Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 27 punti Gratitudine!


La Risorsa Infinita

Per una società democratica della conoscenza

 
-15%

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

L'attuale modello di sviluppo non è sostenibile per - almeno - tre ordini di motivi:

  • È basato su un consumo di fonti energetiche fossili cosí elevato da comportare, entro pochi decenni, l'esaurimento delle riserve del pianeta.
  • L'impatto ambientale indotto innescherà mutamenti meteo climatici globali catastrofici.
  • Uno sviluppo economico trainato da un unico motore - la generazione di profitto per i soggetti mondiali piú forti - amplifica vieppiú la forbice fra l'esagerata ricchezza a disposizione di pochi, e la fame e la miseria dei piú; inducendo tensioni socio-politiche cosí forti e "oggettive" che non potranno essere a lungo controllate.

Questo libro che analizza questi scenari e prefigura possibili alternative, è articolato in sei parti:

  1. Mercato e conoscenza, dove viene analizzato l'ingresso prepotente, sulla scena del mercato globale, di un nuovo attore che si candida ad assumere il ruolo di protagonista: la conoscenza. Una risorsa che, in virtú della sua immaterialità e di altre proprietà, detta all'economia nuove regole e nuovi comportamenti.
  2. La sostenibilità ecologica: analizziamo come l'attuale modello economico/culturale, sia "non sostenibile", cioè incompatibile con la finitezza del contenitore Terra.
  3. La scienza nell'era della conoscenza: viene discussa l'evoluzione che i canoni scientifici hanno subíto nel corso del XX secolo.
  4. La comunicazione totale: sintetizza le implicazioni che ne conseguono in rapporto ai modi e alla forma della comunicazione scientifica.
  5. La risorsa globale: focalizza l'attenzione sui problemi di "governance" dell'economia basata sulla "risorsa conoscenza".
  6. Un Filo di speranza: contiene alcuni semplici ma fondamentali suggerimenti relativi al futuro.

"Non v'è via di uscita alle difficoltà che si prospettano, se non partiamo da una critica impietosa e una profonda revisione della scala dei valori che oggi la nostra civiltà ha adottato, in particolare per quanto riguarda i modi di consumare. Il motore primo che traina lo sviluppo della nostra civiltà è il sapere scientifico e l'innovazione tecnologica che ne segue. Non potrà esservi sviluppo equo - né democrazia compiuta - fino a che questa grande risorsa immateriale non apparterrà a tutti i popoli, e a tutti i cittadini di ogni paese."

AUTORI

Pietro Greco è giornalista scientifico e scrittore. È membro di IDIS-Città della Scienza di Napoli, condirettore di Scienzainrete, collabora con riviste e case editrici e tiene corsi in comunicazione della scienza e scienza e società. È tra i Conduttori di Radio3Scienza e autore di numerosi libri.

Vittorio Silvestrini si è laureato giovanissimo, nel 1957, in Fisica, e nello stesso anno si è diplomato con lode alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha alle spalle una lunga e prestigiosa attività scientifica in diversi campi, documentata da oltre cento pubblicazioni su riviste internazionali. Ha svolto una cinquantennale attività didattica in numerose istituzioni scientifiche pubbliche e private. Dal 1972 è ordinario di Fisica Generale presso l’Università Federico II di Napoli. Ha pubblicato oltre 30 libri di educazione, divulgazione e formazione scientifica, ed alcuni romanzi e volumi di racconti su temi di Scienza e fantascienza. È fondatore di “Città della Scienza”, il primo “Science Center“ italiano che sorge a Napoli – nell’area ovest della città, a Bagnoli – e che nel 2005 è stato nominato museo scientifico europeo dell’anno dal consiglio d’Europa. Ha ricevuto inoltre, numerosi premi nazionali ed internazionali conferiti a realizzazioni di eccellenza. Nel 2006 l’Unione Europea lo ha insignito – ad oggi unico italiano – del Premio “Descartes” per la comunicazione scientifica.

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su