Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Vacanze all'Isola dei Gabbiani

-15%
Vacanze all'Isola dei Gabbiani

  Clicca per ingrandire

Questo romanzo, ambientato nell'isola più lontana dell'arcipelago svedese, "al confine con l'orizzonte", nello splendore dell'estate, è illuminato dalla passione che la famiglia Melkerson prova... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 11 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Questo romanzo, ambientato nell'isola più lontana dell'arcipelago svedese, "al confine con l'orizzonte", nello splendore dell'estate, è illuminato dalla passione che la famiglia Melkerson prova per la Vecchia Falegnameria, un'antica abitazione piena di fascino e misteri.

Un padre svagato, quattro figli pieni di personalità, gli abitanti dell'isola, tanti animali (cani, foche, conigli, pecore, avventure col cielo sereno e con la tempesta: un mondo reale e nelle stesso tempo magico.

Il racconto si sviluppa in una serie di avventure: il primo amore di Karin, la sorella-mamma dei tre ragazzi, le escursioni e le marachelle di Niklas e Johan, la triste sorte del coniglio di Pelle e le comiche avventure dello sbadato padre.

Un brano:

"Nessun membro della famiglia Melkerson poté mai dimenticare quella prima sera nella Vecchia Falegnameria. «Odore di muffa, coperte e materassi gelati» soleva raccontare in seguito Melker a chiunque volesse ascoltarlo, «e Karin con la sua rughetta di preoccupazione sulla fronte, quella che lei pensa che io non noti mai. E io, col cuore stretto, a chiedermi se non avessi combinato una colossale stupidaggine!

Ma i marmocchi, mi sembra ancora di vederli, erano allegri come scoiattoli, e non la smettevano di scorrazzare dentro e fuori. Già... e poi rammento ancora il tordo che cantava sul sorbo, e quel sommesso sciabordìo delle onde contro il pontile, e tutta quella pace, e allora impazzii di colpo e mi dissi: 'No, Melker, stavolta di stupidaggini non ne hai combinate, anzi hai fatto una cosa stupenda, buona e giusta...' Certo è verità sacrosanta che le stanze puzzavano di muffa, e...» «... e così accendesti il fuoco nella cucina a legna» aggiungeva Karin. «ti ricordi?» No, Melker non se ne ricordava, o almeno così affermava."

 

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: ramona - 28 luglio 2011 Acquistato sul Giardino dei Libri

A mio figlio di 11 anni è piaciuto moltissimo. L'ha finito in una settimana !!!

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...