Sulle Ali del Panico

  Clicca per ingrandire

Sulle Ali del Panico

Come affrontare e superare rapidamente il panico, le fobie e le ossessioni

Fabio Gherardelli

( 2 Recensioni Clienti )

  • Prezzo: € 15,00

Con le parole di Lao Tzu «quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla». Allo stesso modo si può imparare a non vedere più il panico come un acerrimo nemico... continua

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando è disponibile
Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Altri Libri come Sulle Ali del Panico

Descrizione

Con le parole di Lao Tzu «quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla». Allo stesso modo si può imparare a non vedere più il panico come un acerrimo nemico pronto ad attaccarci ma imparare a trattarlo come un amico, a cavalcarlo e, perché no, a sfruttarlo a nostro vantaggio. Come noi scegliamo inconsapevolmente di farci venire il panico così possiamo imparare a gestirlo.

Una psicoterapia per essere efficace dovrà essere molto pratica e questo vuol dire non solo parlare alle persone ma fornire loro anche delle esperienze 'ristrutturanti'. In questo libro Fabio Gherardelli guida il lettore in un affascinante viaggio alla scoperta del panico, delle fobie e delle ossessioni in modo semplice, piacevole ed accessibile a tutti ed elencando una serie di tecniche pratiche che il lettore potrà sperimentare nella propria vita quotidiana. Il tutto attraverso l'uso di illuminanti aneddoti, metafore, ed esempi.

Lo scopo è chiarire al grande pubblico come nascono, come si mantengono e come possano essere risolte in tempi brevi le varie forme di panico.

Dettagli Libro

Editore Aurelia Edizioni
Anno Pubblicazione 2009
Formato Libro - Pagine: 182 - 15x21cm
EAN13 9788889763216
Lo trovi in: Ansia, stress e fobie

Recensioni Clienti

5,00 su 5,00 su un totale di 2 recensioni

  • 5 Stelle

    100%
    100%
  • 4 Stelle

    0%
    0%
  • 3 Stelle

    0%
    0%
  • 2 Stelle

    0%
    0%
  • 1 Stelle

    0%
    0%

Ti è piaciuto questo libro?
Scrivi una recensione e guadagna Punti Gratitudine!

Scrivi una recensione!

Milva 7 giugno 2011

  Acquisto verificato

Voto:

Bello e molto chiaro.

Enrico 19 settembre 2009

Voto:

Inserico la recensione del settimanale REPORTE di Reggio Emilia http://www.reporter.it/d2909/weekend/2009035/la_paura_come_amica.html Si può superare un disagio psicologico con una terapia breve, efficace e legata al cambiamento comportamentale? Secondo Fabio Gherardelli, psicologo e psicoterapeuta che opera tra Carpi e Reggio, è possibile. Un'ampia dimostrazione delle teorie di Gherardelli è ben esplicitata nella recente uscita "Sulle ali del panico" (2009, Aurelia Edizioni, 174 pp, 15€), disponibile in molte librerie reggiane e non solo. "Sulle ali del Panico" non è un saggio psicologico per iniziati della materia, né un testo utile solo per approfondimenti accademici.

Anzi, è piuttosto un libro che - attraverso molte e brillanti metafore - sviluppa una teoria partendo da esempi concreti in cui ci si può senz'altro ritrovare. Già, perché i disturbi legati all'ansia e al panico non sono certamente estranei alla vita quotidiana di molti di noi, anche se con sintomatologia e dinamiche diverse. Il panico, secondo Gherardelli (che è stato anche membro e fondatore dell'Associazione Italiana per lo Studio di Disturbi di Ansia), non va affrontato come un nemico ma come una risorsa, una spinta al cambiamento, un aiuto a migliorarsi. D'altra parte, per usare una metafora cara all'autore, quando il panico viene suscitato da un chiaro evento esterno (per esempio la presenza di un animale feroce) è proprio questo stato d'animo a permetterci di essere più reattivi, correre più veloci, ragionare meglio e più rapidamente.

Un presupposto, quello di considerare il disturbo come un "amico" e non come un limite, da cui parte tutta la dissertazione di Gherardelli. Da qui si muove la teoria dello psicologo emiliano, articolata in due parti (una più teorica, l'altra più pratica e sperimentale) in cui Gherardelli difende la necessità di una terapia breve, strategica e mirata alla soluzione del problema che si manifesta. Una terapia che ha solidissime basi teoriche nell'opera di alcuni autori, in primis Milton Erickson, e che si rifà ad una concezione funzionale e strategica della psicologia. La terapia psicologica deve essere breve - ci dice Gherardelli - perché deve darci gli strumenti per affrontare il problema "faccia a faccia" e di conseguenza superarlo. Il presente e il futuro del paziente contano, secondo l'autore, assai più del passato.

Non servono perciò lunghe indagini nella memoria quanto più pratici esercizi quotidiani che cambiano la vita del paziente pian piano e aiutano il suo rapporto con la sua psiche. A supporto della sua teoria, Gherardelli porta innumerevoli esempi, sia a livello di parabole esplicative (per lo più storielle zen, alcune delle quali anche molto divertenti), sia a livello di casi clinici incontrati durante la sua attività di psicoterapeuta (senza, ovviamente, citare nomi o dati anagrafici degli interessati...). Esempi che conducono il lettore ad un apprendimento più intuitivo e ad una lettura complessivamente abbastanza leggera e comprensibile. Trattandosi di un argomento ostico come pochi, la psiche umana e i suoi disturbi, non è decisamente poco.


Torna su
Caricamento in Corso...