Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Psichiatria e Culture

Una prospettiva transculturale

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 338
  • Formato: 13x21
  • Anno: 2008

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

«Un'analisi comparativa delle condizioni psichiatriche e dei modi in cui queste vengono trattate in culture diverse».

Osservare popolazioni di terre lontane comportarsi in modo strano, e a volte incomprensìbile, presenta un innegabile fascino. Siamo indotti a riflettere su quegli aspetti del nostro comportamento così radicati nella nostra cultura da essere ritenuti naturali.

Quando ad esempio si osservano gli indù bruciare in pubblico i loro morti e spargerne le ceneri nel fiume, sorge il dubbio che la nostra abitudine di sotterrare i morti, possa essere considerata dagli indù una pratica altrettanto strana. Tale dubbio risulta ancora più evidente analizzando le manifestazioni delle malattie mentali, frequenti in tutte le società umane, la loro frequenza e decorso e il modo in cui vengono trattate nelle diverse culture. In quello che è ormai un classico della psichiatria transculturaie, Julian Leff si è interrogato su cosa si possa considerare mentalmente anormale, e se sia possibile determinare degli standard assoluti di anormalità.

Esaminando la situazione delle malattie mentali in una molteplicità di culture diverse, ha messo in discussione tutti i taciti assunti di questa branca della medicina: ha mostrato come esistano prove di caratteristiche umane universali nell'ambito della schizofrenia che «risulta essere riconoscibile con le stesse caratteristiche nelle più diverse culture», e come queste siano altrettanto valide e importanti delle differenze e delle variabili culturali.

AUTORE

Julian Leff è professore di Social and Cultural Psychiatry all'lnstitute of Psychiatry di Londra. Membro del Medicai Research Council, ha svolto la propria ricerca nel campo dell'influenza dell'ambiente familiare sulle malattie psichiatriche e non, dei fattori sociali della schizofrenia in una prospettiva psichiatrica transculturale e delle minoranze etniche. Ha insegnato presso lo University College Hospital (UCH) e il Maudsley Hospital; nel corso della sua lunga carriera, ha pubblicato più di duecento articoli, numerose pubblicazioni e nel 1976 ha ricevuto il premio Starkey della Royal Society of Medicine per il suo straordinario contributo alla ricerca psichiatrica, mentre nel 1999 gli è stato conferito il Burgholzli Prize.

 

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su