Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

La Mia Fanciullezza con Gurdjieff

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Ecco un libro assolutamente delizioso. Non solo rievoca aneddoti pieni dì spirito, ma è anche colmo di saggezza, la saggezza della vita. Il libro è egualmente ammirabile per la singolarità dell'incontro fra un ragazzino, Fritz Peters, e un essere straordinario [...].

Si deve infatti tener sempre presente che, quando la madre lo affidò a Gurdjieff, che dirigeva allora l'Istituto per lo Sviluppo Armonico dell'Uomo, a Fontainebleau, il bambino ignorava tutto della personalità del suo interlocutore e di quello che egli poteva rappresentare. Ma se ne rese conto ben presto. Ad apertura di libro, si viene immediatamente sedotti da queste due nature così profondamente diverse, e si avverte come tutto, qui, sia molto lontano dalla banalità dei ricordi d'infanzia.

Fritz Peters, il monello, fu abbastanza perspicace da rendersi conto che si trovava in presenza di un uomo assolutamente fuori del comune, di un essere che era stato definito come un maestro, un guru, un profeta [...]. Il libro affascinerà certamente anche chi di Gurdjieff non ha mai sentito parlare. E, in ogni caso, distrugge tutte le assurde leggende del « maestro e diavolo » che sono circolate a suo riguardo, delineando il ritratto di una delle figure più enigmatiche e controverse del nostro tempo. L'ho letto a più riprese, e ogni volta con interesse rinnovato.

In un certo senso, lo considero come qualcosa di eguale ad Alice nel paese delle meraviglie, un autentico gioiello della nostra letteratura.
(Dallo scritto di Henry Miller) 

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 11 settembre 2013

Questo è un libro diverso dai soliti su Gurdjieff. L'autore nipote di Margaret Anderson (sempre allieva di G.) venne mandato per le vacanze estive, a scopo educativo, quando era ancora ragazzino, al Prieuree di Avon, la scuola per lo sviluppo armonico dell'uomo. Il resoconto di quel periodo viene descritto qua; si scopre la figura e il mondo di G. attraverso il punto di vista di un bambino, ignaro dello scopo del 'lavoro', costretto a sottostare a delle regole e a dei regimi di vita che una persona normale di solito non vive...parla di episodi divertenti, dei personaggi che gli ruotano attorno, dei lavori che svolge... E' un libro apparentemente semplice ma da leggere tra le righe...sicuramente da acquistare per chi è appassionato alle idee di Gurdjieff

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su