Ore 00
Min. 00
Sec. 00
-5%
Il Ricordo di Sé

  Clicca per ingrandire

Il Ricordo di Sé

Le tecniche della Quarta Via

Robert Earl Burton

( 29 Recensioni Clienti )

  • Prezzo: € 13,30 invece di € 14,00 sconto 5%

    o 3 rate da € 4,44 senza interessi. Scalapay

  • Disponibilità Immediata (consegna in 24/48 ore)

"Il Ricordo di sé: Le Tecniche della Quarta Via" è un testo rivoluzionario che mette in luce gli insegnamenti e le pratiche della Quarta Via, un percorso spirituale reso popolare da Gurdjieff e... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Potrebbero interessarti anche:

-5%
Il Potere di Adesso

€ 17,10 € 18,00

-5%
Il Destino Come Scelta

€ 17,57 € 18,50

-5%
Le Pratiche di Gurdjieff

€ 18,52 € 19,50

-5%
Vedute sul Mondo Reale

€ 12,82 € 13,50

-5%
La Quarta Via

€ 22,80 € 24,00

-5%
Vedute sul Mondo Reale

€ 16,15 € 17,00

-50%
Non è un Caso! Coincidenze?

€ 7,50 € 15,00

-5%
Il lavoro pratico su se stessi

€ 13,30 € 14,00

-5%
La Macchina Biologica Umana

€ 14,72 € 15,50

-5%
Quinta Dimensione

€ 15,20 € 16,00

-5%
La Realtà dell'Essere

€ 19,95 € 21,00

Descrizione

"Il Ricordo di sé: Le Tecniche della Quarta Via" è un testo rivoluzionario che mette in luce gli insegnamenti e le pratiche della Quarta Via, un percorso spirituale reso popolare da Gurdjieff e Ouspensky. L'autore, Robert Earl Burton, utilizza oltre vent'anni di esperienza nella pratica del ricordo di sé per guidare il lettore verso un risveglio della coscienza umana oggettiva, libertà personale e un'esistenza superiore post-mortem.

Parole chiave

  • Quarta Via
  • Robert Earl Burton
  • Gurdjieff
  • Ouspensky
  • Ricordo di sé
  • Coscienza umana
  • Sviluppo personale
  • Libertà personale

Temi trattati

  1. Importanza del ricordo di sé come base per il cambiamento radicale nella consapevolezza.
  2. Confronto tra la Quarta Via e le altre tre vie spirituali: fachiro, monaco, yogi.
  3. Metodi pratici per mantenere l'attenzione durante la vita quotidiana.
  4. Collegamenti tra la pratica del ricordo di sé e concetti buddhisti come la presenza mentale e il non attaccamento.

Per chi è il libro

Questo libro è ideale per chi è alla ricerca di un percorso spirituale che non richieda il ritiro dal mondo moderno. È adatto anche per chi desidera esplorare temi di sviluppo personale, consapevolezza e spiritualità da una prospettiva diversa. Anche se non sei familiare con gli insegnamenti di Gurdjieff e Ouspensky, troverai in questo volume strumenti preziosi per il tuo viaggio interiore.

Perché leggere questo libro

  • Per comprendere la profondità e la pratica del ricordo di sé, un concetto fondamentale nella Quarta Via.
  • Per scoprire come raggiungere stati mistici di coscienza e una connessione più profonda con la realtà.
  • Per esplorare un percorso spirituale che puoi praticare mentre sei impegnato nella vita quotidiana.

Conclusione

"Il Ricordo di sé: Le Tecniche della Quarta Via" di Robert Earl Burton è una guida essenziale per chiunque sia interessato all'evoluzione della propria coscienza e al raggiungimento di un livello superiore di esistenza. Burton attinge dalla saggezza della Quarta Via per offrire un manuale pratico e profondo che può essere applicato nella vita di tutti i giorni.

Acquista il libro per iniziare il tuo viaggio verso un esistenza più significativa e consapevole.

Indice

Introduzione

  • Essere presenti
  • Il ricordo di sé
  • L'attenzione divisa
  • Risultati del ricordo di sé
  • La macchina
  • Falsa personalità ed essenza
  • I respingenti e i molti "Io"
  • Immaginazione e identificazione
  • L'attrito
  • Fare sforzi
  • La sofferenza
  • Trasformazione ed emozioni negative
  • Scala e relatività
  • Il tempo
  • La morte
  • La consapevolezza
  • I centri superiori
  • Il corpo astrale
  • Il sé
  • L'influenza C.
  • L'arte
  • La Quarta Via
  • L'uomo numero quattro
  • La scuola

Glossario

Dettagli Libro

Editore Astrolabio Ubaldini Edizioni
Anno Pubblicazione 1994
Formato Libro - Pagine: 171 - 15x21cm
EAN13 9788834011362
Lo trovi in: Georges Gurdjieff
Posizione in classifica: 768° nella classifica Libri ( Visualizza la Top 100 libri )

Approfondimenti

Estratto da "Il Ricordo di Sé":

"Non è facile parlare del ricordo di sé, poiché nella sua forma più alta è un processo non verbale. [...] Tutti abbiamo fatto l'esperienza di ricordare noi stessi [...]. Mentre uno ricorda se stesso, sta nel contempo creando il proprio sé [...]. Le nostre vite si compongono di tanti momenti ordinari, tanti comuni miracoli. Gran parte del ricordo di sé consiste nel riconoscere ciò che di sublime vi è nell'ordinario. Dobbiamo ricordarci di apprezzare la natura semplice, non declamata del ricordo di sé. [...] Uno dei modi migliori per lavorare sul ricordo di sé è di liberarsi da tutto ciò che non lo è. [...]

Omar Khayyam disse: «Una cosa è certa... e il resto è menzogna». Il ricordo di sé è l'eterna verità che con maestria affronta l'eterna bugia. [...] Siamo abituati all'irreale. Gurdjieff intitolò una delle sue ultime opere La vita è reale solo quando «Io sono». Per noi e per lui, ciò significa che la vita è reale solo quando si ricorda se stessi. [...]

Ricorda te stesso un poco per volta.

Se stai ricordando te stesso senza che gli altri se ne accorgano, vuol dire che lo stai facendo con successo. Se la falsa personalità recita come fosse ricordo di sé, stai svalorizzando te stesso. Generalmente la natura umana non sa vedere l'ovvio [...]. Uno stato neutrale non è una condizione vegetativa, ma uno stato di non attaccamento che rifugge dall'immaginazione; è uno stato di ricordo di sé. I momenti della nostra vita di cui conserviamo un ricordo vivido sono momenti di ricordo di sé. [...] Potete ricordare voi stessi di più se non desiderate che il momento sia diverso da quello che è.

Il ricordo di sé è la ricompensa di se stesso. È un processo immortale, non annunciato con clamore, né sensazionale. Ogniqualvolta ricordate voi stessi producete un bagliore di eternità che non morirà, mentre tutto ciò che è fisico è destinato a morire. [...] A proposito della scultura, Michelangelo disse che egli rimuoveva ciò che non era necessario. Lo stesso vale per il ricordo di sé. Le nostre vite sono come sculture dalle quali, ogni giorno, eliminiamo a colpi di scalpello ciò che è inutile. [...] Benché la falsa personalità voglia renderlo complicato, il risveglio è davvero molto semplice. [...]

Cosa devo fare?

Quando mangi, gusta il tuo cibo. Quando ascolti, fai lavorare le tue orecchie, non lasciarle semplicemente appese lì a oziare. Guarda con occhio attivo, non passivo. Sarà il tuo cuore a guidarti e lui sa quello che è giusto. [...] Uno dei miei commenti preferiti a proposito del ricordo di sé, benché egli non lo chiamasse in questo modo, è di Walt Whitman: «Qui la profonda lezione dell'accettazione: né preferenza né diniego». In altre parole, semplicemente accettare ciò che ogni momento offre. Il ricordo di sé produce un'unità delle parti [...]. Il sé è ri-membrato, riunito, e ci troviamo in uno stato di unità. [...]

Il ricordo di sé è un'esperienza molto essenziale. Quando le idee divengono troppo complicate vuol dire che la falsa personalità si è introdotta nel proprio lavoro. [...] Il ricordo di sé non è una cosa sensazionale [...]. Qualcosa, da dentro, guarda tranquillamente, senza parole. Ciò che realmente uno possiede è senza parole e sbircia dalla propria fronte. È il proprio sé, bambino [...]. La grande verità in mezzo alla grande menzogna" (pp. 20-27).

Autore

Robert Earl Burton - Foto autore Robert Earl Burton è il fondatore della Fellowship of Friends, un'organizzazione con base in California, USA, che si presenta come una scuola di sviluppo spirituale. La Fellowship of Friends attinge da una varietà di tradizioni spirituali e filosofiche, compresa la Quarta Via, un sistema di sviluppo personale introdotto dai filosofi russi Georges Ivanovich Gurdjieff e Peter Ouspensky. Burton e i suoi allievi acquistano una vasta proprietà nel Nord della California e la ribattezzano Renaissance (in seguito Apollo). Situata alle pendici della Sierra Nevada, Apollo comprende un vigneto a... Continua a leggere la Biografia di Robert Earl Burton
Recensioni Clienti

4,59 su 5,00 su un totale di 29 recensioni

  • 5 Stelle

    75.86%
    76%
  • 4 Stelle

    13.79%
    14%
  • 3 Stelle

    6.9%
    7%
  • 2 Stelle

    0%
    0%
  • 1 Stelle

    3.45%
    3%

Ti è piaciuto questo libro?
Scrivi una recensione e guadagna Punti Gratitudine!

Scrivi una recensione!

Giuseppe

  Acquisto verificato

Voto:

Testo di significativo apporto contenutistico a chi si è già confrontato con la pratica del "ricordo di sé" gurdjeffiano, ed utile a chi vuole farsi una idea di cosa voglia dire praticare il "ricordo di sé".

Edmondo

  Acquisto verificato

Voto:

Il libro di Robert Burton l'ho trovato fondamentale per chi vuole fare un lavoro su di sè. Si rivolge innanzitutto al piano mentale, pertanto chi cerca un testo che "smuova" a livello emotivo potrebbe trovarsi meglio a cercare altrove. È un testo molto adatto invece per chi vuole avere le idee più chiare del sistema della quarta via. Al termine del libro c'è un glossario molto chiaro dei termini che utilizza. Sembra scontato, ma leggendolo lentamente e con uno sforzo costante di rimanere presenti nella lettura (come andrebbe letto un libro, ma in generale un libro di questo tipo) il testo può aiutare a passare dalla comprensione all'azione nella vita quotidiana.

peppe

  Acquisto verificato

Voto:

un po'ripetitivo, ma tratta ciò che è più importante per la nostra vita: la conoscenza e l'espressione di sè. Consigliato!

Simone

  Acquisto verificato

Voto:

E' un altro libro consigliato da Salvatore Brizzi come strumento fondamentale per la vita e per chi pratica il lavoro su di sé

Fabrizio

  Acquisto verificato

Voto:

Un bel libro di aiuto per la propria crescita personale.Va letto con molte pause,e molti silenzi,giusto per accordarsi al contenuto del libro.

Caricamento in Corso...