Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Tengo Tutto

Perché non si riesce a buttare via niente

Tengo Tutto

  Clicca per ingrandire

Cosa spinge una persona a conservare ogni singolo biglietto del treno, le ricevute dei ristoranti, gli scontrini o i biglietti di auguri di una vita? Cosa scatta nella mente di Irene, donna... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 16 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Cosa spinge una persona a conservare ogni singolo biglietto del treno, le ricevute dei ristoranti, gli scontrini o i biglietti di auguri di una vita? Cosa scatta nella mente di Irene, donna all'apparenza normalissima, ma che per la mania di accumulare qualsiasi cosa ha praticamente mandato all'aria il suo matrimonio? E che dire di Ralph, che per colpa della montagna di oggetti recuperati dalle discariche ha quasi perso la casa?

R.O. Frost e G. Steketee, clinici tra i massimi esperti di disposofobia (accumulo compulsivo), ci presentano i casi più curiosi incontrati nella loro esperienza professionale e rispondono a una domanda che tocca ciascuno di noi: quand'è che smettiamo di possedere gli oggetti e iniziamo ad esserne posseduti? Fino a che punto possiamo parlare di "stranezza", e quando invece questa si trasforma in un'ossessione e in un disturbo vero e proprio?

Indagando la linea sottile dove normalità e patologia si confondono, i due autori hanno cercato di capire cosa spinge queste persone a circondarsi di oggetti inutili fino a compromettere la qualità di vita propria e di chi le circonda, aprendo così la strada alla ricerca di nuove terapie e trattamenti realmente efficaci.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: Sara - 3 agosto 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro completo, davvero ben fatto. Pur trattando un argomento pesante come la disposofobia, (accumulo compulsivo) la lettura è scorrevole e resa piacevole dalle parti scritte sotto forma di romanzo che si alternano a parti più descrittive del disturbo in se. I casi trattati sono reali e aprono squarci commoventi, a volte irritanti su questo disturbo le cui cause non sono ancora ben chiare. Passando dallo shopping compulsivo, ai disturbi ossessivo compulsivo, alla sillogomania, gli autori descrivono il disturbo in tutte le sue declinazioni, fino all'accumulo degli animali. Non emerge un vero e proprio identikit dell'accumulatore seriale ma è senz'altro possibile comprendere molti dei tratti caratteriali e di vita che li accomunano.

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...