Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 32 punti Gratitudine!


Videogiochiamo a Scuola

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La maggior parte degli insegnanti considera la classica lezione frontale come l'unica possibilità di insegnamento. E con l'avvento del computer non cambia nulla: si adatta il nuovo strumento alla vecchia modalità, riducendone le potenzialità.

Recuperare l'aspetto ludiforme, per mantenere vivi interesse e motivazione, è possibile attraverso l'utilizzo dei videogiochi: spesso demonizzati, possono essere utilizzati in un contesto formativo, con un forte ed immediato impatto sui giovani.

È una questione di forma mentis, di cultura, di ambiente adatti ad una maggiore integrazione tra il mondo esterno alla scuola e quello interno, grazie alla quale apprendimento e insegnamento diventano più fluidi, più interessanti e, perché no, più divertenti.

Questo libro vuole essere una guida all'utilizzo dei videogiochi e delle simulazioni per migliorare le modalità di insegnamento e apprendimento.

Infatti forse è ora di rivedere i classici metodi di insegnamento: da un recente studio emerge che il 67% degli studenti (due su tre) ritiene poco interessanti i programmi didattici e il 52% ritiene preistorici i metodi d'insegnamento. La maggioranza ritiene inoltre la scuola un luogo noioso e poco stimolante.

Un punto chiave è che la scuola non "parla" con un linguaggio tecnologico e non "parla" con un linguaggio che i giovani conoscono. Per il primo non basta sostituire una lavagna con un videoproiettore oppure realizzare tesine con un programma di videoscrittura mentre per il secondo è la difficoltà a dialogare con gli studenti.

AUTORE

Luca Pizzonia, nato a Napoli nel 1969, è Psicologo clinico e di comunità, è specializzato in Psicoterapia Sistemico-Relazionale ed è Consulente Tecnico presso il Tribunale di Napoli. Attualmente svolge la libera professione. Ha lavorato nel settore informatico dalla fine degli anni '80 e ha maturato una significava esperienza nel campo della programmazione. Ha realizzato un software per la gestione di profili di valutazione della disabilità secondo lo standard ICF, in collaborazione con il Dipartimento di Pediatria dell'Università degli Studi di Napoli "Il Policlinico". È Socio Fondatore dell'Associazione ABIO Napoli e docente nei corsi di formazione per aspiranti volontari.

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su