Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Manuale del Perfetto Impertinente

Aforismi, pensieri, paradossi, delizie

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 4,90
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 144
  • Formato: 13,5x22
  • Anno: 2012

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Troppo spesso Oscar Wilde è stato frettolosamente relegato al rango di caustico battutista, distillatore di scintillanti aforismi buoni a tutti gli usi. In realtà, nell’opera wildiana trova espressione in forme fulminanti e paradossali una concezione modernissima dell’arte e della vita, feroce critica ante litteram della “cultura di massa”.

Articolato in capitoli tematici e introdotto da un ampio saggio che ricostruisce à rebours il personaggio dello scrittore a partire dal processo che ne segnò la rovina e il fulmineo declino, questo volume insegue fin nelle pieghe del Wilde meno noto le sue intuizioni più spiazzanti, le espressioni più brillanti del suo pensiero, la vena amara che si cela sotto il suo gusto per l’artificio, quelle “preveggenze” che hanno fatto scrivere a Borges: «Leggendo e rileggendo Wilde di anno in anno, noto un fatto di cui i suoi panegiristi non hanno forse avuto nemmeno il sospetto: il fatto elementare e facilmente verificabile che Wilde ha quasi sempre ragione».

«La malvagità è un mito inventato dai buoni per spiegare lo strano fascino degli altri.»

AUTORE

Oscar Fingai O’Flahertie Wills Wilde nacque a Dublino il 16 ottobre 1854. Studiò a Dublino e a Oxford, per poi trasferirsi a Londra, dove iniziò la sua carriera letteraria. Scrisse poesie, racconti, un romanzo, Il ritratto di Dorian Gray, e numerose opere teatrali, tra cui Un marito ideale e L’importanza di chiamarsi Ernesto. Famoso per il suo spirito pungente, divenne uno dei commediografi di maggior successo della tarda epoca vittoriana e ancora oggi è considerato uno dei più grandi autori dell’Ottocento. Accusato di essere omosessuale, fu condannato a due anni di lavori forzati. Morì a Parigi il 30 novembre del 1900. I suoi racconti per bambini, spesso messi in secondo piano dalla critica rispetto al resto della sua opera, sono in realtà un capolavoro senza tempo della letteratura per ragazzi.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su