Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 20 punti Gratitudine!


Tutto sulla Frutta Secca ed Essiccata

Semi oleosi, frutta a guscio e disidratata dall'antipasto al dolce

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 9,90
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 118
  • Formato: 14,5x21
  • Anno: 2014

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Spesso acquistati assieme...

Formaggi e Latticini Fai da Te + Tutto sulla Frutta Secca ed Essiccata

Tutto sulla Frutta Secca ed Essiccata + Formaggi e Latticini Fai da Te = Acquista insieme, oggi sconto 15%
€ 16,84 invece di € 19,80
Risparmio € 2,96
Compra Formaggi e Latticini Fai da Te + Tutto sulla Frutta Secca ed Essiccata
Disponibilità per la spedizione: Immediata

Se pensate a noci e c. come a uno snack troppo calorico e poco sano o se li consumate soltanto nelle feste di Natale a fine pasto, state sbagliando strada e questo libro vi farà cambiare idea, aiutandovi a conoscerli meglio e a utilizzarli nel modo giusto.

Mandorle, noci, nocciole, pinoli, pistacchi, semi di girasole, sesamo, lino e zucca e, ancora, prugne, albicocche, mele e uvetta secche sono, infatti, ingredienti speciali non solo per il prezioso contenuto nutritivo, di grassi, proteine, vitamine, sali minerali e zuccheri, ma anche per il sapore in più che conferiscono alle ricette in cui sono aggiunti.

Si pensi ai pinoli nel pesto genovese, alle mandorle o alle noci nelle salse, al sesamo nell'hummus di ceci, ai semi di girasole, zucca e lino nel pane o sulle torte salate. Ma gli esempi sono assai di più come scoprirete in questo manuale ricco di informazioni sui vari prodotti nella prima parte e di oltre cento ricette nella seconda.

Dall'Introduzione: Tante Qualità

"Frutta disidratata e a guscio e semi oleosi sono alimenti ricchi di buone qualità.

  1. Sono facili da consumare: sono già pronti per essere mangiati o utilizzati. Non è indispensabile la cottura, al limite ammollo e tostatura ne aumentano la funzionalità o il gusto, come vedremo nel prossimo capitolo.
  2. Sono versatili in cucina: è possibile utilizzare frutta a guscio, disidratata e semi in tutti i tipi di pietanze e preparazioni, spaziando dall’antipasto al dessert, passando per merende e snack dolci e salati. Ve lo mostreremo proprio attraverso le ricette di questo libro.
  3. Sono altamente nutrienti e comodi da trasportare: la taglia ridotta e i nutrienti concentrati rendono questi alimenti perfetti per essere portati con sé. Ne bastano infatti piccole o piccolissime quantità per avere un effetto saziante e apportare numerosi benefici alla propria alimentazione.

Per questi e tanti altri motivi, che vedremo nei prossimi capitoli, questi alimenti sono quindi un apporto fondamentale nell’alimentazione quotidiana per coloro che fanno una scelta vegana e vegetariana, sulla tavola dei quali non dovrebbero mai mancare. Essi forniscono comunque elementi importanti anche per coloro che consumano gli alimenti di origine animale, rendendo la loro dieta senza dubbio più varia e salutare e apportando sostanze utili per prevenire problemi cardiovascolari o di ipercolesterolemia."

INDICE

Introduzione: Alimenti buoni per ogni giorno

Capitolo 1 Scegliere e trattare noci e semi

Capitolo 2 Semi, frutta a guscio e frutta essiccata

Capitolo 3 Le ricette

  • Ricette base
  • Bevande
  • Antipasti, salse, snack salati
  • Primi piatti
  • Secondi e piatti unici
  • Verdure e contorni
  • Dolci e dessert
  • Snack dolci

Indice delle ricette

APPROFONDIMENTI

Dal Capitolo 1 "Scegliere e trattare noci e semi":

"Come premessa, consigliamo sempre, di scegliere prodotti biologici e equosolidali, quando si tratta di alimenti non locali, come nel caso della frutta esotica: nessun additivo, residui di pesticidi più bassi, micronutrienti più alti e gusto migliore non lasciano spazio a dubbi.

La frutta a guscio andrebbe di preferenza acquistata ancora nel proprio guscio, che rappresenta infatti una naturale protezione contro l’ossidazione. Se questo non fosse possibile, consigliamo comunque di orientarsi verso la frutta semplicemente sgusciata, non tostata né salata. Evitate inoltre per quanto possibile di acquistare già confezionate granelle, farine, lamelle o quanto potete fare voi tranquillamente in casa al momento. Anche l’operazione di spellatura può essere fatta semplicemente sbollentando i frutti o ammollandoli per un tempo sufficientemente lungo (ad esempio nel caso delle mandorle), o ancora tostandoli in forno e sfregandoli con un canovaccio pulito (ad esempio nel caso delle nocciole o dei pistacchi), scegliendo il procedimento a seconda di quali sono i passi successivi della ricetta.

Per quanto riguarda i semi oleosi, anche in questo caso è importante orientarsi verso il prodotto meno elaborato possibile. Scegliete dunque semi che non siano tostati, dal momento che potete tranquillamente farlo voi in maniera semplice e veloce per la quantità che vi occorre, in forno o in padella. Ma attenzione che non siano già stati salati, come avviene spesso per semi di zucca o girasole.

Infine, nel caso della frutta essiccata e disidratata, controllate in etichetta che non siano presenti zuccheri aggiunti, conservanti (ad esempio biossido di zolfo, utilizzato per disattivare gli enzimi che rovinano il frutto), oli di rivestimento. Se vi orientate verso i prodotti biologici, sarete maggiormente sicuri di evitare sorprese, anche per quanto riguarda pesticidi o trattamenti fatti alla frutta fresca che restano comunque presenti anche dopo l’essiccazione. Controllate sempre che la confezione non sia gonfia: questo significa che si è innescata una piccola fermentazione a causa dell’umidità residua presente, cosa che avviene principalmente nei periodi più caldi."

AUTORE

Chiara Frascari, laureata in Lettere Moderne, dopo un master in Storia e Cultura dell’alimentazione, ha deciso di dedicarsi al cibo in tutte le sue forme. Lo studia, lo legge, lo cucina, lo autoproduce e lo scrive in ricette e articoli. Vive a Bologna e collabora con la rivista Cucina Naturale con la rubrica “Questo l’ho fatto io”.

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su