Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00
-15%
Onore al Sintomo

  Clicca per ingrandire

Onore al Sintomo

Gabriella Ripa di Meana

Questo libro individua nel tempo in cui viviamo il lavorìo incessante di un’ossessione ipocondriaca, medicale e pragmatica per lo più insofferente a quanto non rientra nei calcoli e, inatteso,... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 13 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Questo libro individua nel tempo in cui viviamo il lavorìo incessante di un’ossessione ipocondriaca, medicale e pragmatica per lo più insofferente a quanto non rientra nei calcoli e, inatteso, sorprende. Allora propone a ciascuno di ricordare come, proprio grazie a quello scomodo sconosciuto che è il sintomo, l’essere umano possa ritrovare la sua complessità di creatura divisa destinata come tale a un’alterità senza repliche.

La parola ‘sintomo’ è prima di tutto figlia del linguaggio medico. Per la medicina si tratta di un fenomeno elementare con cui si manifesta uno stato di malattia. Il sintomo è un indice. Indice di una latenza patologica, di un’irregolarità del funzionamento ideale di un organismo. Ecco perché d’abitudine è vissuto soltanto come l’effetto di una condizione incoerente e viziata da eliminare.

Ma il sintomo non coincide semplice-mente con il fenomeno fisico in sé, quanto piuttosto con la relazione tra questo fenomeno e l’esistenza negata di un altro sentire e di un altro dire. Perciò il concetto di sintomo implica quello di legame: il legame tra una superfìcie e la sua profondità, tra la solitudine di un io e la presenza di un altro.

Il sintomo merita dunque che gli si renda l’omaggio dovuto. Provare a rendere onore al sintomo nulla ha a che vedere con una sua esaltazione. Nessuna idealizzazione del sintomo, però anche nessun biasimo, imbarazzo, umiliazione e onta. Nessuna riluttanza, né corsa ai farmaci, allo psicoadattamento, alla condanna sociale, alla paura. Viceversa accoglienza per questo dolente straniero che ci abita; ascolto e omaggio alla sua parola in modo da poter intendere quanto di imprevisto, e talvolta di migliore, ha da offrirci.

Autore

Gabriella Ripa Di Meana, psicanalista, è nata a Roma nel 1946. Oltre ad aver pubblicato saggi di cllnica e di teoria analitica su riviste e antologie italiane e straniere è autrice.


Torna su
Caricamento in Corso...