Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 20 punti Gratitudine!


Torino - Oltre le Apparenze

Grattacieli - Grandi Eventi - Disagio Sociale - Povertà

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 9,80
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 191
  • Formato: 15x21
  • Anno: 2015

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Torino in questi ultimi anni è cambiata molto. E buona parte dei torinesi ve lo dirà con un sorriso, perché per loro è cambiata in meglio. Sono quei torinesi che non sono colpiti dai mali oscuri della città e che si limitano a vedere che oggi Torino, a differenza di un tempo, è più rutilante, più allegra, più turistica, insomma: più bella. E forse un merito davvero ce l’hanno. Una buona opera di marketing se da un lato aumenta l’immagine di prestigio di una città, può però dall’altro lato occultarne anche i mali.

Gli autori con questo libro vogliono mostrare quello che i sindaci che si alternano cercano di nascondere. In pratica, intendono dare voce a quegli altri torinesi che non parlerebbero così bene del Chiampa o di Fassino, coloro che sono sempre più poveri, coloro a cui stanno espropriando la casa o vengono sfrattati, oppure raccolgono ciò che resta alla chiusura dei mercati. Ma anche coloro che si vedono costruire davanti l’ennesimo centro commerciale, oppure si sono visti demolire un edificio storico per farne degli inutili palazzi.

Dalla pagine di questo libro emerge la Torino di oggi: che è tutt’altro che solidale, la Torino della sperequazione, delle banche padrone, dei privati che guidano la mano pubblica, della Torino che si vergogna del proprio passato operaio, della Torino che oggi non è più manifatturiera ma non è neanche qualcos’altro.

INDICE

INTRODUZIONE di Domenico Finiguerra

PREMESSA

Capitolo 1 - La città dei tre stadi di Piero Belletti

  • Un nuovo stadio: ce n’era proprio bisogno?
  • La scelta definitiva
  • La costruzione
  • La cessione alla Juventus
  • Lo Juventus Stadium
  • Il progetto si amplia

Capitolo 2 - La “città che non c’era” e la Torino che c’è oggi di Emilio Soave

  • La “metamorfosi”
  • Il punto di partenza
  • Le Olimpiadi invernali del 2006, emblema della “metamorfosi”
  • Dalla candidatura di Torino alla “legge speciale” per Torino 2006
  • La Valutazione ambientale strategica
  • La revisione del dossier di candidatura nel 2002
  • Quanto sono costate le Olimpiadi?
  • Le “opere connesse”
  • Quanti costosi investimenti per una pletora di impianti sportivi?
  • Tempo di bilanci, dopo le Olimpiadi: fu vera gloria?
  • 2006-2010: felici e indebitati
  • Dopo le Olimpiadi: si tenta il “lascia e raddoppia”, ovvero Italia 2011
  • Un altro lussuoso dossier di candidatura per il 2011
  • La Biblioteca Bellini e le mostre alle Officine Grandi Riparazioni
  • Sempre nuovi eventi?
  • L’eredità olimpica: la Fondazione 20 Marzo e la società Parcolimpico srl
  • I villaggi olimpici
  • Il debito post-olimpico: Torino all’avanguardia nelle scelte di “cartolarizzazione”
  • Le nuove architetture finanziarie di Torino
  • Indice
  • Un comune “immobiliarista”?
  • Le politiche urbanistiche della città dopo le Olimpiadi:
    un piano (s)regolatore
  • I grandi centri commerciali
  • Il passaggio chiave: dalla pianificazione urbanistica alle “politiche di sviluppo urbano”
  • Il nuovo programma di trasformazioni urbane 2013-14:
    le nuove “porte urbane”
  • Costruire, ma per chi?
  • Il terzo piano strategico, ovvero l’esaltazione della competitività
  • Le nuove tendenze: il federalismo demaniale, le residenze universitarie e il social housing

Capitolo 3 - Una città infelice: l’altra faccia di Torino.

  • Privatizzazioni, povertà, emarginazione
  • di Fabio Balocco
  • Gli asili nido esternalizzati
  • 3289 buche per le strade
  • La triste vicenda della ex Diatto
  • Lo Sportello diritto alla casa
  • I migranti a Torino
  • La povertà, ma anche il golf in città

Capitolo 4 - La Torino delle trasformazioni

  • di Paolo Ghisleni
  • Antefatto
  • Le trasformazioni urbane
  • Il nuovo PRG (1995)
  • Il trasporto pubblico: la metropolitana
  • Le ultime (bagnate?) cartucce
  • Le altissime torri
  • La linea 2 della metropolitana
  • La Torino di oggi… tale e quale quella di ieri

Capitolo 5 - La gestione degli eventi culturali

  • Nel sistema Torino di Maurizio Pagliassotti

APPROFONDIMENTI

LA CITTÀ DEI TRE STADI di Piero Belletti:

"La vicenda degli stadi calcistici di Torino è esemplificativa di un certo modello di amministrazione dei beni comuni: un sistema, che vide il suo collaudo in occasione dei campionati mondiali di calcio del 1990 e che fu poi applicato su larga scala in molti eventi successivi, e in particolare nei Giochi olimpici del 2006. Caratteristica comune di tale modello è, fondamentalmente, la costruzione di strutture con denaro pubblico, da fare poi gestire – o addirittura cedere, come nel caso dello stadio delle Alpi – ai privati."

Piero Belletti

Continua a leggere l'estratto del libro "Torino - Oltre le Apparenze".

AUTORE

Fabio Balocco, Piero Belletti, Paolo Ghisleni, Maurizio Pagliassotti, Emilio Soave sono membri dell’Associazione Pro Natura di Torino, che Opera a difesa dell’ambiente e delle condizioni di vita dall’anno 1948 e fa parte della Federazione Nazionale Pro Natura. Da anni viene dedicata particolare attenzione alle cosiddette “Grandi opere” con tutti gli aspetti negativi che queste comportano nei confronti dell’ambiente e dell’economia. Sempre con la consapevolezza che solidarietà e difesa del bene comune non possano che andare di pari passo con la tutela dell’ambiente.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su