo, penetrando il secondo prisma, tornava a essere un unico fascio chiaro di luce. Ciò confutò definitivamente le ipotesi dei suoi oppositori secondo cui il colore era già presente nel prisma e la luce solare semplicemente lo captava.

Con questo esperimento Newton scoprì anche la rifrazione, quel processo per mezzo del quale la luce, attraversando un prisma, viene rifratta o "piegata". Ogni colore reagisce diversamente a questo fenomeno; il rosso, ad esempio, viene rifratto meno rispetto agli altri colori perché ha una lunghezza d'onda superiore. Il viola, invece, ha la lunghezza d'onda più corta di tutti e viene rifratto più degli altri. Il bianco e il nero, sebbene siano considerati colori, rappresentano in realtà le polarità opposte, rispettivamente, di luce e oscurità.

Newton dimostrò anche che la luce bianca contiene tutti i colori e Goethe descrisse bene il fenomeno con queste parole: "I colori sono il dolore della luce", intendendo dire che, mano a mano che il ritmo vibratorio della luce bianca si abbassa, i vari colori divengono visibili.

Quando la luce colpisce la superficie di un oggetto alcuni colori vengono assorbiti, altri riflessi, ma solo questi ultimi possono essere osservati; ad esempio, una foglia ci appare verde perché assorbe tutti i colori tranne quello. I colori scuri sono quelli che assorbono più luce di tutti - il nero, in particolare, contiene tutti i colori dell'arcobaleno - ed è per questo che d'estate è consigliato indossare abiti chiari.

Nel 1676 l'astronomo danese Olaf Roemer dimostrò che la luce viaggia nello spazio sotto forma di onde a circa 300.000 Km/s. Tali onde possono misurare centinaia di chilometri oppure essere microscopiche, e a metà fra i due estremi vi è lo spettro cromatico, la piccola banda di energia vibrante visibile all'uomo. La scoperta di Roemer fu rivoluzionaria per l'epoca, poiché fino ad allora si credeva che la luce semplicemente esistesse e non avesse bisogno di viaggiare.

Di conseguenza, a differenza di quanto si crede comunemente, le nostre aure non sono composte di una qualche forma di luce e la strumentazione moderna, sebbene sia in grado di rilevare ogni parte dello spettro dei colori, non riesce a localizzarle. La capacità di osservare l'aura è piuttosto una forma di chiaroveggenza ed è un'abilità naturalissima che tutti possediamo.

Un altro pioniere in questo ambito fu John Ott, che negli anni '60 scoprì che l'occhio svolge una duplice funzione quando entra in contatto con la luce. Ott dimostrò che la luce, penetrando l'occhio, non solo viene trasmessa al cervello attraverso il nervo ottico permettendoci così di vedere, ma viene anche captata da un nucleo di cellule presenti nella retina che trasmettono l'informazione all'ipotalamo. Quest'ultimo è una piccola ghiandola a forma di noce posta alla base del cervello che controlla diverse funzioni, come il senso di equilibrio, l'impulso sessuale, il peso e i livelli di stress, e governa anche la ghiandola pituitaria, o ipofisi, la quale a sua volta influenza tutte le ghiandole endocrine. Ott ipotizzò che la luce, essendo trasmessa anche all'ipofisi, incide a un livello inconscio sulla nostra crescita e salute, aprendo così nuove prospettive nello studio della cromoterapia e della salute dell'aura.

L'aura, pur non possedendo intrinsecamente i colori, ha bisogno di luce per essere osservata e allo stesso modo di altri organismi si espande negli ambienti luminosi e si restringe in quelli bui. Tuttavia non scompare mai del tutto e rimane visibile sotto forma di sottili linee di energia bluastra."

Richard Webster

AUTORE

Richard Webster è tra i più prolifici scrittori neozelandesi con i suoi oltre quaranta libri di esoterismo, tra cui molti bestseller, pubblicati con la casa editrice americana Llewellyn. I suoi testi spaziano da temi di channeling, a viaggi astrali, alla sua famosa quadrilogia sugli arcangeli. Celebre sensitivo, Richard Webster è membro di importanti associazioni di ipnoterapia nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada e in Nuova Zelanda. Risiede con la famiglia in Nuova Zelanda.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 1 agosto 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Consigliatissimo per imparare a osservare e interpretare l'aura, i suoi colori, la sua salute, la sua crescita, perché nonostante la varietà dei colori e combinazioni possa portare a diverse interpretazioni, i migliaia di anni di studi su tale argomento hanno delineato linee guida come riferimento per comprendere i significati tradizionali dell'aura. Inoltre illustra i chakra (quaterna, trinità, cristalli) e le relative parole chiave

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 luglio 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ottimo libro per avvicinarsi all'argomento. Naturalmente la lettura senza molto esercizio servono a poco, anche se insegna a "vedere" le cose in modo diverso rispetto a quanto siamo abituati normalmente.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su