Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 2 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 30 punti Gratitudine!


Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

Il Simbolismo Ermetico

nei suoi rapporti con l'Alchimia e la Massoneria

 
-15%

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In quest'opera il Wirth ha raccolto tutti i suoi scritti relativi all'Alchimia. In particolare, egli tratta del simbolismo ermetico nei suoi rapporti con l'Alchimia e la Massoneria, argomento di vasto interesse che solo un vero iniziato come Wirth avrebbe potuto affrontare con adeguata conoscenza e competenza. Lo stesso Autore conferma che, trattandosi di materia esposta in tempi diversi, essa non appare né omogenea, né sistematica; ma tale forma di esporre sarà certamente utile al lettore, poiché lo metterà in condizione di coordinare i dati messi a sua disposizione, eliminando eventuali ripetizioni e conciliando apparenti discordanze.

Oswald Wirth, noto per la sua opera I Tarocchi, fu un potente caposcuola della scienza Alchemica massonica. L'Alchimia di cui egli tratta, più che alla trasformazione dei metalli in oro, tende alla trasformazione dell'uomo per renderlo degno di entrare in possesso di quell'Oro dei Sapienti che apre tutte le porte del mondo.

AUTORE

Oswald Wirth, vissuto tra la seconda metà dell'Ottocento e i primi del Novecento, affiliato alle principali società segrete, seppe recepire e sintetizzare il pensiero e i principi delle più importanti correnti iniziatiche, servendosene per l'interpretazione dei segreti della Grande Opera, e dedicandosi allo studio dell'Alchimia, della Cabala e dei Tarocchi. Le Edizioni Mediterranee hanno pubblicato il suo celeberrimo I Tarocchi (1924), uno dei migliori testi sull'argomento, e il testo medico-filosofico L'imposizione delle mani

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 20 luglio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

In questo libro di O . W . ( il simbolismo ermetico ) è molto interessante e completo ! ! !

Commenta questa recensione

Scritto da: - 16 gennaio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro fantastico, illuminante, ma allo stesso tempo piuttosto impegnativo. Adoro le opere di Oswald sempre molto intriganti. Lo consiglio vivamente. Alessandra

Commenta questa recensione

Scritto da: - 11 marzo 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Testo fondamentale per tutti coloro che sono interessati allo studio del simbolismo ermetico/alchemico, con quest'opera del 1910 l'esoterista svizzero dimostra l'assoluta concordanza, nelle procedure e nelle finalità, tra le correnti esoteriche occidentali (di matrice ermetico/alchemica) e le correnti orientali (sufiste e vedantine, ad esempio). In particolare, l'autore svela come il vero scopo che si proponevano gli alchimisti fosse quello di raggiungere un perfezionamento interiore/spirituale per mezzo dell'unione dello ZOLFO (il Jiva per la Tradizione orientale) con il MERCURIO (il Brahman, Atman, Dio, l'Uno-Bene di Platone o comunque Lo si voglia denominare) attraverso un sapiente utilizzo del SALE, cioè il raggiungimento di una totale padronanza della propria mente-ego. Wirth spiega anche come le finalità della Massoneria tradizionale (di matrice egiziana) fossero esattamente le stesse, pur facendo uso di un simbolismo almeno in parte diverso da quello prettamente alchemico. Onde spazzare il campo da eventuali inutili speculazioni, vale la pena di accennare che anche in ambito prettamente "religioso" sono state redatte importanti opere di stampo alchemico: "Trattato sulla Pietra Filosofale" di San Tommaso d'Aquino, "Il Castello Interiore" di Santa Teresa d'Avila e "l'Imitazione di Cristo" di Tommaso da Kempis sono solo alcuni esempi. Lo scopo di opere come questa, è quello di insinuare nella mente del lettore il dubbio se la vera "religiosità" consista in qualche sbiadito e distratto rituale oppure nel cercare di dominare faticosamente e giorno dopo giorno le proprie passioni e tendenze istintive, senza mai perdere la Fede di riuscire prima o poi ad unire il nostro ZOLFO con il MERCURIO. Più facile a dirsi che a farsi, evidentemente.....

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su