Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 32 punti Gratitudine!


L'Ideale dell'Unità Umana

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Questo saggio, scritto negli anni 1915-18, e che alla luce degli attuali avvenimenti mondiali si rivela profetico, è una riflessione sui vari passi che l'umanità dovrà compiere per giungere, sia pure lentamente ma inarrestabilmente, alla propria unità politica, economica, sociale e spirituale.

Sri Aurobindo vede come meta non soltanto l'unità esteriore, ma soprattutto quella interiore che deriva dalla realizzazione della nostra verità di esseri universali, del nostro vero Sé individuale e collettivo.

Scrive Sri Aurobindo: "Questa visione del futuro può essere giudicata, nelle attuali circostanze, un troppo facile ottimismo, ma questa svolta degli eventi è altrettanto possibile quanto quella più disastrosa prevista dai pessimisti, poiché non è affatto detto che il risultato di una nuova guerra debba essere il cataclisma e il crollo della civiltà da essi talvolta preconizzati. L'umanità è abituata a sopravvivere alle peggiori catastrofi provocate dai propri errori o dalle violente svolte della Natura, e così dev'essere se c'è un qualche significato nella sua esistenza, se la sua lunga storia e la sua costante sopravvivenza non sono gli accidenti di un Caso che si organizza fortuitamente, come vorrebbe una concezione puramente materialistica della natura e del mondo. Se l'uomo è destinato a sopravvivere e a continuare l'evoluzione di cui ora è il capo e, fino ad un certo punto, la guida semicosciente, bisogna che egli esca dalla confusione attuale della sua vita internazionale e arrivi ad un inizio di azione unificata e organizzata; bisogna che egli giunga finalmente ad una sorta di Stato Mondiale, unitario o federale, oppure ad una confederazione o ad una coalizione; nessuna espediente più vago o ridotto servirebbe adeguatamente allo scopo. La tesi generale avanzata da questo libro si troverebbe giustificata, a noi potremmo prevedere che il corso degli eventi probabilmente seguirà, o almeno la tendenza principale della storia futura dei popoli umani."

AUTORE

Sri Aurobindo, uno tra i più importanti filosofi e maestri spirituali dell'India moderna. Nasce il 15 agosto 1872 a Calcutta, studia in Inghilterra dall'età di sette anni, dove fu educato essenzialmente da insegnanti occidentali.
Torna in India nel 1892 alla morte di suo padre. Impara il sanscrito per poter comprendere i testi sacri indiani e si dedica quindi allo yoga secondo i suoi principi, facendo cinque, sei ore al giorno di esercizi di respirazione e concentrazione. In questo periodo incontra anche dei maestri che gli insegnano la meditazione.
Tutta la vita successiva di Aurobindo fu dedicata ad applicare la conoscenza spirituale alla vita concreta e a quella psicofisica, per arrivare a trasformare la vita stessa e la realtà esteriore. Questa energia di Verità e Coscienza che Sri Aurobindo chiama "sopramentale" è la sola energia che può produrre una trasformazione dinamica davvero integrale e irreversibile della materia.
All'età di 29 anni Sri Aurobindo si sposa, ma sua moglie non saprà seguirlo nel suo cammino. Nel 1906 si trasferisce a Calcutta, nel cuore dell'agitazione politica, viene arrestato nel 1908, rimane in carcere per un anno, dove approfondisce ancora di più la meditazione.
Nel 1926, con l'aiuto di una collaboratrice spirituale, la Madre, fonda lo Sri Aurobindo Ashram. Sri Aurobindo lascia il corpo il 5 Dicembre 1950.
QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su