-15%
Il Percorso di Sri Ramana - Parte 1

  Clicca per ingrandire

Il Percorso di Sri Ramana - Parte 1

L'aspetto Jnana dell'insegnamento

Sri Sadhu Om

Prossima Uscita Luglio 2018

Avvertimi quando è disponibile
Salva nella lista dei preferiti
Altri Libri come Il Percorso di Sri Ramana - Parte 1

Descrizione

È un fatto noto ai devoti di Sri Ramana che l’“Indagine del Sé” ( o Auto-indagine o Atma-Vichara ) e la “Resa al Sé” sono i suoi due veri insegnamenti. Dell’Indagine del Sé o dell’aspetto Jnana (o conoscitivo) dell’insegnamento si tratta in questo volume, mentre “Il percorso di Sri Ramana Parte 2” descrive la via della “Resa dell’io al Sé” o della “Devozione e dell’Amore” oltre agli insegnamenti di Ramana su Dio, il mondo, l’amore, il Karma, la rinascita, ecc.. Sri Sadhu Om spiega nei primi tre capitoli del libro la vera natura della felicità e la ragione per la quale possiamo vivere l’esperienza eterna dell’infinita felicità solo praticando l’investigazione del Sé.

Nel quarto capitolo egli completa la fondazione teorica dell’auto-indagine spiegando ciò che siamo e cosa non siamo e nei successivi quattro capitoli chiarisce, soprattutto da un punto di vista pratico, ciò che è vera “Indagine del Sé” e che cosa non lo è, spiegando in grande dettaglio perché possiamo conoscere noi stessi solo dando attenzione a noi stessi, il nostro essenziale essere autocosciente, “Io sono”, e non dando attenzione a qualsiasi altra cosa.

Oltre a questi otto capitoli, che costituiscono il corpo principale del libro, l’opera contiene anche una breve storia della vita di Sri Ramana e tre appendici. L’Appendice Uno contiene una traduzione completa di Nan Yar? (Chi sono io?), la più importante opera in prosa di Sri Ramana, che spiega in dettaglio la filosofia e la pratica dell’Atma-Vichara o dell’Indagine del Sé. Le altre due contengono importanti testi selezionati da altre opere di Sadhu Om e da alcuni articoli che nell’insieme aiutano nella comprensione di vari aspetti degli insegnamenti di Ramana qui trattati.

Autore

Sri Sadhu Om - Foto autore

Sri Sadhu Om è nato nel 1922 nel distretto di Thanjavur (Tamil Nadu- India). Sin dalla sua prima infanzia era portato alla spiritualità. Mostrava grande abilità, fin da ragazzo, nella poesia Tamil e nella letteratura. È stato inoltre un bravo musicista e cantante, un lucido scrittore e un brillante filosofo. Aveva il raro dono di sapersi esprimere con semplicità e chiarezza ed i suo scritti sono capolavori di capacità comunicativa. Per questo una volta scomparso Ramana molti devoti si sono rivolti insistentemente a lui per avere spiegazioni e chiarimenti sulla dottrina del Maestro. Le sue opere (Il percorso di Sri Ramana, volume 1 e 2) sono considerate le più chiare e complete spiegazioni degli insegnamenti di Sri Ramana ad oggi esistenti assieme a Sadhanai Saram (L’Essenza della Pratica Spirituale) ritenuta la loro terza parte. Ha scritto inoltre molte canzoni e migliaia di versi inneggianti alla spiritualità e Sri Ramana. Nel 1945 incontrò per la prima volta Ramana e non lo abbandonò più fino alla sua scomparsa avvenuta nel 1950. Successivamente collaborò per molti anni con Muruganar (ritenuto il più importante discepolo di Ramana), tanto da essere da questo nominato suo erede letterario. Data la perfetta conoscenza del Tamil classico e moderno e, entro certi limiti, anche dell’inglese, Sadhu Om ha tradotto le principali opere di Ramana e di Muruganar, prima in prosa Tamil moderna e poi in inglese (aiutato in questo, nell’ultimo decennio della sua vita, da M. James). Fra tutte spicca la traduzione di La ghirlanda di detti del Guru di Muruganar, che non solo è stata tradotta ma è stata anche da Lui estesamente commentata così da renderla chiara e comprensibile ai molti. Nel 1985 Sadhu Om ha abbandonato il corpo e la sua eredità è stata in un certo qual modo assunta da M. James. Per dare un’idea di Sadhu Om diremo che similmente a Sri Ramana ha sempre ritenuto di non dover imporre le proprie idee. Il principio alla base di tutti i suoi atti è stato “Non bisogna aprire la porta a meno che qualcuno non abbia bussato”. Ha cercato rigorosamente di evitare di manifestarsi esteriormente per insegnare, tenere conferenze, cercare di illuminare il mondo ecc…. Ciononostante è stato sempre pronto e disponibile ad elargire la sua conoscenza a chi “bussava alla sua porta”.


Torna su
Caricamento in Corso...