Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 20 punti Gratitudine!


Scintille dell'Anima

Un viaggio spirituale nella cabbalà

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 10,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 117
  • Formato: 12x18,5
  • Anno: 2012

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In questo nuovo libro, Yarona Pinhas si confronta con lo Zohar, il Libro dello Splendore, che le si rivela non solo come testo base della mistica ebraica, ma come una raccolta di bagliori e illuminazioni.

Questo testo, a suo modo, aspira a essere un'altra fonte di stupore poetico e d'intuizioni che nascono dalle esperienze di vita e di studio dell'autrice. Al tempo stesso vuole essere una grammatica sintetica dei principali concetti e riferimenti spirituali della Cabbalà.

AUTORE

Yarona Pinhas è nata in Eritrea ed è giunta in Israele con la famiglia nel 1975. Si è laureata in storia dell’arte e linguistica all’Università Ebraica di Gerusalemme presso la quale ha svolto, attività di ricerca. Di particolare interesse i suoi lavori sugli oggetti di culto ebraici italiani e sugli arredi e le sinagoghe marocchine, turche e ceche. Lettrice all’Orientale di Napoli, ha insegnato anche a Roma presso diverse istituzioni. Attualmente è impegnata nella conduzione di seminari di autosviluppo personale e di corsi sulla Cabbalà, sull’ebraismo e sull’arte ebraica. Con la Giuntina ha pubblicato La saggezza velata. Il femminile nella Torà, Onda sigillata. Acqua, Vita e Parola e Scintille dell’anima.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 30 gennaio 2013

Yarona Pinhas è una studiosa della mistica ebraica, dopo aver avuto il piacere di sentirla parlare a una conferenza, ho scoperto che è altrettanto piacevole leggerla. Certo sono ben lontana dall'essere un'esperta di cabbalà, dunque ho letto il libro con lo stesso spirito con cui si legge una raccolta di poesie. Tra le cose che mi hanno colpito di più c'è la differenza che la lingua ebraica fa tra faccia e interiorità, c'è un plurale per parlare di facce: panim, perché le facce dell'essere umano sono molteplici, ma la parola al singolare pnim indica l'interiorità, poiché mquella è soltanto una. Il libro non è molto voluminoso ed è suddiviso per brevissimi capitoletti, ne consiglio uno o due al giorno.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su