Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 24 punti Gratitudine!


La Scomparsa del Pensiero

Perché non possiamo rinunciare a ragionare con la nostra testa

 
-20%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 12,00 invece di 15,00 sconto 20%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 138
  • Formato: 14x22
  • Anno: 2017

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Perché un candidato alla presidenza degli Stati Uniti può vincere le elezioni sbraitando menzogne come “Costruirò un muro fra gli Stati Uniti e il Messico e sarà il Messico a pagarlo”? Perché abbiamo voglia di comprare una confezione di Nespresso dopo aver visto l’ennesima pubblicità con George Clooney? Perché se ci troviamo in una città sconosciuta camminiamo con lo sguardo incollato allo schermo del nostro telefonino, preoccupati solo di non perdere di vista Google Maps? 

Se non riconosciamo più le inconsistenze logiche, lasciamo che siano altri cervelli (magari digitali) a pensare al posto nostro, cosa sta succedendo?

Logico e filosofo del linguaggio, Ermanno Bencivenga smaschera la più insidiosa delle catastrofi del nostro tempo: la nostra capacità di ragionare rischia di scomparire. Ma ragionare significa tacitare le emozioni e gli impulsi per fare spazio alle idee e, soprattutto, a una discussione ordinata che le analizzi e ne determini il valore, aprendo nuove strade alla nostra convivenza. 

Raccontando la sua esperienza di professore, Bencivenga mostra che questa “catastrofe gentile”, silenziosa quanto devastante, riguarda soprattutto i giovani. Le nuove generazioni sono più esposte alla proliferazione dei mezzi d’informazione e di comunicazione, che sono diventati troppo veloci e potenti rispetto al tempo che il pensiero logico richiede. Con il risultato inquietante che i giovani si abitueranno sempre più all’idea che qualcun altro, o meglio qualcos’altro, ragioni per loro.

Un saggio schietto e tagliente, che ci mette in guardia di fronte alle insidie della mutazione antropologica che sottrae alla nostra specie la sua risorsa più preziosa: il ragionamento.

AUTORE

Ermanno Bencivenga (Reggio Calabria, 1950), professore ordinario di filosofia all'Università di California (Irvine), è autore di numerosi saggi di logica, filosofia del linguaggio e storia della filosofia. Dirige la rivista internazionale di filosofia "Topoi" e collabora a "La Stampa". Ha pubblicato, fra l'altro: Il primo libro di logica (1984), Filosofia: istruzioni per l'uso (1995; nuova ed. 2007), Giocare per forza (1995; nuova ed. 2007), Platone, amico mio (1997; nuova ed. 2007), I delitti della logica (1998; nuova ed. 2008), Filosofia: nuove istruzioni per l'uso (2000; nuova ed. 2008), Teoria del linguaggio e della mente (2001), I passi falsi della scienza (2001; nuova ed. 2009), Parole che contano (2004), Le due Americhe (2005) e La filosofia in quarantadue favole (2007), La logica dell'amore (2007) e Il pensiero come stile (2008). Ha firmato inoltre numerosi pamphlet, tra cui ricordiamo Oltre la tolleranza (1992), Manifesto per un mondo senza lavoro (1999) e Una rivoluzione senza futuro (2003).

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su