Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

I Nomi Più Belli di Dio

Lo svelamento del segreto sul loro significato

-15%
I Nomi Più Belli di Dio

  Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 13,60 invece di 16,00 sconto 15%
  • Ibn 'Arabi

  • Tipo: Libro
  • Pagine: 168
  • Formato: 14x20,5
  • Anno: 2011
  • Sconto

Quale significato possiedono ognuno dei cosiddetti «nomi più belli di Dio» e perché l'uomo ne abbisogna? Secondo un celebre hadith, Adamo fu creato a immagine di Allah per costituire la sintesi... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibile per la spedizione entro 5 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 14 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Quale significato possiedono ognuno dei cosiddetti «nomi più belli di Dio» e perché l'uomo ne abbisogna? Secondo un celebre hadith, Adamo fu creato a immagine di Allah per costituire la sintesi microcosmica della creazione: rappresenta lo specchio in cui si contempla la realtà divina ed è anche la pupilla dell'occhio con cui vede.

Dio era, a quel tempo, un tesoro nascosto e volle farsi conoscere, creando l'uomo. Ma l'uomo in realtà non può conoscere direttamente il suo creatore, perché non è concettualizzabile. Perciò Allah gli ha insegnato i suoi nomi più belli tramite la rivelazione, perché con essi lo invocasse e lo ricordasse.

Autore

Ibn 'Arabi - Nacque a Murcia, in Andalusia, nel 1165. Di famiglia nobile e ricca, ebbe un'istruzione di prim'ordine con rinomati maestri di storia, letteratura, poesia, diritto, lettura coranica e tradizioni profetiche. Tra i suoi parenti vi erano asceti e visionari, e Ibn 'Arabi trascorse infanzia e adolescenza in un clima di intensa religiosità di cui peraltro non subì troppo il fascino, dal momento che almeno inizialmente predilesse gli studi e gli svaghi mondani. Verso i vent'anni, però, le esortazioni della sposa Mariam e l'esperienza di una malattia che lo ridusse in punto di morte lo portarono a un mutamento radicale. Ne fu testimone d'eccezione il filosofo aristotelico Averroè: il quale, informato dei doni spirituali concessi a Ibn 'Arabi, volle incontrarlo, rimanendone ammirato. Così Ibn 'Arabi entrò nella vita mistica facendo professione di sufismo.


Torna su
Caricamento in Corso...