Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

In Rifornimento

Avvertimi quando disponibile

La Prova dell'Anima

Scene di vita a seguito de "La Porta dell'Iniziazione"

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Rudolf Steiner scrisse quattro misteri drammatici:

La porta dell'iniziazione nel 1910
La prova dell'anima nel 1911
Il guardiano della soglia nel 1912
Il risveglio delle anime nel 1913

Essi furono rappresentati per la prima volta a Monaco di Baviera solo per i soci della Società Teosofica, più tardi Società Antroposofica, rispettivamente il 15 agosto 1910, il 17 agosto 1911, il 24 agosto 1912 e il 22 agosto 1913, sempre con la regia dell'Autore e con attori non tutti professionisti.

Per l'agosto 1914 era previsto un quinto dramma che Rudolf Steiner aveva già concepito e che avrebbe scritto all'inizio delle prove, come già aveva fatto per gli altri misteri drammatici, ma lo scoppio della guerra impedì la manifestazione.
Per l'estate 1923 era prevista la rappresentazione dei quattro misteri drammatici nel primo Goetheanum, e ne erano già iniziati i preparativi, ma l'incendio del Goetheanum, avvenuto la notte di S. Silvestre 1922/23 ne impedì la realizzazione.

Dopo la morte di Rudolf Steiner (1925), per l'inaugurazione del secondo Goetheanum furono eseguiti il 30 settembre 1928 e il 4 ottobre 1928 i primi due misteri drammatici, e qualche tempo dopo gli altri due (29 settembre 1929 e 10 giugno 1930), con la regia di Marie Steiner.

Durante il Convegno di Natale 1930 furono rappresentati sempre al Goetheanum, e tutti quattro insieme, i misteri drammatici per i soci della Società Antroposofica, e nell'agosto del 1934 di nuovo per il pubblico. Da allora vengono spesso rappresentati al Goetheanum, insieme o anche separatamente.

AUTORE

Rudolf Steiner è stato un filosofo, architetto e riformista austriaco. E’ stato il fondatore dell’antroposofia, una corrente esoterica che mischia diversi dettami della scuola teosofica e filosofico - idealista tedesca del tempo. Sin dai primi anni della sua formazione culturale, Steiner ambì a trovare la sintesi perfetta tra misticismo e scienza.

Questa ricerca continua lo portò, dopo aver conseguito il dottorato, a trasferirsi da Vienna a Weimar per lavorare al Goethe und Schiller Archiv, l’archivio Goethe. Questo lavoro gli permise di pubblicare il saggio “Introduzione agli Scritti Scientifici di Goethe” e di maturare la sua personale visione del mondo.


Nel 1894, pubblicò il suo saggio più importante, “La Filosofia della Libertà”, che proponeva un concetto rivoluzionario per l’epoca: la scoperta che il pensiero può portare alla realizzazione dello spirito del mondo.

Il tomo non raggiunse molto successo ma Steiner aveva creato una solida base per la conoscenza dello spirito, e si sentiva in grado di portare avanti le sue ricerche in questo campo senza alcuna remora. Inoltre, il lavoro su “La Filosofia della Libertà” gli permise di sciogliere una serie d’enigmi sull'esistenza che lo perseguitavano da tempo.

Le intuizioni contenute in “La Filosofia della Libertà” sono alla base dell’eredità di Steiner e hanno contributo in modo essenziale allo sviluppo delle scienze moderne. In particolare della Medicina. A Steiner, infatti, si deve il movimento della scuola Waldorf, che ha creato un approccio educativo basato sulla comprensione e l’amore.

Oggi, le scuole Waldorf sono in tutto il mondo.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 14 agosto 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

altro libro di steiner illuminante che spiega concetti importantissimi che bisogna leggere più volte per poterli assimilare e fare propri.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su