Il Traduttore del Silenzio

  Clicca per ingrandire

Il Traduttore del Silenzio

Daoud Hari

  • Prezzo: € 9,00

Daoud è nato in un piccolo villaggio nel Darfur. Capanne rotonde, spaziose, con il tetto di erba che quando piove profuma di buono. Sebbene sia stato lontano anni, prima per studiare, poi per... continua

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando è disponibile
  Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Altri Libri come Il Traduttore del Silenzio

Descrizione

Daoud è nato in un piccolo villaggio nel Darfur. Capanne rotonde, spaziose, con il tetto di erba che quando piove profuma di buono. Sebbene sia stato lontano anni, prima per studiare, poi per lavorare in Libia, l'ha sempre portato nel cuore. Tanto che ora ha deciso di tornare, per ritrovare la sua gente, la sua famiglia. E per perdere tutto un attimo dopo. Perché un giorno il villaggio viene attaccato, le capanne bruciate e molti degli abitanti uccisi. Chi sopravvive fugge, come Daoud.

È l'incontro con un'organizzazione umanitaria a indicargli il suo destino. Facendo tesoro dell'inglese imparato a scuola, Daoud si offre come interprete e guida. Attraverso le sue parole prendono voce le testimonianze di centinaia di profughi, scampati al massacro ma che ancora hanno negli occhi l'orrore che ha dilaniato le loro vite. Sono storie di un dolore quotidiano, tanto spaventose che a volte non riesce nemmeno a tradurle. Ma anche storie di coraggio e di umanità che illuminano di speranza la notte dell'odio.

Quella è diventata la sua missione. Perché nessuno possa più dire che non sapeva.

Dettagli Libro

Editore Piemme Edizioni
Anno Pubblicazione 2009
Formato Libro - Pagine: 192 - 12,5x19cm
EAN13 9788856612585
Lo trovi in: Racconti, Letteratura e Diari di viaggio

Autore

Daoud Hari è nato in un villaggio del Darfur, una regione del Sudan. Dopo essere stato costretto ad abbandonare il suo paese, ha vissuto in un campo profughi nel Ciad. Come interprete e guida di reporter occidentali e organizzazioni umanitarie, ha varcato decine di volte il confine per tornare in Sudan, mettendo a repentaglio la propria vita per dar voce a chi non ce l’ha. Nel 2006, nel corso di una di queste missioni, è stato catturato, imprigionato e torturato. Dopo la sua liberazione, è stato accolto negli USA come rifugiato. Oggi vive a Baltimora.


Torna su
Caricamento in Corso...