Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 16 punti Gratitudine!


Sender Prager

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 8,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 74
  • Formato: 10,5x17,5
  • Anno: 2015

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Sono tutte in lacrime, le cameriere ebree del Praga, alla vigilia delle nozze del padrone: certo, hanno sempre saputo che lui andava a letto con tutte, «eppure ognuna era convinta in cuor suo che con lei si sarebbe comportato in modo diverso ... l’avrebbe portata via dalla cucina per sistemarla dietro al bancone e metterla alla cassa a contare il denaro».

Ora, però, che nell’annuncio affisso in vetrina c’è scritto, nero su bianco, che «in onore del felice e fortunato matrimonio del proprietario di questo ristorante, Sender Prager, con la sua fidanzata, Edye Barenboim» i poveri del quartiere riceveranno un piatto di crauti e salsicce, hanno perso ogni speranza. Si è fidanzato all’improvviso, «quell’uomo solido e vigoroso, dagli occhi lucenti e dai capelli neri impomatati»: perché alfimprowiso, a quarantaquattro anni, ha avuto paura della vecchiaia e della solitudine.

Così, lui che delle donne non si è mai fidato, si è lasciato indurre dal suo rabbi a sposare quella ragazza di buona famiglia hassidica che ha la metà dei suoi anni e lo guarda «con i suoi grandi occhi neri impauriti». «Dio del cielo,» implorano le cameriere «fagli pagare la nostra umiliazione...».

Al lettore scoprire, in questo magnifico e crudele racconto lungo del fratello «più talen-tuoso» di Isaac B. Singer (come ha scritto Harold Bloom), se Colui che tutto può le ascolterà.

AUTORE

Israel Joshua Singer (1893-1944), polacco, fratello maggiore del premio Nobel Isaac Bashevis, esordì nel 1922 con i racconti "Perle", in yiddish, e continuò a scrivere in quella lingua anche dopo che si trasferì a New York (1933). La raccolta postuma di sue corrispondenze per il quotidiano «Jewish Daily Forward», "Da un mondo che non c’è più" (1946), costituisce una sorta di autobiografia. "I fratelli Ashkenazi", ritenuto universalmente il suo capolavoro, è stato pubblicato da Bollati Boringhieri nel 2011.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su