Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

La Porta della Felicità

Lo yoga in classe per educare

-15%
La Porta della Felicità

  Clicca per ingrandire

Questo libro, denso ma agile, è per "l'insegnante che bussa alle porte della mente". L'insegnante che si dedica a scoprire le risorse interiori dei bambini, quelle più visibili e quelle più... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 14 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Questo libro, denso ma agile, è per "l'insegnante che bussa alle porte della mente". L'insegnante che si dedica a scoprire le risorse interiori dei bambini, quelle più visibili e quelle più riposte, entra in una dimensione assai più vasta delle sue conoscenze, scopre nuovi e insospettabili tratti delle personalità dei bambini.

Infatti, in ogni bambino una scintilla di creatività, gioia ed energia può aprire ad un illimitato potenziale interiore. Lo yoga con i bambini è uno straordinario linguaggio per accedere al loro mondo interiore, comunicando con il corpo. Lo yoga, ossia "unione", è la disciplina millenaria per l'integrazione armonica di tutte le componenti del nostro essere. Le numerose proposte di yoga e rilassamento contenute in questo libro sono molto semplici. I bambini le seguiranno con naturalezza ed entusiasmo, se insegnate da un adulto che le abbia sperimentate non solo intellettualmente.

Il bambino non è come un puzzle. Non si educa per pezzi, ma insieme, come un'unica persona. Allora, non c'è sviluppo intellettuale senza quello fisico, affettivo e della volontà. Senza un'educazione a valori, come la pace, la tolleranza e il coraggio, che aiutano il bambino a integrare mente e cuore, a sentirsi in unione con tutti. Eppure i bambini hanno crescenti difficoltà a riconoscere le proprie emozioni. Sono spinti, infatti, a concentrarsi sugli oggetti posseduti e, di conseguenza, sull'immagine di sé così come percepita dagli altri. La crescente disabitudine a guardarsi dentro conduce all'incapacità di osservare le proprie emozioni e sentimenti.


Torna su
Caricamento in Corso...