Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 48 punti Gratitudine!


Quando Saremo a Reggio Emilia

Gli psicologi, il welfare e le trasformazioni della società reggiana dal dopoguerra ai giorni nostri

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Un territorio, la provincia di Reggio Emilia, sottoposto nell’arco di pochi decenni a torsioni e trasformazioni che altrove hanno richiesto lo sforzo di sette, otto generazioni.

Società contadina fino alle soglie del boom, per poi diventare industriale, ed ora nell’arco di soli 60 postindustriale e multietnica.

Un welfare locale che nasce dall’alleanza fra amministratori, e soprattutto amministratrici accorte, figlie della Resistenza e della ricostruzione, e giovani – soprattutto giovani donne – che attraverso una critica e una pratica conseguente riescono a far diventare Reggio un luogo di sperimentazione di quel welfare dei servizi che è la risposta comunista al dispendioso e clientelare welfare democristiano dei sussidi. E poi il processo di istituzionalizzazione del welfare, il suo culmine ed il suo declino.

Il welfare reggiano come luogo in cui si forgiano nuove identità professionali: quella dello psicologo “pubblico”, dell’educatrice di asilo nido; e vecchie identità - come quelle dello psichiatra, del maestro, etc. – si ritemprano nel lavoro e nella riflessione sul lavoro.

Il welfare dei servizi come qualcosa che rimane, al contrario di quello dei sussidi che disperde le risorse in mille e mille rivoli. Rimane e sedimenta nel tempo strutture e soggetti portatori di una cultura dei servizi. Ma anche vantaggi sul piano redistributivo. Nonché risorse in grado di aiutare singoli, gruppi e generazioni a rimanere se stesse nel cambiamento, e a non cadere in una situazione di anomia.

Tutto questo è nel testo “Quando saremo a Reggio Emilia – Il welfare e le trasformazioni della società reggiana dal dopoguerra ai giorni nostri”.

Una storia raccontata dall’interno, da Leonardo (Dino) Angelini: uno psicologo che ha cominciato ad operare all’inizio degli anni ’70 nel CIM di Jervis, che ha contribuito alla formazione delle successive coorti di operatori della santità, della scuola e dei nidi della provincia dialogando con migliaia di essi.

AUTORE

Leonardo Angelini, psicologo psicoterapeuta, già Responsabile del Consultorio Giovani OPEN G dell’Ausl di Reggio Emilia, attualmente Responsabile di Free Student Box, supervisore di Gancio Originale e Presidente dell’Ass. di Prom. Soc. “Amici di Gancio”.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su