Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Non So Niente di Te

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,50
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 334
  • Formato: 14x21,5
  • Anno: 2013

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Fil non è dove dovrebbe essere e non fa quel che dovrebbe fare. Nessuno lo trova, ma lui non s'è perso.

Un romanzo esuberante, un'irresistibile commedia degli equivoci in cui seguendo la storia e le sue giravolte, alla fine ci troviamo a seguire noi stessi. Perché il tempo febbrile che ritma le nostre vite non è l'unico possibile: esiste anche il tempo di chi prova a inventarsi, nell'ombra, un'esistenza diversa.

È un mattino di novembre. Nella sala di uno dei più prestigiosi college di Oxford, centinaia di persone aspettano l'inizio di una conferenza. Dopo qualche minuto entrano - nel silenzio generale - decine e decine di pecore. Bianche, lanose, ordinate, moderatamente belanti. Le guida Filippo Cantirami, giovane economista italiano, che come nulla fosse comincia il suo intervento sulla crisi dei mercati.

Inizia così il nuovo romanzo di Paola Mastrocola, che a poco a poco, alternando toni ironici, riflessivi e fiabeschi, dà forma a una storia che si legge in un soffio e lascia un'eco lunga. Quella incredibile invasione di pecore getterà nel caos i genitori Cantirami, convinti che il figlio modello sia a Stanford a finire un dottorato, e che si ritrovano all'improvviso spiazzati e in ansia. Cosa combina Fil, dov'è finito, chi è veramente? E chi è quel suo compagno Jeremy con il quale ha stretto un patto, che cosa si sono scambiati i due ragazzi, qual è il loro segreto?

Tutti a cercare una risposta, anche la sorella, anche la svagata e fascinosa zia Giuliana: ognuno seguendo una sua pista, facendo le sue indagini, viaggiando da un continente all'altro o dentro di sé, fino a scoprire che probabilmente, a dispetto dei sentimenti più profondi che legano le persone tra di loro, sappiamo ben poco gli uni degli altri. Fil sembra sparito nel nulla, perduto in un mistero. Imprendibile.

E intanto, sullo sfondo, la crisi dei nostri giorni. Ma raccontata da lontano, come guardando il presente dal futuro, tra una cinquantina d'anni.

Filippo Cantirami, il giovane rivoluzionario della Mastrocola, è un ragazzo privilegiato, un personaggio scomodo, di questi tempi: eppure è lui - in virtù dei suoi pensieri, dei suoi silenzi, dei suoi gesti e delle sue scelte - che pagina dopo pagina ci apre al sogno di una vita diversa. Un sogno che ci porta a riflettere sull'idea di tempo e sulla possibilità di metterla in discussione, di ripensarla. Un sogno che inizia con il ronzio di un calabrone e finisce con la ricerca di una libertà che ognuno di noi vorrebbe - anche al prezzo di una rinuncia - riconquistare.

AUTORE

Paola Mastrocola è nata nel 1956 a Torino, dove tuttora risiede. Insegna lettere in un liceo scientifico. Fino al 1999 ha pubblicato poesie e saggi sulla letteratura del Trecento e Cinquecento. Ha esordito con il romanzo "La gallina volante" (2000), vincitore del Premio Calvino. Finalista al Premio Strega nel 2001 con "Palline di pane" e vincitrice del Premio Campiello nel 2004 con "Una barca nel bosco", ha poi pubblicato, tra gli altri, "La scuola raccontata al mio cane" (2004), "Che animale sei?" (2005), "Più lontana della luna" (2007), "La felicità del galleggiante" (2010), "Togliamo il disturbo. Saggio sulla libertà di non studiare" (2011), "Non so niente di te" (2013) e "L'esercito delle cose inutili" (2015).

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 15 giugno 2013

Libro scorrevole, affascinante, piacevolissimo e anche interessante per le profonde riflessioni sull'esistenza, sul senso delle azioni, delle scelte, dei condizionamenti, dei rapporti familiari e altro ancora. A me è piaciuto molto e il protagonista mi ha coinvolto nel suo percorso di ricerca, di tormento, di creatività applicata alle piccole cose di tutti i giorni. La scelta finale mi ha un po' delusa (avrei preferito le pecore), ma le ultimissime pagine sono commoventi e toccanti (vedi il personaggio molto accattivante e ben delineato di Jeremy). A me la Mastrocola continua a piacere anche se non è più leggera e spiritosa come nei suoi primi libri; semmai è maturata e sa toccare corde molto più nascoste.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 1 giugno 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Filippo Cantirani è sempre stato un figlio perfetto per i genitori, fino a quando a loro giunge voce che abbia tenuto una conferenza sull'algoritmo in un prestigioso college universitario di Oxford ,portandosi dietro un gregge di 200 pecore. Com'è potuto accadere? Sarà un errore, sicuramente non si tratta del loro Filippo. E da qui la storia si dipana, in modo imprevedibile, grottesco, o, invece, amaramente prevedibile. Quanto conosciamo, noi genitori, i nostri figli? E quanto i ragazzi, pur di essere accettati da noi, si uniformano ai nostri desideri ? Romanzo di piacevole lettura, che tocca temi assai importanti della relazione genitori/figli.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su