Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Mysterium Comiunctionis - Terra Celeste

La base ecobiopsicologica delle immagini archetipiche

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In questo primo libro della collana "Quaderni Asolani" troviamo gli interventi di Diego Frigoli, Mara Breno, Alessandra Bracci, Maria Pusceddu, Anna Villa, Silvana Nicolosi, Alda Marini e di Giorgio Cavallari.

Gli studi sull’immaginario hanno sempre oscillato fra due posizioni estreme: quella di considerarlo un “sistema” strutturato sulla base di una logica che riduce la simbolizzazione ad un simbolizzato senza mistero e la posizione opposta, secondo la quale le immagini simboliche fanno riferimento ad un rapporto con gli aspetti archetipici della psiche.

L’ermeneutica ecobiopsicologica si situa in uno spazio nuovo – intermedio – che cerca di conciliare lo spirito sensoriale propria della epistemologia scientifica con la dimensione di quel “vero primordiale” descritto dalla Tradizione. L’immaginario che ne emerge riconosce in sé il “solve et coagula” degli alchimisti, dove non c’è separazione fra la dimensione “infrarossa” della “materia prima” e la coordinazione ritmica delle immagini corrispondenti evocate nella psiche.

La condizione umana della coscienza è definita stato di Mag, termine mutuato dall’antico zoroastrismo per definire quel nuovo stato della psiche presente a sé stesso, e capace di accedere alla realtà degli archetipi nella loro dimensione di strutturazione del corpo come anche delle immagini corrispondenti della psiche.

La rivisitazione del grande lavoro dell’opera di Gaston Bachelard e del suo metodo di studio dei quattro elementi, Terra, Acqua, Aria e Fuoco, condotta secondo la nuova epistemologia ecobiopsicologica ci permette di esplorare più a fondo il denominatore comune archetipico che rappresenta l’asse immaginativo in grado di integrare le “ragioni” della materia con l’esperienza più sottile della psiche, attraverso la facoltà surrealizzante dell’analogia vitale.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su