Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Quartine Esoteriche

Testo persiano a fronte

-15%
Quartine Esoteriche

  Clicca per ingrandire

L'approccio al Sufismo di Abu Said Abul-Khayr si rifa all'insegnamento e alle esperienze dei grandi mistici del passato come Bayazid Bistami e Mansur al-Hallaj, non filtrato o alterato da alcuna... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 9 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

L'approccio al Sufismo di Abu Said Abul-Khayr si rifa all'insegnamento e alle esperienze dei grandi mistici del passato come Bayazid Bistami e Mansur al-Hallaj, non filtrato o alterato da alcuna forma di ragionamento filosofico. Il tema principale della sua poesia è la liberazione dall'ego, considerato la sola causa della separazione da Dio.

...uomo pur molto dotto nelle scienze tradizionali, egli scelse la quartina per abbellire e rendere più vivida a quelli che si affollavano alle sue "sedute" (maj'les) mistiche - talvolta accompagnate da musica, canto e danze estatiche - la sua predicazione teorica...

Autore

Abu Said Abul-Khayr (967-1049), poeta Sufi, fu originario della città di Mayhana (o Mìhna), capoluogo del distretto di Khawaran (attuale Razavi Khorasan). Ciò che sappiamo di lui e della sua opera proviene essenzialmente dagli Asrnr al-Taivhid ("I misteri dell'Unità") di Muhammad ibn al-Munawwar. È ritenuto uno dei più antichi quar-tinisti persiani. Abul-Khayr appartenne alla cerchia dei mistici di Nìshàpur e studiò sotto la guida di diversi maestri sufi, aderendo alla scuola giuridica sciafeita e all'approccio teologico asharita. Dopo la morte dei genitori si ritirò a condurre una vita da eremita per la durata di sette anni, tra la sua città natale e Abìward, e tra Merv e Sarakhs. Per un anno risiedette poi in un eremo di Àmul, la città più importante del Mazandaran. Dal 1009 al 1049, anno della morte, si spostò solo occasionalmente, alla volta di Nishàpùr e di Kharaqàn.


Torna su
Caricamento in Corso...