Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 32 punti Gratitudine!


Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

Un'Altra Scuola è Possibile?

Autori, esperienze e prospettive educative verso percorsi scolastici in ascolto dei bambini

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il libro intende offrire sulla base di una critica alla scuola convenzionale, un ventaglio di proposte alternative, prospettando per ciascuna sia gli assunti teorici sia le effettive realizzazioni.

Da Rudolf Steiner a don Lorenzo Milani, da Maria Montessori a Mario Lodi fino all’istruzione famigliare, ogni capitolo prende in esame una visione pedagogica e ne presenta la relativa traduzione pratica.

È così offerto un panorama di scelte possibili a chi stenta a riconoscere nei sistemi scolastici convenzionali una risposta adeguata ai reali bisogni di apprendimento, crescita e sviluppo di ciascun bambino.

"Questo libro vuole essere un viaggio intrapreso con fiducia per togliere il punto di domanda dal titolo, per raccontare come una scuola diversa già esiste e può diventare modello diffuso, senza temere mescolanze tra visioni pedagogiche che, pur diverse, hanno in comune quella domanda e ad essa tentano di dare una risposta.

È anche, lo ammetto, il viaggio che io per prima ho percorso in questi vent’anni per poter descrivere quale scuola oggi vorrei per i miei figli e per i bimbi che incontro sulla mia strada. Non è certo un testo enciclopedico, ma è fortemente influenzato dalla mia storia di donna, insegnante, mamma; non compaiono tutte le teorie pedagogiche alternative alla scuola convenzionale ma solo quelle che hanno parlato - almeno un po’ - alla mia testa e al mio cuore, e di cui ho fatto una minima significativa esperienza, magari grazie agli incontri nel mio continuo vagabondare. Un nomadismo irrequieto e mai pago di soluzioni definitive che però mi porta oggi ad avere il grande privilegio di poter condividere, con chi leggerà queste pagine, anni di domande e di risposte, fatiche e speranze, disillusioni e ripartenze."

Sonia Coluccelli

INDICE

  • I Tra pedagogia e autobiografia: una doverosa premessa
  • II Una fotografia senza filtri
  • III Educazione e pedagogia per una scuola non violenta
  • IV Don Lorenzo Milani tra scuola e profezia
  • V Educazione interculturale:
  • VI Una grammatica per la scuola (e per la vita): Gianni Rodari
  • VII A servizio della scuola per una scuola di servizio:
  • VIII Scuole steineriane: oltre la sola pedagogia
  • IX Sguardi oltreconfine
  • X Fuori dal sistema: le scuole libertarie e l’educazione parentale
  • XI A scuola senza zaino: dalla visione alla realtà
  • XII Maria Montessori: l’educazione come processo naturale
  • XIII In conclusione, verso nuovi inizi

Indice

APPROFONDIMENTI

Una fotografia senza filtri:

"Il punto essenziale è il problema di cosa si deve fare
perché il nostro fare 
meriti il nome di educazione."
J. Dewey

"Questo per me è il capitolo più difficile e sofferto, senza il quale però le pagine che seguono non avrebbero ragione di esistere.

Alla scuola, da insegnante e da formatrice, ho dedicato molto negli ultimi vent’anni: tempo, energie e competenze, di fatto senza mai cedere del tutto all’idea che fosse un’istituzione senza speranza di essere riformata nelle sue criticità e negli aspetti problematici che sono tali per chiunque abbia a cuore il compito prezioso che assume chi, insieme alle famiglie, accompagna i bambini verso la conoscenza e la comprensione del mondo.

Oggi con questo libro mi trovo a metterci ancora un pezzo della mia mente e del mio cuore, un altro tratto di strada dedicato ai bambini che ogni giorno vivono giorni determinanti per il loro futuro insieme ai loro insegnanti.

Io continuo a sperare che ciascuno dei miei colleghi abbia voglia di fermarsi a considerare il significato profondo del proprio ruolo, senza sottrarsi ad una riflessione critica su quanto la scuola oggi mette in campo.

Il punto di partenza da cui muove il titolo di questo libro è infatti l’ipotesi, il desiderio, la necessità di una scuola diversa: ma diversa da quale e diversa perché?

Quali sono le ombre della scuola tradizionale che negli ultimi anni hanno spinto sempre più famiglie, ma anche insegnanti, a cercare alternative radicalmente “altre”?

Quali sono le ragioni che stanno dietro a dati oggettivi, secondo cui circa un terzo degli studenti vengono bocciati almeno una volta nel corso del loro percorso scolastico e di un quinto sul totale che inizia la scuola secondaria di secondo grado ma non la termina e finisce nel grande buco nero dei dispersi, senza istruzione e senza formazione?

I numeri sono davvero sconfortanti, soprattutto se rapportati alle medie di altri Paesi europei, rispetto ai quali, pur con variabili diverse, ci collochiamo sempre tra gli ultimi posti, sia in termini di dispersione e insuccesso scolastico, sia di investimenti e competenze.

Perché, a fronte di questi dati e di quelli che rincarano le preoccupazioni rilevando in termini negativi le competenze al termine del percorso scolastico, non ci si ferma a interrogarsi se questa scuola, questo modello organizzativo e didattico, questo approccio pedagogico è efficace per il raggiungimento delle finalità per cui la scuola stessa esiste?

Come in ogni pagina di questo testo, porto qui il mio punto di vista, da osservatrice di certo privilegiata in quanto interna alla scuola come docente, periferica ad essa come formatrice ed esterna come mamma; di certo mi sostengono nell’analisi tanti elementi che mi rassicurano sul materiale a mia disposizione su cui riflettere: significativo, eterogeneo per contesti e interlocutori nonché quantitativamente considerevole.

Desidero tuttavia sottolineare il carattere soggettivo di queste riflessioni, e diversamente non potrebbe essere se è vero, come ricorda Savater citando il poeta José Bergamin, che “se fossi un oggetto sarei oggettivo; poiché sono un soggetto, sono soggettivo”.

E quindi prendo posizione e seguo percorsi, verso orizzonti a cui non so rinunciare né per me stessa né per la comunità ristretta o più ampia a cui appartengo. So bene che nella scuola esistono e lavorano parecchi insegnanti appassionati del loro compito e dei bambini che sono loro affidati, persone preparate e scrupolose che però sono ancora (o sono diventati) una minoranza che fatica ad essere riconosciuta e legittimata. Spesso costoro vengono percepiti con fastidio come un gruppo di “primi della classe”, che mettono in discussione le pratiche di una maggioranza che invece è quella parte consistente che ci fa dire - insieme a molti osservatori autorevoli, ai dati internazionali, agli umori e malumori in costante crescita - che oggi in Italia una scuola diversa è necessaria per la sopravvivenza stessa dell’istituzione pubblica."

Sonia Coluccelli

AUTORE

Sonia Coluccelli è insegnante, formatrice e mamma di quattro bimbi. Da circa vent’anni coltiva una continua riflessione pedagogica in ambito scolastico, approfondendo la conoscenza dei diversi approcci educativi, alla ricerca di sguardi attenti ai bambini e alle loro domande. Dal 2012 si occupa di promuovere esperienze montessoriane nella scuola pubblica collaborando con Fondazione Montessori Italia. Vive a Omegna, sulle rive del lago d’Orta.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su