Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 27 punti Gratitudine!


Problemi dell'Avvenire

La civiltà dello spirito

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 13,17 invece di 15,49 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 244
  • Formato: 17x24
  • Anno: 1990

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In questo libro, scritto di getto per via ispiratlva, l'Autore affronta il problema psicologico, filosofico e scientifico del nostro tempo. Pietro Ubaldi parte qui da una posizione psicologica di disperato scetticismo in cui è caduto, negando tutto ciò che di più ideale e utopistico aveva prima concepito.

Questo non per un freddo artificio fiFosofico, ma per avere realmente vissuto tale negativo stato d'animo secondo il fenomeno, ampiamente  spiegato, della  « personafità oscillante » e delle relative verità parziali che vi ineriscono, ma mediante le quali la vita avanza, per sintesi progressive, verso una soluzione unitaria e organica dell'esistenza.

Libro quindi  sofferto, aderente alla dura realtà storica della vita, in cui vengono inquadrati e risolti problemi vecchi ancora in discussione come il determinismo e il libero arbitrio, la lotta e la selezione, l'evoluzione; e problemi nuovi secondo gli ultimi orientamenti della scienza quali quelli posti dalla Relatività di  Einstein: il continuum spazio-tempo o quarta dimensione, lo spazio curvo e la sua espansione, l'evoluzione delle dimensioni e della coscienza umana verso universi pluridimensionali  ecc., tutta una problematica infine in cui la scienza oggi si muove alla scoperta di Dio per un nuovo prossimo umanesimo integrale che costituirà la nuova civiltà dello spirito del terzo millennio.

AUTORE

Pietro Ubaldi (1886-1972) fu profondo studioso di scienze psichiche e spirituali, possedendo in sommo grado una preziosa facoltà medianico-intuitiva che gli ha permesso di realizzare la sua grandiosa Opera di portata universale. Molto noto in Italia negli anni Trenta e Quaranta, Ubaldi può a buon diritto essere considerato tra i più alti e ispirati esponenti di quel genio italico che purtroppo solo in terra straniera trova il giusto riconoscimento dei propri meriti e del proprio valore. Infatti, in Brasile - dove egli si traferì e concluse la sua esistenza terrena - nel 1966 la sua Opera fu simbolicamente consegnata alle autorità governative e culturali: oggi in quel Paese costituisce un importante fondamento di conoscenza scientifica e spirituale.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su