Teodicea della Qabalah

  Clicca per ingrandire

Teodicea della Qabalah

Le Sephirot e i Nomi Divini

Francis Warrain

  • Prezzo: € 18,00

  • Disponibile per la spedizione entro 5 giorni lavorativi

Qabalah è il termine ebraico che indica il complesso delle dottrine esoteriche e mistiche dell'ebraismo, esposte in un enorme complesso di scritti pubblicati, in un numero ancora maggiore di... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 18 punti Gratitudine!

  Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Qabalah è il termine ebraico che indica il complesso delle dottrine esoteriche e mistiche dell'ebraismo, esposte in un enorme complesso di scritti pubblicati, in un numero ancora maggiore di manoscritti e in un vastissimo patrimonio di tradizioni orali.

Il momento di maggior fioritura della Qabalah si situa intorno al III-IV secolo, ma affonda le proprie radici in una tradizione mistica ininterrotta che la collega con i movimenti apocalittici, con il Talmud e con la Bibbia. Alla formazione della Qabalah che fu organizzata in maniera sistematica intorno al XIII secolo - contribuirono dottrine gnostiche, neoplatoniche, neopitagoriche, islamiche e cristiane.

In Teodicea della Qabalah, Francis Warrain ne ripercorre i principali aspetti - le Sephiroth, l’Equilibrio della Bilancia, i Nomi Divini e la loro Plenitudine -per tentare di indagare il rapporto tra Dio e mondo, tra Assoluto e relativo.

«Affermare Dio è, nello stesso tempo, sostenere che Egli non è nulla di ciò che noi possiamo concepire; attribuendogli una natura, infatti, distruggiamo il carattere di assolutezza insito nella nostra affermazione. La nozione di Dio dà luogo, quindi, a una antinomia fondamentale e, sebbene Kant l’abbia esposta in tutta la sua acutezza, era già sostenuta implicitamente da tutte le dottrine esoteriche, da Platone sino a San Tommaso. Tutti i maestri hanno riconosciuto che abbiamo di Dio una rappresentazione mentale negativa e una affermativa. Egli non è nulla di quanto potremmo concepire, però - nello stesso tempo - questa impossibilità a indicarlo non significa una privazione di essere e di specificità ma al contrario testimonia una certezza che supera tutte le nozioni di essere e di natura. E in questa accezione che bisogna intendere i termini nulla, niente, non esistente che la Qabalah ha posto come ultra-principio».

Dettagli Libro

Editore Tipheret
Anno Pubblicazione 2018
Formato Libro - Pagine: 237 - 14x21cm
EAN13 9788864963754
Lo trovi in: Qabbalah - Cabala

Autore

Francis Warrain nasce a Marsiglia il 10 ottobre 1867. Uomo di vasta cultura artistica e scientifica, intraprende fin da giovanissimo l’attività di scultore. La sua opera principale è L'Armature métaphysique, la cui stesura richiederà quattro anni di lavoro. Nella matematica Warrain sembra trovare le analogie più adeguate e il simbolismo più adatto per ordinare le ricerche, precisare le deduzioni e tradurre le idee metafisiche. Sulla scia dei pitagorici e dei cabalisti ha insomma definito le condizioni essenziali di una gnosi intermediaria tra fede e ragione che si avvicini alla... Continua a leggere la Biografia di Francis Warrain
Caricamento in Corso...