Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Trattato sulla Quintessenza

 
-15%

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Jean de la Roquetaillade (più noto come Rupescissa) propone con il suo Trattato sulla Quintessenza l’antico metodo sapienziale dell’abbandono alla forza della Natura.

Non lo turba la storia. Ne intravede infatti con levigata fantasia lessicale i limiti e le discronie. Il suo tempo è il tempo dell’uomo: l’allegoria di un mondo ancora degno del suo significato etimologico. La francescana religiosità di Rupescissa, il suo calarsi in un modello ispirato, non sono soltanto i segni dei tempi in cui egli visse, ma altresì una benevolente clemenza della Grazia. Per questo si propone nella Biblioteca Ermetica il Trattato sulla Quintessenza.

Si tratta, peraltro, della prima traduzione italiana. Si è cercato di conservare il sapore lessicale di quest’opera non badando alle aporie e non tentando di modernizzare lo stile per due precisi motivi: il primo perché l’informazione alchemica, come sa chi di queste cose si occupa, è data da enigmi, da spostamenti di senso lessicale, dalla logica dell’illogicità. Il secondo motivo perché un evidente precursore di Paracelso, dell’omeopatia, della nomenclatura della Natura, non può essere tradito da una versione liberamente intesa.

Con questa edizione si mette a disposizione del lettore un libro che dona con tecnica terrena il modello spagirico del Caldo e del Freddo, i due elementi che Rupescissa riteneva alla base dell’estrazione della Quintessenza. Inoltre un libro di insolita affettuosa modestia degno appunto di un frate minore. Un libro che rimarrà comunque messaggio d’amore e d’intelligenza nei confronti della Natura.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 9 dicembre 2015

Libro d'alchimia "francescana": l'autore, intelligente e mite frate minore dell'ordine del Povero di Assisi, accoglie evidentemente l'invito "naturalista", ma non per questo vagamente panteista, di San Francesco nel suo celebre Cantico ed opta per una via discretamente omeopatica, in cui i termini generali di Caldo e Freddo, intesi però alchemicamente, contribuiscono a ristabilire quella salute fisica, spirituale e mentale che l'essere umano spesso perde.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su