Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


La Medicina che Non Guarisce

Come difendersi da terapie inutili o nocive

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Con ritmo incalzante e piglio giornalistico, Blech, già autore del best seller Gli inventori delle malattie, analizza in maniera critica i trattamenti medici più diffusi e controversi - gli interventi all'ernia del disco, le terapie contro l'artrosi, le operazioni al cuore, le cure per l'Alzheimer e per l'osteoporosi - e sferra un attacco deciso e documentato agli interessi di case farmaceutiche, cliniche e specialisti (oltre che alla comoda disinformazione dei pazienti).

Oltre a ciò, indica al lettore sette semplici regole per destreggiarsi fra le terapie inutili, e le domande-chiave da rivolgere al medico qualora questi gli suggerisse un intervento.

In ogni branca della medicina - in ginecologia come in ortopedia o nella prevenzione del cancro -, sono diffusi dei veri e propri miti che riguardano terapie, cure e interventi chirurgici.
Ma a un'analisi più approfondita molte delle attuali risorse terapeutiche si rivelano del tutto inefficaci, se non dannose, e paiono il risultato di errori, false conclusioni e interessi economici.
La cosa risulta evidente quando i medici diventano pazienti: solo raramente si sottopongono alle cure che normalmente consigliano ai loro assistiti, perché sanno benissimo quali tra esse siano davvero necessarie e utili.
In questa situazione «sapere» rappresenta un presupposto fondamentale per determinare un salto di qualità nella medicina moderna.

Jorg Blech, nato nel 1966 a Colonia, ha studiato biologia e biochimica in Germania e in Gran Bretagna. Ha frequentato la scuola di giornalismo ad Amburgo e ha lavorato nella redazione medica e scientifica prima di «Stern» e poi di «Die Zeit». Dal 1999 scrive per «Der Spiegel». Il suo libro "Gli inventori delle malattie" (Lindau, 2006) è rimasto per ben 40 settimane fra i best seller consigliati da «Der Spiegel».

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 14 agosto 2015

Questo libro mostra il lato oscuro della medicina tradizionale, ma personalmente posso affermare che esiste anche un aspetto positivo di essa, purtroppo negato da chi vede solo demoni nei farmaci di sintesi. Alcune malattie che non rispondono nel breve periodo all'omeopatia o ad altre cure naturali (e che necessitano di essere guarite in tempi ragionevoli) rispondono però ai farmaci, e si può benissimo associare ad essi una depurazione epatica e soprattutto la fede nel Divino (o per alcuni l'autosuggestione) per minimizzarne gli effetti collaterali. Un altro esempio: quando assumo gli antibiotici posso bere Kefir a volontà e vi assicuro che stomaco e intestino vi ringrazieranno! E che dire del lato oscuro della medicina naturale e vibrazionale: anche lì ci sono interessi economici. Quanto mi costa un flaconcino di essenze floreali (oltretutto diluite)? Credo che in questo ambito sia più onesta l'autrice de "Il canto degli alberi", che insegna come prepararsi da sé gli elisir e gli oli vibrazionali a un costo irrisorio (quello del veicolo, acqua od olio). Nella scelta di come affrontare la malattia ci sono tante variabili da valutare e ogni tipo di cura ha i suoi lati positivi e negativi (se vogliamo essere onesti ed equilibrati). La soluzione migliore spesso è l'integrazione, non la demonizzazione della medicina convenzionale.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 14 agosto 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Gli inventori delle malattie e la medicina che non guarisce sono due ottimi testi per aprire gli occhi sul sistema sanitario mondiale...andate a vedere cosa rispondono i medici oncologi quando viene loro chiesto se con certi tipi di tumore si sottoporrebbero alla chemioterapia...Spero che questo giornalista continui a scrivere e ad aggiornarci...

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su