-15%
Il Quaderno dell'Orto di Casa Mia

  Clicca per ingrandire

Il Quaderno dell'Orto di Casa Mia

Erio Bernard , Orfeo De Nardi

  • Prezzo € 7,65 invece di 9,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 79
  • Formato: 15x21
  • Illustrato in bianco e nero
  • Anno: 2017
  • Sconto

Dalla Prefazione: "Camminando per vie e sentieri delle nostre colline e montagne si incontrano piccoli coltivi: filari di viti sorrette da pali di acacia, castagno oppure tenute in piedi da piante... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 8 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Dalla Prefazione:

"Camminando per vie e sentieri delle nostre colline e montagne si incontrano piccoli coltivi: filari di viti sorrette da pali di acacia, castagno oppure tenute in piedi da piante vive come il salice, pergole di noah, bianca o nera, filari incompleti di gelsi, roje e canalette per lo sgrondo dell’acqua, muri a secco che sorreggono piccoli orti... sono solo alcuni dei sistemi adottati dall’uomo per rendere coltivabile e produttiva la terra.

Con il passaggio da una società contadina ad industriale tutta questa fitta rete di “segni” va lentamente sparendo.

La presenza dell’uomo agricoltore nell’ambiente, aveva permesso la messa in sicurezza del territorio, oggi completamente abbandonato a se stesso.

L’orto familiare delle Prealpi è una piccola parte del complesso mondo rurale, ricco di valori, tradizioni e pratiche nate in stretta relazione con l’ambiente. È ancora oggi un elemento culturale forte, marcato, legato all’identità di un mondo contadino vitale, eppure poco indagato.

Gli orti, assieme a pascoli, casere, boschi, prati, sentieri, sono una testimonianza e un segno che appartengono a pieno titolo al passaggio culturale che stiamo vivendo. La storia degli orti non è stata studiata, e poco spazio viene dedicato allo studio di questa forma, così antica e tradizionale di coltivazione."


Torna su
Caricamento in Corso...