Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Se Questo è un Dio

-15%
Se Questo è un Dio

  Clicca per ingrandire

In questo libro si prende sul serio «l'ipotesi Dio» e si interroga la storia per sapere attraverso quali rivelazioni e fraintendimenti egli sia giunto fino a noi, e perché egli sia concepito e... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibile per la spedizione entro 5 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 13 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione ebook

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

In questo libro si prende sul serio «l'ipotesi Dio» e si interroga la storia per sapere attraverso quali rivelazioni e fraintendimenti egli sia giunto fino a noi, e perché egli sia concepito e compreso in molteplici modi, se tutti siano a lui graditi, e se ce n'è uno che più degli altri sia vero. Domande essenziali per credere, e per restare liberi dinanzi a ogni pretesa avanzata in suo nome

La felicità è rara e il futuro incerto. Sempre più difficile sembra vivere insieme. Nei rapporti internazionali è tornata la guerra. Per uno che si libera, molti vengono oppressi. La ricchezza cresce e i poveri aumentano. E Dio dov'è?

La società di oggi non se lo chiede neppure; i laici discutono molto sulla Chiesa, la Chiesa discute molto sull'embrione, ma in questo dibattito c'è un assente, ed è Dio. Infatti per molti non esiste, per gli altri bisogna fare «come se Dio non ci fosse».

Però la domanda è rimasta da quando, dinanzi a un ragazzo appeso alla forca nel campo di Auschwitz, qualcuno chiese: «Ma Dio dov'è?». I nazisti, come molti altri persecutori nella storia, avevano detto che Dio era con loro. Fu allora che risuonò il grido: «Considerate se questo è un uomo».

Infatti, quando Dio è in cattive mani, l'uomo è perduto. Sono molti oggi a dire di avere Dio con sé. E non solo estremisti e kamikaze, anche Bush afferma di «piangere sulla spalla di Dio» e intanto invade le terre dei suoi nemici e dichiara la guerra perpetua.


Torna su
Caricamento in Corso...